Força Aérea Brasileira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Força Aérea Brasileira
Forza aerea brasiliana
Brasilian Air Force
COA of Brazilian Air Force.svg
emblema della Força Aérea Brasileira
Descrizione generale
Attiva 1941 - oggi
Nazione Brasile Brasile
Servizio aeronautica militare
Dimensione 73 500 effettivi
768 aeromobili
Quartier generale Brasilia
Motto Le ali di un popolo indipendente
Marcia "Hino dos Aviadores"
Anniversari 22 maggio
Parte di
Comandanti
Comandante attuale Generale Juniti Saito e Presidente Dilma Rousseff
Simboli
Coccarda Brazilian Air Force roundel.svg

senza fonte

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Força Aérea Brasileira, spesso abbreviata in FAB[1], e conosciuta internazionalmente con la denominazione in lingua inglese Brazilian Air Force, è l'attuale aeronautica militare del Brasile e parte integrante delle forze armate brasiliane. La FAB fu creata quando i reparti aerei dell'esercito e della marina furono uniti in un'unica forza militare chiamata inizialmente Forze Aeree Nazionali. Entrambi i reparti trasferirono i propri equipaggiamenti e il personale nella nuova unità.

La FAB è la più grande forza aerea sudamericana, con circa 700 velivoli, e, dati dell'8 giugno 2005, 66 020 soldati in servizio attivo. Ad essi vanno aggiunti 7 500 civili impiegati in mansioni di manodopera.[2].

Storiamodifica | modifica sorgente

La creazionemodifica | modifica sorgente

La creazione della RAF nel 1918 e della Regia Aeronautica (l'aeronautica militare del Regno d'Italia) assieme all'Armée de l'air (l'aeronautica militare francese) durante gli anni venti iniziarono a spingere il Brasile verso l'unione delle proprie forze aeree in un'organizzazione simile. Oltre che da questi eventi gli strateghi brasiliani furono influenzati dai concetti teorici espressi sull'utilizzo degli aerei come arma d'attacco per bombardamenti strategici di Giulio Douhet, Billy Mitchell e Hugh Montague Trenchard.

Il primo a sostenere palesemente[3] l'idea di creare una forza aerea integrata fu, nel 1928, un Maggiore dell'esercito chiamato Lysias Rodrigues che scrisse un articolo intitolato: "Un urgente bisogno: il Ministero dell'Aria" (Uma premente necessidade: o Ministério do Ar). Due anni dopo la missione militare francese, che lavorava per l'esercito, mosse il primo vero passo verso la creazione di una forza aerea nazionale. Il sostegno all'idea aumentò nel 1934 quando alcuni aviatori brasiliani tornarono dall'Italia e spiegarono i vantaggi dell'avere una forza aerea unificata. Anche la Guerra civile spagnola e i primi accenni della Seconda guerra mondiale alla fine degli anni trenta mostrarono la necessità di possedere una forza aerea indipendente e pronta a entrare in azione.

Uno dei principali sostenitori del piano per creare un'armata aerea indipendente fu il presidente Getúlio Vargas. Egli organizzò un gruppo di studio all'inizio del 1940 e stabilì l'intera struttura del Ministero dell'Aeronautica (Ministério da Aeronáutica) alla fine dello stesso anno. Questa nuova agenzia governativa fu responsabile di tutti gli aspetti dell'aviazione civile e militare, comprese infrastrutture, regole e organizzazione.

Formalmente il Ministero dell'Aeronautica venne fondato il 20 gennaio 1941 e il suo braccio militare, chiamato inizialmente "Forze Aeree Nazionali" e cambiato poi in "Forza Aerea Brasiliana" (Força Aérea Brasileira - FAB), il 22 maggio dello stesso anno. Il braccio aereo dell'esercito (Aviação Militar) e quello della marina (Aviação Naval) furono soppressi e tutto il personale, i velivoli, le basi e gli equipaggiamenti vennero trasferiti alla FAB.

La FAB in guerramodifica | modifica sorgente

Equipaggiata con aerei americani, soprattutto P-47 Thunderbolt, venne utilizzata sul fronte italiano, guadagnandosi il rispetto per l'alto numero di sortite effettuate e per il duro lavoro dei piloti e del personale di supporto. Il loro lavoro fu riconosciuto con la Presidential Unit Citation, medaglia data dagli Stati Uniti d'America alle unità che si erano distinte in guerra, conferitagli il 26 aprile 1986 (fu uno dei quattro reparti non statunitensi a ricevere questa decorazione).

Dopo la seconda guerra mondialemodifica | modifica sorgente

Il simbolo del I gruppo nella Seconda guerra mondiale

Dopo la guerra la FAB venne equipaggiata con i jet inglesi Gloster Meteor. Questi aerei furono acquistati ai britannici per 15 000 tonnellate di cotone grezzo, dato che il Brasile non possedeva abbastanza risorse auree per l'acquisto. I jet rimasero operativi nella FAB fino agli anni settanta, quando furono rimpiazzati dai più moderni F-80C e dai TF-33A, a loro volta sostituiti dai jet F5 e dai Mirage III.

La guerra freddamodifica | modifica sorgente

Durante la guerra fredda il Brasile fu alleato con gli Stati Uniti d'America e la NATO. Fu questo che permise l'acquisto dei costosi F5 proprio dal governo statunitense.

Durante questo periodo la FAB diresse e sponsorizzò l'Embraer (Empresa Brasileira de Aeronáutica) che è ancora oggi uno dei leader dell'industria aeronautica. Lavorando con l'Aeritalia e con l'Aeronautica Militare Italiana progettò e costruì i primi caccia-bombardieri AMX che costituiscono ancora oggi la spina dorsale della forza d'attacco della FAB. Il successivo aereo d'addestramento Tucano T-27 e l'aeromobile d'attacco leggero A-29 furono altri aerei dell'Embraer utilizzati dall'aeronautica brasiliana.

Il presentemodifica | modifica sorgente

All'inizio del 2000, grazie alla ritrovata stabilità economica, la FAB avviò un processo di rinnovo della flotta attraverso diversi programmi di acquisto. Il più ambizioso è l'acquisto di 36 nuovi aerei intercettori per rimpiazzare i vecchi Dassault Mirage III. Conosciuto come Progetto F-X il programma, nel 2005, è stato ulteriormente posticipato. I principali contendenti erano il General Dynamics F-16, il Dassault Rafale, il SAAB 39 Gripen e il Sukhoi Su-35.

Il 15 luglio 2005 è stato tuttavia siglato un accordo col governo francese per trasferire 12 Mirage 2000s (dieci versioni C e due versioni B) usati finora dall'Armée de l'air. I primi due velivoli, chiamati in Brasile F-2000s, sono arrivati alla base di Anápolis il 4 settembre 2006.

Il 4 novembre 2007 il Progetto FX ha subito un piccolo cambiamento. Ora noto come Project FX-2 e con un budget maggiore, i concorrenti per l'acquisizione sono stati l'Eurofighter Typhoon, il Sukhoi Su-35, il Saab Gripen, il Dassault Rafale ed il McDonnell Douglas F/A-18 Super Hornet, sebbene le informazioni dicano che sia stato richiesto anche il Lockheed Martin F-35 Lightning II, la Lockheed Martin ha presentato una variante del General Dynamics F-16 Fighting Falcon (designato F-16BR). Nel mese di ottobre 2008, la FAB ha pubblicato un elenco di tre velivoli: il SAAB Gripen NG, il Dassault Rafale e il F/A-18E/F Super Hornet. Nel febbraio 2009, le tre società hanno fornito le loro offerte finali. Nel settembre 2009, a seguito di una visita a sorpresa del Presidente francese in Brasile, il Presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva e Nicolas Sarkozy fecero un nuovo accordo di cooperazione militare. Lula, in un'intervista a TV5 Monde, ha detto che il francese Rafale è un passo avanti, dal momento che il trasferimento di tecnologia sarebbe efficace. Il 7 settembre 2009, il Dia da Independência, è stato annunciato che il Brasile avrebbe negoziato 36 Dassault Rafale. Ma il ministro della Difesa non ha confermato se questa è la decisione finale.

Sono stati comunque completati anche altri programmi e, nel maggio 2007, tutti questi erano stati portati a termine:

Programmi in corso:

Ordini nel 2008:

Struttura di comandomodifica | modifica sorgente

La Forza Aerea Brasiliana è il braccio aerospaziale delle Forze armate brasiliane ed è amministrata dal "Comando dell'Aeronautica" (Comando da Aeronáutica - COMAer). Il COMAer fu creato nel 1999[4] e rimpiazzò il Ministero dell'Aeronautica. Adesso il COMAer è una delle tre forze armate in seno al Ministero della Difesa (Ministério da Defesa).

Il COMAer è guidato da un "Comandante dell'Aeronautica" (Comandante da Aeronáutica). Il Comandante è un "Tenente-Brigadeiro-do-Ar" (attualmente il più alto grado di ufficiale nell'aeronautica, che equivale a un generale a quattro stelle dell'USAF). Egli è nominato dal Presidente e riferisce direttamente al Ministro della Difesa.

Il COMAer comprende attualmente sette componenti principali, quattro "Comandi Generali" (Comandos-Gerais) e tre "Dipartimenti" (Departamentos):

  • Comando Generale delle Operazioni Aeree (Comando-Geral de Operações Aéreas - COMGAR) con quartier generale a Brasilia, ha il compito di supervisionare la maggior parte delle operazioni di volo (amministra anche dei reparti minori, ossia quattro "Forze Aeree", le Forças Aéreas, e sette Dipartimenti Aerei Regionali, i Comandos Aéreos Regionais o COMAR);
  • Comando Generale di Supporto (Comando-Geral de Apoio - COMGAP);
  • Comando Generale del Personale (Comando-Geral de Pessoal - COMGEP);
  • Comando Generale della Tecnologia Aerospaziale (Comando-Geral de Tecnologia Aeroespacial - DEPED);
  • Dipartimento dell'Insegnamento Aeronautico (Departamento de Ensino da Aeronáutica - DEPENS);
  • Dipartimento dell'Aviazione Civile (Departamento de Aviação Civil - DAC);
  • Dipartimento del Controllo Aereo (Departamento de Controle do Espaço Aéreo - DECEA).

Organizzazione delle unità aereemodifica | modifica sorgente

Un "Gruppo" (Grupos) consiste solitamente di sedici "Squadroni" (Esquadrões) numerati consecutivamente che comprendono un numero di velivoli che può variare da sei a dodici. La formazioni più piccole sono conosciute come "Squadriglie" (Esquadrilhas). Ogni gruppo possiede una di queste denominazioni in base al suo utilizzo:

  • Gruppo di Difesa Aerea (Grupo de Defesa Aérea - GDA) che comprende i gruppi di caccia per la difesa aerea;
  • Gruppo di Trasporto (Grupo de Transporte - GT) che comprende i gruppi di velivoli per il trasporto e il rifornimento in volo;
  • Gruppo d'Aviazione (Grupo de Aviação - GAv) che comprende i gruppi di caccia per la ricognizione, il riconoscimento e l'attacco;
  • Gruppo d'Aviazione e di Caccia (Grupo de Aviação de Caça - GAvCa) che comprende i gruppi di caccia per l'attacco di altri velivoli;
  • Gruppo di Trasporto Truppe (Grupo de Transporte de Tropas - GTT) che comprende i gruppi di velivoli per il trasporto delle truppe e per il lancio dei paracadutisti;
  • Gruppo Speciale di Ispezione in Volo (Grupo Especial de Inspeção em Vôo - GEIV) che comprende i gruppi di velivoli per il puntamento;
  • Gruppo Speciale dei Test di Volo (Grupo Especial de Ensaios de Vôo - GEEV) che comprende i gruppi di velivoli utilizzati nei vari test;
  • Gruppo Speciale di Trasporto (Grupo de Transporte Especial - GTE) che comprende i gruppi di velivoli per il trasporto dei VIP.

Sono invece comunemente usate per gli squadroni queste denominazioni:

  • Squadrone di Trasporto Aereo (Esquadrão de Transporte Aéreo - ETA);
  • Squadrone di Addestramento Aereo (Esquadrão de Instrução Aérea - EIA);
  • Squadrone di Dimostrazione Aerea (Esquadrão de Demonstração Aérea - EDA o Esquadrilha da Fumaça nel gergo popolare).

Le unità aeree sono organizzate in questo modo:

Reparto del COMGAR Gruppo Aereo Base
I FAe 1º/5º GAv Fortaleza
2º/5º GAv Natal
1º/11º GAv Santos
II FAe 1º/7º GAv Salvador
2º/7º GAv Florianópolis
3º/7º GAv Belém
4º/7º GAv Santa Cruz
1º/8º GAv Belém
2º/8º GAv Recife
3º/8º GAv Campo dos Afonsos
5º/8º GAv Santa Maria
7º/8º GAv Manaus
2º/10º GAv Campo Grande
III FAe 1º GAvCa Santa Cruz
1º GDA Anápolis
1º/3º GAv Boa Vista
2º/3º GAv Porto Velho
3º/3º GAv Campo Grande
1º/4º GAv Natal
1º/6º GAv Recife
2º/6º GAv Anápolis
1º/10º GAv Santa Maria
3º/10º GAv Santa Maria
1º/14º GAv Canoas
1º/16º GAv Santa Cruz
V FAe 1º GTT Campo dos Afonsos
1º/1º GT Galeão
1º/2º GAv Galeão
2º/2º GAv Galeão
1º/9º GAv Manaus
1º/15º GAv Campo Grande
I COMAR 1º ETA Belém
II COMAR 2º ETA Recife
III COMAR 3º ETA Galeão
IV COMAR 4º ETA São Paulo
V COMAR 5º ETA Canoas
VI COMAR 6º ETA Brasília
VII COMAR 7º ETA Manaus

Altre importanti unità aeree sono:

Dipartimenti Gruppo Aereo Base
DECEA GEIV Aeroporto Santos Dumont
DEPED GEEV São José dos Campos
DEPENS 1º EIA Pirassununga
DEPENS 2º EIA Pirassununga
DEPENS Clube de Vôo a Vela Pirassununga
DEPENS Suport Pirassununga
Riferisce direttamente al gabinetto dell'Aeronautica GTE Brasilia
Riferisce direttamente al gabinetto dell'Aeronautica EDA Pirassununga

Operazionimodifica | modifica sorgente

Una delle più recenti operazioni della FAB è stata il bombardamento dei siti illegali d'atterraggio nell'Amazzonia, usati dai trafficanti di droga per trasportare questa dentro e fuori dal Brasile. L'operazione è stata anche supportata dall'esercito e dalla polizia brasiliana con la cattura finale di molti trafficanti di droga. Il cacciabombardiere AMX è stato il velivolo principale di questa operazione.

La FAB è momentaneamente al lavoro con l'ONU nella Missione ONU di Stabilizzazione ad Haiti (MINUSTAH) come supporto alle forze ONU mandate da Brasile, Uruguay e Argentina e correntemente impegnate lì.

La FAB è anche responsabile per la vigilanza e la difesa aerospaziale dell'Amazzonia grazie al "Sistema di Vigilanza dell'Amazzonia" (Sistema de Vigilância da Amazônia - SIVAM).

Aeromobili in usomodifica | modifica sorgente

La FAB opera con un totale di 729 aeromobili, inclusi 91 elicotteri. 479 di questi aeromobili, che rappresentano circa il 66% della forza aerea, sono stati costruiti o assemblati in Brasile, inclusi 35 elicotteri.

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[5][6] Note
Airbus A319 Unione europea Unione europea Trasporto VIP VC-1A 1
AMX International AMX Brasile Brasile /

Italia Italia

Attacco e ricognizione
Addestramento
A-1A
A-1B
42
11
Modernizzato dallo standard A1M di partenza
Atlas Impala II MB326K Sudafrica Sudafrica /

Italia Italia

Attacco e addestramento AT-26A 11 Utilizza il telaio acquistato dalla SAAF nel 2005
Beechcraft King Air Stati Uniti Stati Uniti Trasporto del personale Beech 90 1
Bell 205 Stati Uniti Stati Uniti Elicottero per trasporto vario UH-1H 33
Bell 206 Jet Ranger Stati Uniti Stati Uniti Elicottero per trasporto vario H-4B (206B) 3
Boeing 707 Stati Uniti Stati Uniti Aereo cisterna e da trasporto KC-137 (707-320C) 4
Boeing 737-200 Stati Uniti Stati Uniti Trasporto VIP VC-96 (737-200) 2
British Aerospace BAe 125-400 Regno Unito Regno Unito Test di volo XU-93 1 L'ultimo della versione VU-39 fu eliminato nel gennaio 2007.
Solo uno (FAB 2123) della versione GEEV vola ancora
Cessna 208 Caravan Stati Uniti Stati Uniti Utilità C-98 (208A)
C-98B (208B)
8
10
Dassault Mirage 2000 Francia Francia Intercettore
Introduzione all'addestramento
F-2000C
F-2000B
10
2
de Havilland Canada DHC-5 Buffalo Canada Canada Trasporto C-115 (DHC-5A) 2 In corso di ritiro
CASA C-212 Aviocar Spagna Spagna Trasporto Ordinati 20
CASA C-295 Spagna Spagna Trasporto merci C-105A 12 In consegna +8
Embraer EMB 110 Bandeirante Brasile Brasile
Trasporto merci
Trasporto personale
Rilevamento aereo
Pattugliamento marittimo
TOTALE C-95/P-95/R-95
C-95/A/B/EC-95/SC-95B
C-95C (EMB 110P1K)
RC-95 (EMB 110B)
P-95A/B (EMB-111)
88
59
5
5
19
Il 7º ETA ha rititrato il C-95
Embraer EMB 120 Brasília Brasile Brasile
Trasporto
Trasporto VIP
Trasporto VIP
TOTALE C-97
C-97 (EMB 120)
VC-97 (EMB 120ER)
VC-97 (EMB 120RT)
17
9
3
5
Embraer EMB 121 Xingu Brasile Brasile Trasporto VIP VU-9 8
Embraer ERJ-145 Legacy Brasile Brasile Trasporto VIP VC-99C 4
Embraer ERJ-145 Brasile Brasile Trasporto/Trasporto VIP
Primo avviso aviotrasportato
Rivelamento remoto
C-99 (ERJ-145ER)
R-99A
R-99B
7
5
3
Embraer EMB 210R Ipanema Brasile Brasile Utilità U-19 2
Embraer EMB-312 Tucano Brasile Brasile Addestramento e attacco leggero AT/T-27 109
Embraer EMB 314 Super Tucano Brasile Brasile Attacco A-29A/B 83 Totale di 99 ordinati
Embraer EMB 326GB Xavante Brasile Brasile /

Italia Italia

Addestramento e attacco AT-26/A 20 In corso di ritiro
Embraer EMB 810 Seneca II/III Brasile Brasile Utilità U-7/7A (EMB 810C) 9
Eurocopter AS 332 Cougar Francia Francia Elicottero da trasporto
Elicottero VIP
CH-34 (AS 332M/EC-135T)
VH-34
VH-35
8
2
2
Learjet 35 Stati Uniti Stati Uniti Trasporto VIP
Missioni speciali
VC-35
R-35A
9
3
Learjet 55 Stati Uniti Stati Uniti Trasporto VIP VU-55C 1
Glasflügel H-201 B Germania Germania Aliante d'addestramento Z-15 1
Helibras HB 350B Brasile Brasile / Francia Francia Elicottero d'utilità H-50 25
Helibras HB-355 Brasile Brasile/ Francia Francia Elicottero d'utilità H-55 3
IPAE Quero-quero Brasile Brasile Aliante d'addestramento Z-16 6
LET L 13 Blaník Rep. Ceca Rep. Ceca Aliante d'addestramento TZ-13 3
LET L 23 Super Blaník Rep. Ceca Rep. Ceca Aliante d'addestramento TZ-23 4
LET L 33 Solo Rep. Ceca Rep. Ceca Aliante d'addestramento TZ-33 2
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti Trasporto tattico
Velivolo cisterna
C-130E/H
KC-130H
21
2
Qualcuno può essere configurato con lo standard KC
Lockheed P-3 Orion Stati Uniti Stati Uniti Pattuglia marittima P-3M (P-3BR) 1 Ordinati 8
Neiva Regente Brasile Brasile Collegamento U-42 21 In corso di ritiro
Neiva Universal Brasile Brasile Addestramento di base T-25A/B/C 68
Northrop F-5E/F Tiger II Stati Uniti Stati Uniti Combattimento
Introduzione all'addestramento
F-5E
F-5F
48
9
In fase di modernizzazione dallo standard F-5
Piper PA-32 Stati Uniti Stati Uniti Utilità 1
Raytheon Hawker 800XP Regno Unito Regno Unito Puntamento EU-93A 4
Schleicher ASW 20 Germania Germania Aliante d'addestramento Z-20 1
Sikorsky UH-60 Black Hawk Stati Uniti Stati Uniti Ricerca e salvataggio in combattimento H-60L 15
Mil Mi-24 Russia Russia combattimento MI-35M 12

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Munro, Bob (a cura di), Central and South America in The World's Air Forces, London, Salamander books, 1991, p.30.
  2. ^ Sala de imprensa - FAB em números
  3. ^ INCAER, 1991 - História Geral da Aeronáutica vol. 3, Capítulo 1
  4. ^ Lei complementar no97 de 9 de junho de 1999
  5. ^ "World Military Aircraft Inventory", Aerospace Source Book 2007, Aviation Week & Space Technology, 15 gennaio 2007.
  6. ^ Ultimo aggiornamento nell'aprile del 2007

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Peacock, Lindsay (a cura di), World Air Forces, Coulsdon, UK, Jane's Information Group Ltd., 2002.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License