Flores (Indonesia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flores
Flores Topography.png
Geografia fisica
Localizzazione Mar di Giava
Coordinate 8°37′S 121°08′E / 8.616667°S 121.133333°E-8.616667; 121.133333Coordinate: 8°37′S 121°08′E / 8.616667°S 121.133333°E-8.616667; 121.133333
Superficie 14.300 km²
Geografia politica
Stato Indonesia Indonesia
Centro principale Maumere
Demografia
Abitanti 1.500.000 ca.
Cartografia
Mappa di localizzazione: Indonesia
Flores

senza fonte

voci di isole dell'Indonesia presenti su Wikipedia
Mappa dell'Indonesia, con'isola di Flores evidenziata in giallo

Flores (in portoghese "fiori") è una delle Piccole Isole della Sonda, dalla superficie di circa 14.300 km² e dalla popolazione stimata a 1,5 milioni di abitanti; il centro abitato principale è Maumere.

Flores è situata ad est di Sumbawa e Komodo ed a ovest di Lembata e dell'arcipelago di Alor; a sud-est dell'isola sorge Timor, a sud c'è Sumba e a nord, oltre il Mar di Flores, c'è l'isola di Sulawesi.

L'isola è compresa amministrativamente nella provincia di Nusa Tenggara Orientale; è divisa in otto distretti governativi locali:



Orografia e climamodifica | modifica sorgente

Su Flores sono presenti vari vulcani attivi, come il Kelimutu, il monte Egon, l'Ilimuda.

Fauna e floramodifica | modifica sorgente

Oltre a Komodo, Flores è l'unica altra zona dove possono essere avvistati varani di Komodo selvatici, in particolare nella zona orientale dell'isola; essa, inoltre, ospita l'endemico ratto gigante di Flores.

Antropologia ed evoluzionemodifica | modifica sorgente

Nel 2003, in una caverna dell'isola, furono rinvenuti i resti di una nuova specie di ominide, denominata Homo floresiensis, simile ad una versione rimpicciolita dell'Homo erectus, misurando meno di un metro d'altezza; i protagonisti dei racconti del folklore locale, come l'Ebu Gogo o l'Orang Pendek di Sumatra, creature simili a gnomi, hanno subito fatto pensare ad un'eventuale sopravvivenza di quest'ominide fino a tempi recenti, od addirittura fino ai giorni nostri. Inoltre, sull'isola visse lo Stegodon sompoensis, un elefante nano di 18.000 anni fa.

Etnografiamodifica | modifica sorgente

Sull'isola si parlano almeno 6 lingue (da est a ovest; Ngadha, Nage, Keo, Ende, Lio e Palu'e), tutte appartenenti al ceppo austronesiano. Nei distretti di Ngada ed Ende, si parla la catena di dialetti di Flores centrale; all'interno di quest'area, vi sono differenze linguistiche fra villaggio e villaggio. Le popolazioni locali considerano lingue a parte anche il So'a ed il Bajawa, che però gli antropologi hanno marcato come dialetti dello Ngadha.

I primi europei a mettere piede sull'isola furono i mercanti portoghesi durante il XVI secolo; essi ebbero contatti soprattutto con Larantuka e Sikka, nel linguaggio e nella cultura dei quali hanno lasciato una profonda impronta.

Storiamodifica | modifica sorgente

L'isola di Flores venne colonizzata dai Portoghesi a partire dal XVI secolo, ma inizialmente in modo secondario rispetto ad altre zone dell'arcipelago; quando però gli Olandesi nel XVII si impadronirono della quasi totalità dell'arcipelago indo-malese, i Portoghesi furono costretti ad andarsene prima da Malacca e poi da Makassar e perciò si rifugiarono nella zona di Larantuka, sulla parte orientale dell'isola di Flores, dove si mischiarono alla popolazione locale. Questa unione diede vita ad una popolazione detta in portoghese dei Larantuqueiros (abitanti di Larantuka), che gli Olandesi soprannominarono anche Zwarte Portugeesen ("portoghesi neri"). I Larantuqueiros pur riconoscendo la sovranità formale del re del Portogallo costituirono sull'isola e per alcuni secoli, uno stato praticamente indipendente, influenzando così pesantemente la lingua e la religione di Flores. Tra il 1854 e il 1859 il Portogallo vendette la sovranità su Flores all'Olanda mantenendo nella zona, solo la vicina colonia di Timor Est.

Religionemodifica | modifica sorgente

Flores, a differenza di gran parte dell'Indonesia, è per la stragrande maggioranza di fede cattolica, e rappresenta il confine fra l'espansione del cattolicesimo nell'Oceano Pacifico e l'inizio della zona islamizzata dell'Asia.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License