Folk metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Folk metal
Origini stilistiche Heavy metal o qualsiasi sottogenere
qualsiasi stile di Musica folk
Origini culturali Gran Bretagna e Irlanda inizi anni novanta.
Strumenti tipici Voce
Chitarra
Basso
Tastiera
batteria
Sono usati spesso strumenti come Violino, Fisarmonica, Flauto, Percussioni e Arpa
Popolarità Underground
Generi derivati
Celtic metal
Medieval metal
Oriental metal
Latin metal
Generi correlati
Viking metal
Pagan metal
Categorie correlate

Gruppi musicali folk metal · Musicisti folk metal · Album folk metal · EP folk metal · Singoli folk metal · Album video folk metal

Il Folk metal è un sottogenere dell'heavy metal che è stato sviluppato in Europa durante gli anni novanta. Come si può capire dal nome, il genere è una fusione dell'heavy metal con Musica folk. Ciò include, quindi, l'utilizzo di strumenti popolari e, in minor misura, stili di canto tradizionali (per esempio, gli olandesi Heidevolk, i danesi Sylvatica e gli spagnoli Stone of Erech).

Il primo esempio di folk metal si può trovare negli inglesi Golgotha, soprattutto nel loro EP del 1984 Dangerous Games contenente un misto di New Wave of British Heavy Metal e stili folk.senza fonte Il genere non fu più sviluppato, almeno fino alla nascita di un'altra band inglese, gli Skyclad. Il loro debut album The Wayward Sons of Mother Earth usci nel 1990. Non fu fino al 1994 e al 1995 che altri contribuenti al genere cominciarono a emergere dalle varie regioni europee e anche da Israele. Tra queste band, la band irlandese Cruachan e la band tedesca Subway to Sally fondarono due importantissimi sottogeneri del Folk metal, ossia il Celtic metal e il medieval metal rispettivamente. Nonostante i loro contributi, il folk metal rimane poco conosciuto, con pochi esponenti durante gli anni novanta. È stato così fino agli inizi del 2000 quando il genere esplose, soprattutto in Finlandia con gruppi come Finntroll, Ensiferum, Korpiklaani, Turisas e Moonsorrow.

La musica del folk metal si caratterizza per la sua diversità con band conosciute per eseguire diversi stili di heavy metal e folk. Una larga gamma di strumenti folk sono usati nel genere, quindi le band hanno spesso sei o più membri nelle loro formazione. Poche band sono conosciute per usare tastiere, sintetizzando quindi il suono degli strumenti popolari. Le liriche nel folk metal, normalmente, riguardano paganesimo, natura, fantasy, mitologia e storia.

Storiamodifica | modifica sorgente

Originimodifica | modifica sorgente

Gli Skyclad dal vivo al settimo Brintaal Celtic Folk Festival

La band inglese Skyclad fu fondata nel 1990 dopo che il cantante Martin Walkyier lasciò la sua precedente band, i Sabbat.[1] Gli Skyclad debuttarono come band thrash metal però avevano delle melodie suonate dal violinista Mike Evans su varie tracce del loro primo album, The Wayward Sons of Mother Earth,[2] una sperimentazione descritta da Eduardo Rivadavia di Allmusic come "ambiziosa" e "innovativa".[3] La canzone "The Widdershins Jig" dal primo album è stata definita come "particolarmente significativa" e "un'ottima realtà nei reami del Metal".[4] Con un violinista fisso nella sua formazione, il secondo album è considerato come un "nuovo leggendario stile folk" and "le parti del violino, ora di maggior importanza, possono essere associate alle linee di chitarra distorta in una qualunque rock band, a patto che quest'ultima non sia gli Skyclad."[2] Gli Skyclad, da allora, sono considerati gli originatori e pionieri del genere,[2][5] con Keith Fay dei Cruachan che cita gli Skyclad come "i creatori del folk metal."[6]

Gli In Extremo live al Masters of Rock 2007

Anche dopo la partenza di Martin Walkyier nel 2001, gli Skyclad rimangono un gruppo folk metal molto attivo oggi, dopo due decenni dalla loro formazione.[4] Al contrario, la band portoghese Moonspell ha avuto una breve permanenza nel genere. La loro prima pubblicazione risale al 1994, con l'EP Under the Moonspell, che unisce l'heavy metal con influenze folk del Medio Oriente.[7] Con la pubblicazione del loro debut album Wolfheart nell'anno seguente, la band si dedicò a una transazione al gothic metal e "velocemente diventò una delle migliori band Gothic metal."[8]

Un'altra classica band contribuente alla nascita del folk metal è la band finlandese Amorphis. Si sono formati nel 1990 con il loro album d'esordio, The Karelian Isthmus, venuto alla luce due anni dopo.[9]

Il loro secondo album Tales from the Thousand Lakes fu rilasciato nel 1994 con "molte melodie e strutture affascinanti largamente ispirate a quelle della musica folk del loro paese."[10] L’album ricevette un’ottima accoglienza dai fan con "il contenuto che risalta velocemente nell’underground del Metal e raggiunge un picco nello sviluppo del Death metal atmosferico."[11]

Variazioni regionalimodifica | modifica sorgente

Tra il 1994 and 1995, alcune distinte variazioni del folk metal emergono da regioni differenti.

Medieval metalmodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Medieval metal.
Four singers perform in the spotlights on stage. One is a female in shorts, a gauzy beige skirt and a leather belt, and plays the fiddle, The males are wearing black sleeveless shirts, black pants and have military-looking gear. A rock band is in the background.
I Subway to Sally, live al Sundstock Openair del 2005, sono considerati i creatori del medieval metal.

La band tedesca Subway to Sally venne fondata nel 1992 come una band folk rock, che canta in inglese e incorpora influence irlandesi e scozzesi nella loro musica.[12] Con il loro secondo album MCMXCV, pubblicato nel 1995, la band adotta "un approccio più tradizionale" e comincia a cantare in Tedesco.[12] Usando gli Skyclad come influenzatori,[13] i Subway to Sally suonano una mistura di hard rock e heavy metal "arricchito con melodie medievali suonate nelle canzoni da cornamuse, ghironde, liuti, mandolini, ciaramelle , violini e flauti" e combinato con "simbolica poesia tedesca"nei loro testi.[14] Con il successo nelle classifiche della Germania,[12] sono accreditati come "la band che ha inventato quello che è conosciuto come medieval rock."[15]

Questo fenomeno prettamente tedesco[15] è stato continuato e sviluppato da band successive. Formati nel 1996, la band berlinese In Extremo ha anche lei trovato successo nelle classifiche con il loro "i loro vestiti medievali usati sul palco e il loro coraggio di usare bizzarri strumenti, talvolta anche fatti a mano, come le cornamuse scozzesi."[16] Un’altra band di questo genere che ha raggiunto il successo in Germania è la band bavarese Schandmaul.[17] Autodefiniti "i menestrelli of di oggi",[15] la band dispone di un organico con cornamuse, organetti, ciaramelle, violini and mandolini.[17]

A.A. Nemtheanga è il cantante della band Celtic metal Primordial

Celtic metalmodifica | modifica sorgente

La band Irlandese Cruachan venne fondata nel 1992 dal chitarrista Keith Fay con il loro primo demo distribuito nel 1993.[18] Prendendo ispirazione dal primo album degli Skyclad, Fay decide di combinare black metal con la musica irlandese.-[19] Il loro primo album,Tuatha Na Gael, fu rilasciato nel 1995 e la band è stata acclamata "per aver fatto il passo più lungo di chiunque altro volesse espandere il folk metal".[20] La sprementazione dei Cruachan, ossia la combinazione di musica celtica e heavy metal è conosciuta oggi come Celtic metal.[21]

I Waylander, qui dal vivo al Cernunnos Pagan Fest 2008, sono uno dei maggiori esempi di Celtic metal.

Parallelamente ai Cruachan, la band black metal Primordial ha anche lei rilasciato un demo nel 1993 e "si sono ritrovati come gli apripista della seconda ondata del black metal."[22] La musica irlandese ricopre "un ruolo molto importante" nei Primordial ma in "un modo oscuro e sottile" negli accordi e nei tempi.[23] La band si è pure "stabilita come una delle migliori band di "folk-con-black metal"."[24] Altri classici esempi di Celtic metal possono essere Geasa, Waylander, Suidakra, Furor Gallico e Eluveitie,[21] con i primi tre gruppi che rilasciano un demo nel 1995.[25][26]

Sviluppomodifica | modifica sorgente

La band israeliana Orphaned Land, live al Summer Breeze Open Air 2007, è un classico esempio di folk metal extraeuropeo.

La band progressive metal Orphaned Land venne fondata nel 1991 in Israele. Con il loro primo e unico demo The Beloved's Cry pubblicato nel 1993, "immediatamente crea un nuovo genere"[27] che"velocemente attira molta attenzione con il suo stile poco ortodosso."[28] I membri del gruppo sono ancora adolescenti quando pubblicano il loro primo album Sahara nel 1994. La musica degli Orphaned Land "Si ispira agli stili musicali del Medio Oriente"[28] con elementi tradizionali provenienti dalla musica folk ebraica e da quella araba.[29]

Dalla metà degli anni novanta, poco a poco emersero altre band in grado di combinare l’heavy metal con il folk. Gli Storm era un supergruppo norvegese con Fenriz, Satyr e Kari Rueslåtten rispettivamente dalle band black metal Darkthrone, Satyricon e la band doom metal The 3rd and the Mortal.[30] Il loro unico album Nordavind venne rilasciato nel 1995 con l’uso di tastiere per imitare il suono di strumenti folkloristici.[31] I tedeschi Empyrium inoltre si basano sui sintetizzatori e sulle chitarre per unire il loro "oscuro folklore" con il black metal nel loro primo album A Wintersunset.[32]

I Mägo de Oz sono una delle prime band folk metal.

L’anno 1996 vede anche il debutto della one-man band black metal del polistrumentista Vratyas Vakyas, conosciuta come Falkenbach.[33] Nonostante i Falkenbach vennero fondati nel 1989, la band non ricevette molta attenzione fino al debutto discografico, che include musica epica "completa di tastiere, temi vichinghi e tendenze verso strutture e melodie folk". Falkenbach, in effetti, suona un misto di Viking metal e folk metal.[33] A loro si aggiungono, negli anni successivi, alter band che combinano i due generi, come Windir,[34] Månegarm[35] e Thyrfing.[36]

Precedendo molte band folk metal, la band spagnola Mägo de Oz venne formata nel 1989, con l’omonimo debut album, pubblicato nel 1994.[37] Con nove membri nella sua formazione, includendo un violinista e un flautista, la band si è evoluta negli anni con una combinazione di power metal e celtic metal.[37][38] Loro hanno avuto un fortissimo successo nelle classifiche in patria, così come in Sudamerica[39] e in Messico

I The Lord Weird Slough Feg, dalla Pennsylvania, negli Stati Uniti avevano anche loro una prima formazione risalente a prima del 1990.[40] Il loro eponimo debut album venne rilasciato nel 1996 e le band ha seguito "uno stile unico che combina del tradizionale power metal con il folk metal."[41]

La band ceca Silent Stream of Godless Elegy venne fondata nel 1995 come una band doom metal "legata all'immagine pagana e talmente avventurosa da includere violini e violoncelli all'arsenale tipico di una rock band".[42] Con la pubblicazione del secondo album Behind the Shadows nel 1998, la band comincia a inserire elementi folkloristici nella loro musica.[43]

Esplosionemodifica | modifica sorgente

I Cruachan at Global East Rock Festival 2010
Four long haired musicians perform on a small stage in the spotlight, long hair swinging. The singer, wearing a black leather floor-length skirt, and the bass guitar player are bare chested with black leather wrist bands. The two other guitar players are in sleeveless black shirts, one with knee-length jeans and the other with black wrist band. Amplifiers crowd the stage.
I Finntroll sono una famosa band folk metal con le liriche interessate ai troll e alla humppa.

Il folk metal si è enormemente espanso con l'arrivo del nuovo millennio. I capostipiti di questa esplosione, con "un rivoluzionario scontro tra la tradizione e l’amplificazione che li ha messi da parte", sono un gruppo finlandese conosciuto come Finntroll.[44] La band venne fondata nel 1997 dal chitarrista degli Impaled Nazarene, esordirono con un demo registrato l’anno seguente e con il debut album Midnattens Widunder, rilasciato nel 1999.[45] I loro testi sono cantati esclusivamente in svedese al posto della lingua finlandese "apparentemente perché lo svedese era migliore per evocare lo spirito dei troll",[44] anche se la vera ragione di questo è che il cantante faceva parte della minoranza svedese. La musica dei Finntroll è una"vera innovazione" nell’accostamento della polka finlandese, chiamata humppa, con il black metal. In particolare, la band prende dalla humppa "Le linee di basso suonate in alternate picking, accompagnate dal rullante e l'uso della fisarmonica".[46] Questo misto di polka e metal estremo ha avuto diverse ricezioni. Andy Hinds di Allmusic si lamenta per le influenze di polka, etichettandole come "la normale minaccia di una band death metal"[47] mentre il suo collega Alex Henderson elogia la band per il loro "sempre solido e consistente sforzo", dichiarando che i Finntroll si distinguono dalla massa "grazie alla loro enfasi sulla polka finlandese e all’humor e l’ironia che portano in tavola."[48]

Il secondo album dei Finntroll Jaktens Tid venne pubblicato nel 2001 e trova un successo nella loro terra natia.[49] Molte delle canzoni dell'album sono cantate da Jonne Järvelä dei Korpiklaani (all'epoca Shaman), un'altra band finlandese.[50] Al contrario di altri gruppi folk metal, che cominciano come normali band metal prima di aggiungere influenze folk, i Korpiklaani cominciano come band folk prima di dedicarsi al metal.[51] Le radici dei Korpiklaani (anzi degli Shaman), si possono trovare in un gruppo di musica Sami chiamato Shamaani Duo,[52] fondata nel 1993.[53] Un album di musica folk, chiamato Hunka Lunka, venne pubblicato nel 1996, quando Jonne Järvelä decise di trasformare la band, innanzitutto dal nome, da Shamaani Duo a Shaman.[54] Il folk metal degli Shaman era basato sulla musica folk degli Shamaani Duo.[55] Due album vennero pubblicati a questo nome. Il primo, Idja, venne pubblicato nel 1999 e il secondo, Shamániac, nel 2002, quando gli Shaman cambiano nome in Korpiklaani.[54] Il cambio del nome viene accompagnato dal cambio di musica. Le voci in yoik e l'uso del lingua sami vengono troncati, mentre il sintetizzatore viene rimpiazzato da veri strumenti folk.[56] Jonne Järvelä accredita il suo cambio di genere ai Finntroll.[57]

Long-haired man in beige shirt with wide sleeves and a brown leather vest and pants, plays the electric guitar on stage and sings. There is a large pair of felt antlers pinned to the microphone.
Jonne Järvelä dei Korpiklaani ha suonato folk acustico per cinque anni prima di spostarsi sul folk metal.[58]
I Moonsorrow sono uno dei gruppi più importanti della scenda folk metal finlandese, fondati da Ville Sorvali insieme a suo cugino Henri, anche tastierista dei Finntroll.

Mentre i Korpiklaani usano dei veri strumenti folk, quindi non campionati, per suonare le melodie folk,[55] i Finntroll ripiegano sulle tastiere per le melodie folk suonate in stile humppa.[45] Le tastiere nei Finntroll vengono suonate da Henri Sorvali, che suona anche nei Moonsorrow, un'altra band folk metal finlandese fondata con suo cugino Ville Sorvali nel 1995.[59] Loro hanno rilasciato due demo, il primo nel 1997 e l'altro nel 1999, prima dell'esordio del 2001 Suden Uni.[60] I Moonsorrow fondono il folk metal col Viking metal incorporando "Elementi e forme tradizionali finniche in elaborati arrangiamenti sinfonici tipici delle band Viking metal come Bathory e Enslaved."[61] L'adozione di elementi folk nel metal "è diventato di gran moda" in Finlandia a questo punto[62] e altre band folk metal finlandesi cominciano ad emergere nei primi 2000, tra cui Cadacross,[62] Ensiferum[63] e più tardi Turisas[64] e Wintersun.[65] Gli Ensiferum, in particolare, si sono trovati al primo posto nelle classifiche finlandesi col loro singolo del 2007 "One More Magic Potion".[66] Anche Finntroll, Korpiklaani, Moonsorrow e Turisas hanno trovatop successo nelle classifiche in patria.[67]

Anche dagli altri paesi scandinavi provengono ottimi gruppi folk metal. La band norvegese Glittertind entro nella playlist del canale radio norvegese più famoso, NRK P1 con la canzone "Går min eigen veg"[68] quando il loro secondo album Landkjenning entra nelle classifiche norvegesi al numero 20 nel maggio 2009.[69] Altre band norvegesi sono gli Storm e i Windir, così come gruppi più recenti, tipo Kampfar,[70] Lumsk,[71] Ásmegin e Trollfest.[72] Le band svedesi includono i già citati Thyrfing and Månegarm, ma anche Otyg[73] e Vintersorg.[74] Band folk metal danesi includono i Wuthering Heights,[75] Svartsot,[76] e i faroesi Týr.[77]

Gli Skiltron sono una band Celtic metal argentina, un'anomalia geografica, dato che il celtic metal deriva dall'Irlanda.

Fuori dalla Scandinavia, altre nazioni europee hanno contribuito a formare il genere, come i gruppi dagli stati baltici, ossia Estonia, Lettonia e Lituania, tra cui ci sono Metsatöll[78], Raud-Ants[79], Skyforger[80] e Anubi (con le tematiche riguardanti l'Antico Egitto) mentre i rappresentanti dalla Russia includono Alkonost,[81] Arkona[82][83] e i Butterfly Temple.[84] Altri casi isolati in Europa sono Divlje Jagode (fragole selvatiche in bosniaco) dalla Bosnia, i Balkandji dalla Bulgaria,[85] Dalriada, Pallmetta, Sacra Arcana, KerecsenSólyom e Virrasztók dall'Ungheria, Gli Elvenking,[86] i Fiaba, i Kalevala Hms e i Folkstone e Diabula Rasa dall'Italia, gli Holy Blood dall'Ucraina e gli Eluveitie dalla Svizzera.[87] I Folkearth sono un progetto internazionale di folk metal con membri provenienti da tutta Europa. All'inizio, il progetto consisteva di 14 musicisti folk e metal.[88] Con il suo secondo album By the Sword of My Father pubblicato nel 2006, il progetto vantava 31 musicisti.[89]

Fuori dal continente europeo, il folk metal è relativamente raro, con band principali The Lord Weird Slough Feg e gli americani Agalloch. La loro musica è considerata "un'anomalia geografica, si capisce dalla sua ecletticità, un "avant-garde folk-metal" è quello che uno si aspetta fuori dalla Scandinavia."[90] I Tuatha de Danann sono un'altra anomalia geografica, col loro Celtic metal dal Brasile.[91]

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

Musicamodifica | modifica sorgente

Con influenze che includono i Dream Theater, i Faroesi Týr uniscono il progressive metal con la musica folk.[92]

La musica del folk metal è una collezione di band che seguono diversi sottogeneri dell'heavy metal. Mentre band come Primordial, Finntroll e Kukulkan fanno black metal, altri gruppi come The Lord Weird Slough Feg e Alestorm suonano con la base ben piantata nel Power metal o nel metal tradizionale. La band tedesco-norvegese Midnattsol fonde il genere col gothic metal.[93] Tendenze progressive possono essere trovate in molte band, come Elvenking,[94] Lumsk[71] e Týr.[95] Molte band sono conosciute per adottare più stili di heavy metal contemporaneamente. Gli Orphaned Land combinano il folk metal con il progressive metal e il Death doom metal[96] mentre gli Ensiferum mischiano il folk con un ibrido di Power metal e death metal.[63] Pochi gruppi sono anche conosciuti per inglobare stili di generi estranei all'heavy metal. Alcuni esempi sono il punk rock nella musica dei Glittertind[97] e il neofolk e il post-rock negli Agalloch.[98]

Gli elementi folk nel genere riflettono la provenienza etnica dei musicisti, come nel caso della humppa nei Finntroll e nei Korpiklaani,[54], la musica slavo-russa negli Holy Blood e negli Arkona, la musica baltica nei Metsatöll[99] e negli Skyforger[80] o la musica mediorientale degli Orphaned Land.[28] La musica celtica può essere trovata in gruppi irlandesi come Cruachan e Waylander[21] o anche in gruppi non irlandesi come gli svizzeri Eluveitie[100] (ma la Svizzera è considerata un paese della storia celtica), e i Tuatha de Danann (dal Brasile, un paese che non fa parte della cultura celtica, nonostante la somiglianza del nome del paese con il nome di un'isola della mitologia celtica).[91] Stili di folk provenienti da più regioni si trovano nella musica degli Elvenking[101] e degli Ensiferum.[102]

Il genere offre anche una varietà di atmosfere. Una natura allegra e divertente si può trovare nei Trollfest e nei Korpiklaani.[103] Queste band sono conosciute per questa musica anche perché è molto ballabile.[104] Al contrario, altri gruppi come Thyrfing e Primordial sono conosciuti per la loro atmosfera contemplativa.[103] I Lumsk offrono uno stile morbido[105] mentre gli Agalloch sono conosciuti per il loro sound "depressive ambient".[106]

Un'atmosfera epica è caratteristica di molte band folk metal, come Primordial,[107] Moonsorrow,[108] Turisas[109] e del progetto Folkearth.[88] Gruppi come Ensiferum e Wintersun sono conosciuti per avere un lato melodico[102][110] mentre altre band preferinscono un approccio più brutale, come i Finntroll[111] e i Månegarm.[112]

Strumentimodifica | modifica sorgente

Gli Eluveitie live al 2007 Cernunnos Fest a Parigi, Francia, con una mandola, un tin whistle e un violino.

I Folk metal usa principalmente gli stessi strumenti dell'heavy metal classico: chitarre, basso, batteria e cantante. Mentre pochi gruppi folk metal come Tharaphita si disfano "di ogni strumento folkloristico" e "si affidano soltanto di strumenti metal tradizionali,"[113] le band generalmente usano degli strumenti folk che vanno dal comune all'esotico.[114] Molti gruppi folk metal includono un violinista nella loro formazione. Alcune di queste bando sono gli Skyclad,[4] i Subway to Sally,[13] gli Schandmaul,[17] i Mägo de Oz,[39] i Silent Stream of Godless Elegy,[42] i Korpiklaani,[50] i Lumsk,[71] gli Elvenking,[86] gli Eluveitie[87] e i Tuatha de Danann.[115] Il tin whistle e il flauto vengono usati soprattutto da band Celtic metal come i Cruachan,[18] i Waylander[26] e gli Eluveitie.[87] Il flauto (e anche il tin whistle) possono essere trovati anche in band estranee al celtic metal, come i Metsatöll,[78] gli Schandmaul[17] e i Morgenstern.[116] Molte band sono conosciute per usare degli strumenti esotici provenienti dal loro paese, come l'uso da parte degli Skyforger del kokle lettone,[117] l'uso da parte dei Metsatöll del torupill (una cornamusa estone),[118] l'uso dei Korpiklaani del kantele,[57] gli Eluveitie che usano l'hurdy-gurdy (una specie di ghironda della musica celtica),[87] e l'uso da parte degli Orphaned Land dell'oud e del saz.[29]

In assenza di strumenti folk, altre band usano le tastiere per replicare il suono degli strumenti folk. Alcune di queste band sono gli Storm, gli Empyrium e i Finntroll, così altri gruppi, come i Midnattsol[93] e i Die Apokalyptischen Reiter. Esistono anche band che, insieme agli strumenti folk aggiungono le tastiere, come gli Skyclad,[1] i Mägo de Oz[39] e i Tuatha de Danann.[115]

Gli Skyforger, qui live al Cernunnos Fest 2007 a Parigi, France, con delle cornamuse, inizialmente avevano una guest star a suonare gli strumenti folk, al giorno d'oggi hanno un membro ufficiale della band.[119]

Il grande numero di strumentisti in studio può essere un ostacolo per le performance dal vivo. Mentre gli Orphaned Land riescono a suonare con venti musicisti sul palco in Israele (la loro madrepatria), nei concerti altrove sono costretti a ripiegare su un computer per le parti degli strumenti folk.[120] Molti combo folk metal sono conosciuti solo per gli album in studio e non fanno performance dal vivo. tra queste band ci sono i Folkearth,[89] i Falkenbach[121] e i Summoning.[122] Molte band folk metal espandono la loro formazione facendo entrare nella band i turnisti, quindi sono molto comuni band con sei o più membri nella loro formazione regolare. Alcuni dei sestetti nel genere sono gli Schandmaul,[17] i Cruachan,[18] i Korpiklaani,[50] i Turisas[123] e i Midnattsol,[93] mentre i sestetti includono i Subway to Sally,[13] gli In Extremo[16] e i Lumsk.[71] Sia i Silent Stream of Godless Elegy[42] e gli Eluveitie[87] vantano otto membri ufficiali mentre i Mägo de Oz dispongono in totale di nove musicisti.[39] Anche qualche band con molti strmentisti usa qualche guest per migliorare il sound. Per esempio, i Lumsk hanno aggiunto tredici guest nel loro album d'esordio Åsmund Frægdegjevar.[124] A volt, le guest diventano famose per diventare membri a pieno titolo della band, come negli Skyforger[119] e nei Turisas.[64]

Vocemodifica | modifica sorgente

Equilibrium live at Bloodstock 2009. Questa band usa molto la voce death.

La grande varietà di stili musicali e di strumenti è contornata dalla varietà di stili vocali. Dall'"agghiacciante growl" nei Finntroll[111] agli scream tipici del black metal degli Skyforger[80] o dei Moonsorrow,[108] non vi è carenza di stili di voce estremi nel folk metal. Altre band che usano stili di voci estremi sono i Cadacross,[125] gli Ensiferum[126] e gli Equilibrium.[127] Al contrario, band come i Mägo de Oz[38] e i Metsatöll sono conosciuti per usare uno stile di canto "pulito" più in linea con il loro approccio tradizionale. Molte band nel genere usano sia voci estreme che stili di canto puliti. Tra queste ci sono i Primordial,[24] i Turisas,[128] i Windir[129] e i Wintersun.[110]

I Bran Barr al Cerunnos Fest di Parigi.

Gli stili di canto tradizionali possono essere anch'essi trovati nel genere. Oltre ai già citati Heidevolk, le parti cantate in yoik di Jonne Järvelä possono essere trovate molte volte negli Shaman,[56] nei Finntroll[130] e nei Korpiklaani.[131] Cantato folk o comunque ispirato adesso si può trovare negli Equilibrium,[127] nei Metsatöll,[132] negli Skyforger[133] e negli Orphaned Land.[134] La musica degli Orphaned Land usa anche canti e cori, molto presenti anch'essi nel folk metal. Alcune band utilizzanti spesso i cori sono gli Arkona,[82] i Turisas,[109] i Lumsk[135] e gli Eluveitie,[136] mentre i canti si trovano nella musica dei Týr[137] e dei Windir.[138] Alcune band come i Falconer e i Thyrfing sono anche noti per usare "melodie popolari yo-ho-ho " nelle loro voci per seguire lo stile viking metal.[139][140]

Gli Orphaned Land normamente cantano in inglese, ma usano anche dei linguaggi che "vanno bene con la musica e hanno un suono esotico e unico." Anche i Týr usano diverse lingue nella loro musica.[141] Alcune band, invece, cantano sempre, o quasi, nella loro lingua madre, come i Mägo de Oz in Spagnolo,[38] i Moonsorrow in Finlandese,[61] i Metsatöll in Estone[132] e i Lumsk in Norvegese.[135] Le band medieval metal tedesche usano spesso o sempre la lingua tedesca. Tra questi, ci sono i Subway to Sally,[142] i Morgenstern[143] e i Letzte Instanz.[144]

Sono abbastanza comuni nel genere anche cantanti femminile con stili di voce estremi come nei Cruachan,[18] negli Otyg,[73] nei Lumsk,[71] negli Arkona[82] e nei Midnattsol.[93] Altri gruppi come Orphaned Land ed Elvenking usano voci femminili.[86][120]

Testimodifica | modifica sorgente

Le liriche del folk metal riguardano paganesimo, natura, fantasy, mitologia e storia.

Il folk metal è stato associato al paganesimo fin dalla sua nascita, quando Martin Walkyier lascia i Sabbat per formare gli Skyclad, in parte perché la band "non voleva cambiare tematiche, cominciando a cantare del paganesimo inglese, che era quello che cercavo".[145] Di conseguenza, le liriche degli Skyclad riguardano questioni pagane.[4] Anche i Cruachan sono stati formati da un "autodescritto" pagano, Keith Fay.[19] Per Ville Sorvali dei Moonsorrow, l'etichetta "pagan metal" è preferibile "perché descrive le liriche della musica, ma non dice niente sulla musica strumentale."[146] Altre band che preferiscono usare il termine "pagan metal" per descriversi sono i Cruachan,[147] gli Eluveitie,[148] gli Obtest[149] e gli Skyforger. Al contrario delle band Pagan metal, le band oriental metal come gli Orphaned Land hanno temi riguardanti l'Ebraismo.

I Turisas, qui live nel 2008, hanno toccato temi come il rapporto di amicizia tra popoli attraverso testi fantasy a tema.[150]

La natura è una forte influenza per le band folk metal.[114] Gruppi come Korpiklaani,[54] Elvenking,[151] Midnattsol[152] e Vintersorg[153] hanno molti testi basati sull'argomento. Per gli Agalloch, la natura viene usata nelle liriche "perché ci schieriamo insieme a delle vittime dell'umanità, che le sta distruggendo."[154] Tutti i membri degli Skyclad sono "supporter di organizzazioni come Greenpeace e altri, per questo sono quelli che difendono la terra e si preparano alla battaglia" tra "la gente che vuole salvare il pianeta e quelli che vogliono distruggerlo."[155]

Gli Skyclad, i pionieri del genere, non usano liriche fantasy perché "c'è già un sacco di fantasia nel, mondo, tutto quello che ci dicono i politici è fantasia."[155] Tuttavia, altre band usano temi epici e fantasy, come gli Ensiferum,[156] i Midnattsol[152] e i Cruachan.[147] Per gli Elvenking, i testi fantasy sono usati "come una metafora per coprire i significati più profondi."[157] Analogamente, i testi fantasy dei Turisas smentiscono la copertura dei problemi "che hanno un significato più grande e profondo."[150]

Il celtic metal fa un largo uso di testi ispirati alla mitologia celtica.[21] La storia dei Celti è anch'essa una fonte di testi. Tra le band che seguono questo filone ci sono i Cruachan,[19] gli Eluveitie,[148] i Primordial[158] e i Mael Mórdha.[159] La mitologia norrena può essere trovata nei testi di band come Falkenbach,[121] i Týr,[92] Finntroll[160] e i Mithotyn.[161] Gli Skyforger usano in grande quantità liriche ispirate alla mitologia e alla storia lettone.[119] Altre band che hanno messo la storia in musica sono i Falconer[161] e gli Slechtvalk.[162]

Alcune band, come i Glittertind, hanno espresso opinioni socialiste. Foto da Borgund Stave Church in Sogn og Fjordane (2009).

Poche band NSBM, come gli ucraini Nokturnal Mortum,[163] i russi Temnozor[164] e i Kroda[165] sono stati conosciuti per attraversare nel folk metal, una circostanza che Ciaran O'Hagan, il cantante dei Waylander, vede come "un insulto alle persone come me che non hanno ideali fascisti."[166] Egli aggiunge che quelle band NSBM "stanno suonando folk metal per tutte le ragioni sbagliate." A causa dell'uso di simboli pagani da parte del Neonazismo, alcune band folk metal sono state scambiate per parte della NSBM. Di conseguenza, band come Cruachan,[19] Skyforger,[133] Moonsorrow,[167] Månegarm e Týr[168] hanno dovuto dimostrare di non essere nazisti, fascisti o razzisti. Gli Skyforger hanno aggiunto nel retro dei loro album la scritta 'No Nazi Stuff Here!'.[169] Richard Lederer dei Summoning ha denunciato con uno scritto sul sito internet della band il Nazionalsocialismo.[170] Nell'aprile 2008, al festival folk metal Paganfest, le band lì presenti vennero accusate dall'Antifa tedesca di essere nazisti, fascisti e razzisti. Ville Sorvali dei Moonsorrow e Heri Joensen dei Týr hanno rilasciato un video congiunto, dicendo che "sembra che il più grande problema sia che usiamo antichi simboli scandinavi, come la S nel logo dei Moonsorrow e la T nel logo dei Týr. Il problema è che queste lettere sono parte dell'alfabeto runico da millenni e solo recentemente sono collegati al nazismo."[171] I Moonsorrow hanno anche rilasciato una dichiarazione scritta in risposta alle polemiche[172] mentre i Týr fanno notare che "l'idea per il logo di rune è venuta fuori dall'omonimo album dei Black Sabbath"e, nel loro album The Lay of Thrym hanno fatto una canzone, Shadow of the Swastika, il cui testo è chiaramente antinazista. Sul lato opposto del panorama politico, alcuni gruppi folk metal hanno pronunciato espliciti sentimenti socialisti. Per esempio, i già citati Glittertind hanno rilasciato una dichiarazione di sinistra contro il neoliberalismo nel booklet della ripubblicazione di Til Dovre Faller su Napalm Records nel maggio 2009[173]

Gli Skyclad usavano anche seri temi politici[155] ma attraverso liriche piene di doppi sensi[5] e di umorismo.[174] Anche altre band usano temi umoristici, come i Finntroll[175] con la loro ossessione coi troll. I testi dei Korpiklaani sono anche "un concentrato di avere tempo da spendere, bere e festeggiare."[176] In una recensione dell'album dei Turisas' The Varangian Way, James Christopher Monger di Allmusic commenta che alcuni ascoltatori potrebbero essere messi fuori strada "dal concetto di uomini adulti in pelli" con testi come "vieni con noi al sud, scrivi il tuo nome nel nostro roll."[109] Heri Joensen dei Týr sostiene che un ascoltatore deve confidare nella sua mascolinità per ascoltare tali testi tradizionali Faroesi come "ragazzi giovani, ragazzi felici, passo sul pavimento, danza allegramente."[177]

Nella scena folk ucraina, inoltre, si è generata una nutrita corrente di gruppi christian metal come gli Holy Blood, gli Oskord e gli Evroklidon, per lo più legata apertamente al Cristianesimo ortodosso.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Bush, John, AMG Skyclad, Allmusic. URL consultato il 10 marzo 2008.
  2. ^ a b c Boylin, Alex, Skyclad Biography, Metalstorm.ee. URL consultato il 10 marzo 2008.
  3. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG The Wayward Sons of Mother Earth Review, Allmusic. URL consultato il 10 marzo 2008.
  4. ^ a b c d Sharpe-Young, Garry, Skyclad, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  5. ^ a b O'Neill, Wade, Skyclad, Metaleater.com. URL consultato il 10 marzo 2008. Skyclad, Bnrmetal.com. URL consultato il 10 marzo 2008.
  6. ^ Palmares, Pedro, Interview with Keith Fay of Cruachan, cruachan.metalfan.nl. URL consultato il 10 marzo 2008.
  7. ^ Bowar, Chad, Under Satanae Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  8. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG Butterfly Effect Review, Allmusic. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  9. ^ Hill, Gary, AMG Amorphis, Allmusic. URL consultato il 10 marzo 2008.
  10. ^ Begrand, Adrien, PopMatters Far From the Sun Review, Popmatters.com. URL consultato il 10 marzo 2008.
  11. ^ Sharpe-Young, Garry, Amorphis, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  12. ^ a b c Dieters, Frank, Interview with Michael Bodenski of Subway to Sally, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 10 marzo 2008.
  13. ^ a b c Sharpe-Young, Garry, Subway to Sally, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  14. ^ Subway to Sally, Gothtronic.com. URL consultato il 31 marzo 2008.
  15. ^ a b c Matthias von Viereck, Modern Minstrels: Medieval Rock on the Rise, Goethe-Institut, 12 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2008).
  16. ^ a b Sharpe-Young, Garry, In Extremo, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  17. ^ a b c d e Sharpe-Young, Garry, Schandmaul, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  18. ^ a b c d Sharpe-Young, Garry, Cruachan Biography, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  19. ^ a b c d Bolther, Giancarlo, Interview with Keith Fay of Cruachan, Rock-impressions.com. URL consultato il 10 marzo 2008.
  20. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG Cruachan, Allmusic. URL consultato il 10 marzo 2008.
  21. ^ a b c d Bowar, Chad, What Is Heavy Metal?, About.com. URL consultato l'11 marzo 2008.
  22. ^ Monger, James Christopher, AMG Primordial, Allmusic. URL consultato il 12 marzo 2008.
  23. ^ S., Mike, Interview with Alan Nemtheanga of Primordial, Deadtide.com. URL consultato il 12 marzo 2008.
  24. ^ a b Young, James, Primordial Concert Review, Live4metal.com. URL consultato il 12 marzo 2008.
  25. ^ Sharpe-Young, Garry, Geasa, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  26. ^ a b Sharpe-Young, Garry, Waylander, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  27. ^ Sharpe-Young, Garry, Rockdetector Orphaned Land, Rockdetector.com. URL consultato il 10 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2008).
  28. ^ a b c Rivadavia, Eduardo, AMG Orphaned Land, Allmusic.com. URL consultato il 10 marzo 2008.
  29. ^ a b Fjordi, Interview with Orphaned Land, Frombelow.dk. URL consultato il 10 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2008).
  30. ^ Sharpe-Young, Garry, Storm, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  31. ^ Cuevas, Carlos Martin, Nordavind Review, Tartareandesire.com. URL consultato il 14 marzo 2008.
  32. ^ Sharpe-Young, Garry, Empyrium, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  33. ^ a b Rivadavia, Eduardo, AMG Falkenbach, Allmusic. URL consultato il 14 marzo 2008.
  34. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG Windir, Allmusic. URL consultato il 15 marzo 2008.
  35. ^ Dicks, Britton, Vargaresa - The Beginning Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  36. ^ Serba, John, Vansinnesvisor Review, Allmusic. URL consultato il 13 marzo 2008.
  37. ^ a b Bowar, Chad, A Costa Da Morte Review, About.com. URL consultato il 14 marzo 2008.
  38. ^ a b c Dicks, Britton, Gaia II - La Voz Dormida Review, Metalcoven.com. URL consultato il 14 marzo 2008.
  39. ^ a b c d Sharpe-Young, Garry, Mägo de Oz, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  40. ^ Sharpe-Young, Garry, The Lord Weird Slough Feg, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  41. ^ Bowar, Chad, Hardworlder Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  42. ^ a b c Sharpe-Young, Garry, Silent Stream of Godless Elegy, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  43. ^ Matthijssens, Vera, Interview with Silent Stream of Godless Elegy, Lordsofmetal.nl. URL consultato l'11 marzo 2008.
  44. ^ a b Sharpe-Young, Garry, Finntroll, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  45. ^ a b Hinds, Andy, AMG Finntroll, Allmusic. URL consultato il 15 marzo 2008.
  46. ^ von Hobartian, Mike, Interview with Wilska of Finntroll, Ruthlessreviews.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  47. ^ Hinds, Andy, Jaktens Tid, Allmusic. URL consultato il 23 marzo 2008.
  48. ^ Henderson, Alex, Ur Jordens Djup Review, Allmusic. URL consultato il 23 marzo 2008.
  49. ^ Finnish Charts for Jaktens Tid
  50. ^ a b c Sharpe-Young, Garry, Korpiklaani, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  51. ^ Dicks, Britton, Interview with Jarkko Aaltonen of Korpiklaani, Metalcoven.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  52. ^ Van Horn, Jr., Ray, Interview with Jarkko Aaltonen of Korpiklaani, Maelstrom.nu. URL consultato il 15 marzo 2008.
  53. ^ Sharpe-Young, Garry, Shaman, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  54. ^ a b c d Ramos Jr, Octavio, Voice Of The Forest, Soundchecks.co.uk. URL consultato il 15 marzo 2008.
  55. ^ a b Morton, Kenneth, Interview with Jarkko Aaltonen of Korpiklaani, Highwiredaze.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  56. ^ a b Lehtinen, Arto, Interview with Jonne Järvelä of Korpiklaani, Metal-rules.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  57. ^ a b Fjordi, Interview with Jonne Järvelä of Korpiklaani, Tartareandesire.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  58. ^ Bowar, Chad, Interview with Jonne Järvelä of Korpiklaani, About.com. URL consultato il 15 marzo 2008.
  59. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG Moonsorrow, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  60. ^ Sharpe-Young, Garry, Moonsorrow, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  61. ^ a b Rivadavia, Eduardo, Suden Uni Review, Allmusic. URL consultato il 17 marzo 2008.
  62. ^ a b Rivadavia, Eduardo, AMG Cadacross, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  63. ^ a b Rivadavia, Eduardo, AMG Ensiferum, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  64. ^ a b Deming, Mark, AMG Turisas, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  65. ^ Rivadavia, Eduardo, AMG Wintersun, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  66. ^ Sharpe-Young, Garry, Ensiferum, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  67. ^ Finntroll at Finnishcharts.com, Korpiklaani at Finnishcharts.com, Moonsorrow at Finnishcharts.com, Turisas at Finnishcharts.com
  68. ^ A, B og C-lista uke 28 2009, NRK. URL consultato il 21 aprile 2012.
  69. ^ (NO) VG-lista topp 30 album norsk, VG. URL consultato il 21 aprile 2012.
  70. ^ Bowar, Chad, Kvass Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  71. ^ a b c d e Sharpe-Young, Garry, Lumsk, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  72. ^ Dicks, Britton, Willkommen Folk Tell Drekka Fest Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  73. ^ a b Sharpe-Young, Garry, Otyg, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  74. ^ Bowar, Chad, Solens Rötter Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  75. ^ Bowar, Chad, The Shadow Cabinet Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  76. ^ Bowar, Chad, Ravnenes Saga Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  77. ^ Bowar, Chad, Eric the Red Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  78. ^ a b Sharpe-Young, Garry, Metsatöll, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  79. ^ Sharpe-Young, Garry, Raud-Ants, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  80. ^ a b c Bowar, Chad, Kauja Pie Saules Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  81. ^ Sharpe-Young, Garry, Alkonost, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  82. ^ a b c Mitchell, Chris, Ot Serdca K Nebu Review, Soniccathedral.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  83. ^ ::Metal-Folk::v.2.0::Archivio Bands::Arkona::
  84. ^ Dicks, Britton, The Times Of Mara Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  85. ^ Sharpe-Young, Garry, Balkandji, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  86. ^ a b c Sharpe-Young, Garry, Elvenking, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  87. ^ a b c d e Sharpe-Young, Garry, Eluveitie, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  88. ^ a b Dicks, Britton, A Nordic Poem Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  89. ^ a b Watt, Erika Kristen, Interview with Marios Koutsoukos of Folkearth, Forteeng.net. URL consultato il 18 marzo 2008.
  90. ^ Rivadavia, Eduardo, Pale Folklore Review, Allmusic. URL consultato il 16 marzo 2008.
  91. ^ a b Ngolls, Josh, Tingaralatingadun Review, Tartareandesire.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  92. ^ a b Matthijssens, Vera, Interview with Heri Joensen of Týr, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 18 marzo 2008.
  93. ^ a b c d Sharpe-Young, Garry, Midnattsol MusicMight Biography, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  94. ^ Henderson, Alex, The Scythe Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  95. ^ Monger, James Christopher, AMG Týr, Allmusic. URL consultato il 17 marzo 2008.
  96. ^ Sharpe-Young, Garry, Orphaned Land, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  97. ^ Sharpe-Young, Garry, Glittertind, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  98. ^ Hill, Gary, AMG Agalloch, Allmusic. URL consultato il 17 marzo 2008.
  99. ^ van Gerrevink, Richard, Hiiekoda Review, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 17 marzo 2008.
  100. ^ Bowar, Chad, Interview with Chrigel Glanzmann of Eluveitie url=http://heavymetal.about.com/od/interviews/a/eluveitie.htm, About.com.
  101. ^ Henderson, Alex, Winter's Wake Review, Allmusic. URL consultato il 17 marzo 2008.
  102. ^ a b Henderson, Alex, Victory Songs Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  103. ^ a b Matthijssens, Vera, Farsotstider Review, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 17 marzo 2008.
  104. ^ Matthijssens, Vera, Korven Kuningas Review, Lordsofmetal.com. URL consultato il 17 marzo 2008. Matthijssens, Vera, Ur Jordens Djup Review, Lordsofmetal.com. URL consultato il 17 marzo 2008. Maki, Jeff, Ur Jordens Djup Review, Live-metal.net. URL consultato il 17 marzo 2008.
  105. ^ Dicks, Britton, Åsmund Frægdegjevar Review, Metalcoven.com. URL consultato il 17 marzo 2008.
  106. ^ Rivadavia, Eduardo, Of Stone, Wind and Pillor Review, Allmusic. URL consultato il 17 marzo 2008.
  107. ^ Prato, Greg, To the Nameless Dead Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  108. ^ a b Bowar, Chad, Viides Luku: Hävitetty Review, About.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  109. ^ a b c Monger, James Christopher, Varangian Way Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  110. ^ a b Rivadavia, Eduardo, Wintersun Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  111. ^ a b Rivadavia, Eduardo, Nattfödd Review, Allmusic. URL consultato il 23 marzo 2008.
  112. ^ Dicks, Britton, 'Vredens Tid Review, Metalcoven.com. URL consultato il 18 marzo 2008.
  113. ^ Kalis, Quentin, Iidsetel Sunkjatel Radadel Review, Chronicles of Chaos. URL consultato il 13 marzo 2008.
  114. ^ a b Bowar, Chad, Folk Metal Artists, About.com. URL consultato il 24 marzo 2008.
  115. ^ a b Sharpe-Young, Garry, Tuatha de Danann, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  116. ^ Sharpe-Young, Garry, Morgenstern, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  117. ^ Vargscarr, Interview with Pēteris Kvetkovskis of Skyforger, Malestrom.nu. URL consultato il 17 marzo 2008.
  118. ^ Gentile, Emanuele, Interview with Metsatöll, Estonianmetal.com. URL consultato il 17 marzo 2008.
  119. ^ a b c Dejasu, Barry Lee, Interview with Peter Kvetkovskis of Skyforger, Modernfix.com. URL consultato il 19 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2008).
  120. ^ a b Reilly, Ann Marie, Interview with Kobi Farhi of Orphaned Land, Beyondearcandy.com. URL consultato l'11 marzo 2008.
  121. ^ a b S., Mike, Interview with Vratyas Vakyas of Falkenbach, Deadtide.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  122. ^ Bowar, Chad, Interview with Summoning, About.com. URL consultato il 18 marzo 2008.
  123. ^ Sharpe-Young, Garry, Turisas, MusicMight. URL consultato il 2008-12-13. collegamento interrotto
  124. ^ Åsmund Frægdegjevar, Lumsk.no (Lumsk official website). URL consultato il 19 marzo 2008.
  125. ^ Dicks, Britton, So Pale Is The Light Review, Metalcoven.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  126. ^ Bowar, Chad, Victory Songs Review, About.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  127. ^ a b Dicks, Britton, Turis Fratyr Review, Metalcoven.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  128. ^ Bowar, Chad, The Varangian Way Review, About.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  129. ^ Rivadavia, Eduardo, Sóknardalr Review, Allmusic. URL consultato il 19 marzo 2008.
  130. ^ Meeks, Ciaran, Interview with Jonne Järvelä of Korpiklaani, Metaleater.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  131. ^ Begrand, Adrien, Tales Along This Road Review, Popmatters.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  132. ^ a b Dicks, Britton, Hiiekoda Review, Metalcoven.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  133. ^ a b Fjordi, Interview with Rihards Skudrîtis of Skyforger, Frombelow.dk. URL consultato il 19 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2005).
  134. ^ Dicks, Britton, Mabool Review, Metalcoven.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  135. ^ a b Tsakonas, Giannis, Interview with Ketil Sæther of Lumsk, Metalperspective.com. URL consultato il 19 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2007).
  136. ^ Matthijssens, Vera, Interview with Chrigel Glanzmann of Eluveitie, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 19 marzo 2008.
  137. ^ Matthijssens, Vera, Eric the Red Review, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 19 marzo 2008.
  138. ^ Escandon, Rodrigo, Likferd Review, Metalcoven.com. URL consultato il 19 marzo 2008.
  139. ^ Serba, John, The Sceptre of Deception Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  140. ^ Serba, John, Vansinnesvisor Review, Allmusic. URL consultato il 18 marzo 2008.
  141. ^ Dieters, Frank, Interview with Heri Joensen of Týr, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 19 marzo 2008.
  142. ^ Vonberg, Horst, Herzblut Review, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 10 aprile 2008.
  143. ^ Matthijssens, Vera, Interview with Ulli Ullmann of Morgenstern, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 10 aprile 2008.
  144. ^ Matthijssens, Vera, Wir Sind Gold Review, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 10 aprile 2008.
  145. ^ Hinds, Daniel, Interview with Martin Walkyier of Skyclad, The-plague.net. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  146. ^ Roon, Samuel J., Interview with Ville Sorvali of Moonsorrow, Nonelouder.com. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  147. ^ a b Stefanis, John, Interview with Keith Fay of Cruachan, Getreadytorock.com. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  148. ^ a b Dieters, Frank, Interview with Chrigel Glanzmann of Eluveitie, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 20 marzo 2008.
  149. ^ Larissa Glasser, Interview with Sadlave of Obtest, Maelstrom.nu. URL consultato il 20 marzo 2008.
  150. ^ a b Smit, Jackie, Interview with Matthias Nygard of Turisas, Chronicles of Chaos. URL consultato il 20 marzo 2008.
  151. ^ Marina, Interview with Aydan of Elvenking, Truemetal.org. URL consultato il 20 marzo 2008.
  152. ^ a b Fisher, Mark, Interview with Carmen Espanæs of Midnattsol, Musicaldiscoveries.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  153. ^ Ulrey, Jeremy, Interview with Andreas Hedlund of Vintersorg, Chronicles of Chaos. URL consultato il 20 marzo 2008.
  154. ^ Los Muertos, Michael De, Interview with Don Anderson and John Haughm of Agalloch, Metal-rules.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  155. ^ a b c Vonberg, Horst, Interview with Martin Walkyier of Skyclad, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 20 marzo 2008.
  156. ^ Dujardin, Audrey, Interview with Markus Toivonen and Petri Lindroos of Ensiferum, Tartareandesire.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  157. ^ Jeff, Interview with Aydan of Elvenking, Metalstorm.ee. URL consultato il 20 marzo 2008.
  158. ^ Michelle, Alina, Interview with A. Nemtheanga of Primordial, Photomistress.com. URL consultato il 20 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2008).
  159. ^ Ritsios, Elias, Interview with Roibéard Ó Bogail of Mael Mórdha, Metal-invader.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  160. ^ Lahtinen, Luxi, Interview with Katla and Somnium of Finntroll, Metal-rules.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  161. ^ a b George Call, Interview with Stefan Weinerhall of Falconer, Neonblonde.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  162. ^ Eck, Markus, Interview with Shamgar of Slechtvalk, Metalmessage.de. URL consultato il 20 marzo 2008.
  163. ^ Dicks, Britton, Mirovozzrenie Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  164. ^ Dicks, Britton, Folkstorm Of Azure Nights Review, Metalcoven.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  165. ^ Fastred, Reap, Interview with Eisenslav of Kroda, Mortemzine.net. URL consultato il 20 marzo 2008.
  166. ^ Dicks, Britton, Interview with Ciaran O'Hagan of Waylander, Metalcoven.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
  167. ^ Michael, Interview with Mitja Harvilahti of Moonsorrow, Feindesland.de. URL consultato il 20 marzo 2008. collegamento interrotto
  168. ^ Týr, Is Týr a facist, nazi or racist band?, Tyr.net (Týr official website). URL consultato il 20 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2008).
  169. ^ Van Berlo, Andrej, Interview with Pēteris Kvetkovskis & Edgars Krūmiņš of Skyforger, Tartareandesire.com. URL consultato il 3 maggio 2008.
  170. ^ Richard Lederer ("Protector"), Political Statements, Summoning.info (Summoning official website). URL consultato il 20 marzo 2008.
  171. ^  Ville Sorvali of Moonsorrow and Heri Joensen of Týr. Statement on behalf of Moonsorrow, Týr and Eluveitie. Youtube.com, , 2008. URL consultato in data 2008-05-05.
  172. ^ Moonsorrow: We Are Not Nazis, 14 aprile 2008. URL consultato il 5 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2008).
  173. ^ Sandvik,Torbjørn, Til Dovre Faller statement, Glittertind.net. URL consultato il 23 aprile 2012.
  174. ^ Sheaks, Matthias, Folkemon Review, Allmusic. URL consultato il 20 marzo 2008.
  175. ^ Henderson, Alex, Ur Jordens Djup Review. URL consultato il 20 marzo 2008.
  176. ^ Matthijssens, Vera, Interview with Korpiklaani, Lordsofmetal.nl. URL consultato il 20 marzo 2008.
  177. ^ Muxlow, Interview with Heri Joensen of Týr, Deadtide.com. URL consultato il 20 marzo 2008.
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal








Creative Commons License