Festival di Sanremo 1972

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival di Sanremo 1972
Edizione XXII
Periodo 24 - 26 febbraio
Sede Salone delle Feste del Casinò Municipale di Sanremo
Presentatore Mike Bongiorno, Sylva Koscina e Paolo Villaggio
Trasmesso da TV
Radio
Partecipanti 28 (28 canzoni)
Vincitore Nicola Di Bari
Premio della critica no
Cronologia
1971 1973

Il ventiduesimo festival della canzone italiana si tenne a Sanremo dal 24 febbraio al 26 febbraio 1972.

In questa edizione, il Comune di Sanremo riprende in mano le redini della manifestazione, lasciando la direzione artistica a Vittorio Salvetti, patron del Festivalbar. L'edizione fu costellata da polemiche causate dall'abbandono di alcuni fonografici e dalla decisa riduzione dei cantanti. Venne richiesto lo sciopero e la sospensione della trasmissione.

La conduzione venne affidata a Mike Bongiorno, affiancato da Sylva Koscina e da Paolo Villaggio nel ruolo del "guastatore".

Fu l'anno del debutto al festival del già notissimo Gianni Morandi e della sconosciuta Carla Bissi, in seguito divenuta celebre con lo pseudonimo "Alice". La vittoria andò a Nicola Di Bari, all'apice del successo con due vittorie consecutive a Sanremo ed una a Canzonissima, anche se la sua canzone ebbe qualche intoppo con la censura.

A dispetto rispettivamente del 6º e 7º posto nella classifica finale, i veri trionfatori sul mercato discografico risultarono i Delirium con la canzone Jesahel e Marcella Bella con Montagne verdi.[1]

Classifica, canzoni e cantantimodifica | modifica sorgente

Posizione Canzone Autori Artista Voti
1. I giorni dell'arcobaleno (Nicola Di Bari, Dalmazio Masini e Piero Pintucci) Nicola Di Bari 343
2. Come le viole (Peppino Gagliardi e Gaetano Amendola) Peppino Gagliardi 168
3. Re di denari (Claudio Mattone e Franco Migliacci) Nada 141
4. Vado a lavorare (Franco Migliacci, Petaluma, Marcello Marrocchi e Vittorio Tariciotti) Gianni Morandi 139
5. Non voglio innamorarmi mai (Moreno Signorini e Giancarlo Bigazzi) Gianni Nazzaro 114
6. Jesahel (Oscar Prudente e Ivano Fossati) Delirium 105
7. Montagne verdi (Giancarlo Bigazzi e Gianni Bella) Marcella Bella 84
8. Piazza Grande (Lucio Dalla, Rosalino Cellamare, Gianfranco Baldazzi e Sergio Bardotti) Lucio Dalla 68
9. Gira l'amore (Caro bebè) (Mario Panzeri e Daniele Pace) Gigliola Cinquetti 67
10. Ti voglio (Ricky Gianco e Gian Pieretti) Donatello 63
11. Un diadema di ciliegie (Romano Bertola) Ricchi e Poveri 57
12. Mediterraneo (Luigi Albertelli e Enrico Riccardi) Milva 43
13. Se non fosse tra queste mie braccia lo inventerei (Elide Suligoj e Luciano Beretta) Lara Saint Paul 38
14. Un calcio alla città (Domenico Modugno, Mario Castellacci e Riccardo Pazzaglia) Domenico Modugno 28

Non finalistemodifica | modifica sorgente

Posizione Canzone Autori Artista Voti
Amici mai (Caviri e Massimo Cantini) Rita Pavone
Ci sono giorni (Vito Pallavicini e Pino Donaggio) Pino Donaggio
Ciao amico ciao (Memo Remigi e Cristiano Minellono) Aguaviva
Era bello il mio ragazzo (Gianni Guarnieri e Pier Paolo Preti) Anna Identici
Forestiero (Stefano Scandolara, Sergio Bardotti e Camillo e Corrado Castellari) Michele
Il mio cuore se ne va (Memo Remigi e Spiker) Carla Bissi
L'uomo e il cane (Fausto Leali e Milena Cantù) Fausto Leali
La foresta selvaggia (Paolo Limiti e Claudio Cavallaro) Marisa Sacchetto
Per amore ricomincerei (Marisa Terzi, Alberto Salerno e Ciro Dammicco) Delia
Portami via (Mario Mellier e Luciana Medini) Angelica
Preghiera (Tony Cucchiara) Tony Cucchiara
Rimpianto (Enrico Riccardi e Luigi Albertelli) Bobby Solo
Un gatto nel blu (Totò Savio e Giancarlo Bigazzi) Roberto Carlos
Un viaggio in Inghilterra (Ricky Gianco e Gian Pieretti) Nuovi Angeli

Regolamentomodifica | modifica sorgente

Per la prima volta da questa edizione in poi le canzoni in gara hanno un unico interprete anziché due. Una interpretazione per brano, 14 brani qualificati per la serata finale.

Orchestramodifica | modifica sorgente

Orchestra diretta dai maestri: Renato Angiolini, Alberto Baldan Bembo, Aldo Buonocore, Ruggero Cini, Bill Conti, Nando de Luca, Romano Farinatti, Enrico Intra, Natale Massara, Mario Mellier, Gianfranco Monaldi, Franco Orlandini, Piero Pintucci, Gian Franco Reverberi e Vince Tempera. L’Orchestra di Franck Pourcel riassume i motivi.

Esclusimodifica | modifica sorgente

Le canzoni presentate alla giuria in quest'anno sono state 102. Molti gli interpreti che non superano la selezione iniziale:[2] Claudio Villa, Tony Renis, Mia Martini, Robertino, Sergio Leonardi, Mino Reitano, Dino, Luciana Turina, Louiselle, I Capitolo Sei, Orietta Berti, Camaleonti [3], Rosalino, Alain Barrière, Tony Dallara, Piero Focaccia, Aura D'Angelo, Carmen Villani, Dik Dik, Marisa Sannia, I Giganti, Tony Astarita, Rosanna Fratello [4], Peppino Di Capri, Paolo Mengoli.

Organizzazionemodifica | modifica sorgente

Comune di Sanremo

Direzione artisticamodifica | modifica sorgente

Elio Gigante

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ di Paolo Ruggieri, Canzoni Italiane, Fabbri, 1994, Vol.4, pag.94
  2. ^ SanremoStory - Il 1972 - La storia
  3. ^ 1972 - Radiocorriere n. 7 pag. 19
  4. ^ 1972 - Radiocorriere n. 11 pag. 25
Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo







Creative Commons License