Fiat 2800

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il cingolato della seconda guerra mondiale, vedi Fiat 2800 (trasporto truppe).
Fiat 2800
1406RomaFiat2800Quirinale.jpg
La 2800 Torpedo
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Berlina
Altre versioni torpedo
Produzione dal 1938 al 1944
Sostituisce la Fiat 525
Sostituita da Fiat 1900
Esemplari prodotti 620
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 5.300 mm
Larghezza 1.800 mm
Passo 3.200 mm
Massa autotelaio nudo 900 kg

La Fiat 2800 è una berlina prodotta dalla Fiat dal 1938 al 1944 in 620 esemplari.

Il contestomodifica | modifica sorgente

Pur riprendendo le innovazioni stilistiche della 1500 C la 2800 fu l'ultimo modello sostanzialmente nuovo uscito dalle fabbriche Fiat prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. La sua progettazione venne richiesta ai vertici Fiat da Benito Mussolini che voleva un'ammiraglia da "parata" da contrapporre alle Mercedes-Benz dell'epoca.

Cinque furono costruite in versione torpedo a 6 posti, vennero immatricolate dal ministero dell'Interno e divennero l'auto di rappresentanza sia dei gerarchi fascisti che, nel dopoguerra, dei primi Presidenti della Repubblica. Fu la vettura usata da re Vittorio Emanuele III durante la fuga da Roma alla volta di Pescara.

Lo stile e la meccanicamodifica | modifica sorgente

Stilisticamente anticipava nella linea del cofano e nel muso allungato la linea della nuova 1100 che uscirà l'anno successivo. La meccanica era invece quella standard Fiat del momento completata da un motore da 2.852 cm³ in grado di sviluppare una potenza di circa 85 cv. Un motore di così grande cilindrata non sarà più nei listini Fiat per molti anni, sino alla presentazione della Fiat 130.

Dal telaio della 2800 vennero anche tratte versioni speciali ad opera dei più noti carrozzieri come Pininfarina e Zagato.

La Fiat 2800 CMCmodifica | modifica sorgente

Fiat 2800 CMC
Fiat 2800 CMC.jpg
Descrizione
Tipo veicolo da collegamento
Costruttore Fiat
Data impostazione 1939
Utilizzatore principale ItaliaRegio Esercito
Sviluppato dal Fiat 2800
Dimensioni e peso
Lunghezza 4,795 m
Larghezza 1,275 m
Altezza 1,377 m
1,768 m con capotte chiusa
Peso 1,97 t
Capacità combustibile 74 l
Propulsione e tecnica
Motore Fiat 2800 MC a benzina, 6 cilindri da 2.852 cm³
Potenza 85 CV
Trazione 4×2
Prestazioni
Velocità max 155 km/h
Autonomia 300 km
Pendenza max 25°

[1]

voci di veicoli militari da trasporto presenti su Wikipedia

Nel 1939 viene introdotta la Fiat 2800 CMC, ovvero Corta Militare Coloniale, impiegata dai comandi del Regio Esercito durante la seconda guerra mondiale. Essa differisce dal modello civile essenzialmente per le dimensioni più compatte, per la carrozzeria più squadrata e spartana e per gli pneumatici maggiorati da 4×18.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili







Creative Commons License