Filippo Maria Albertino Bellenghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo Maria Albertino Bellenghi (Forlimpopoli, 23 settembre 1757San Gregorio sul Monte Celio, 22 marzo 1839) è stato un teologo e naturalista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Frate camaldolese dal 1773, dopo aver completato gli studi teologici fu vicario generale e procuratore del suo ordine, consultore della Congregazione dell'Indice, presidente del Collegio filosofico dell'Università di Roma, arcivescovo di Nicosia, visitatore apostolico in Sardegna e nelle diocesi di Forlì.

Autore di molte opere di teologia, morale, diritto canonico e archeologia sacra, si occupò anche si scienze naturali con lo scopo di valorizzare e sfruttare convenientemente i boschi. Studioso della flora appenninica, pubblicò un libro avente per oggetto il Processo sulle tinte che si estraggono dai legni ed altre piante indigene (1811), che gli valse la medaglia d'argento all'Istituto di scienze, lettere e arti del Regno d'Italia.

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License