Fotbal Club Sportul Studențesc București

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FC Sportul Studențesc București
Calcio Football pictogram.svg
Studenții (studenti) Gașca nebună (pazza gang)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali bianco-nero
Dati societari
Città Bucharest-Coat-of-Arms.png Bucarest
Paese Romania Romania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Romania.svg LPF
Fondazione 1916
Presidente Vasile Șiman
Allenatore Mihail Marian
Stadio Stadio Regie
(11.000 posti)
Sito web www.fcsportulstudentesc.ro
Palmarès
Trofei internazionali 1 Coppa dei Balcani
Si invita a seguire il modello di voce

Il Fotbal Club Sportul Studențesc București è una squadra di calcio rumena, tra i più antichi club del Paese, in quanto fondata nel 1916. Attualmente milita in Liga II.

Storiamodifica | modifica sorgente

Nel suo palmares annovera solo una Coppa dei Balcani (vinta nel 1979), mentre in campionato è giunta al massimo seconda (nel 1985-86, preceduta dai "cugini" della Steaua). Dopo la cessione della stella Gheorghe Hagi, avvenuta nel 1987, la squadra cominciò ad accusare un periodo di declino.

Lo Sportul Studențesc balzò agli onori delle cronache il 20 settembre del 1984, quando sconfisse per 1-0 la fortissima Inter di Karl-Heinz Rummenigge nella gara d'andata dei trentaduesimi di finale della Coppa UEFA. Nella gara di ritorno, disputata al Meazza, i rumeni misero in atto un catenaccio d'altri tempi che resistette fino al 68°, quando Liam Brady riuscì a perforare la difesa avversaria e raddrizzare la situazione per i neroazzurri. Quando lo "spettro" dei calci di rigore sembrava ormai imminente, una marcatura di Rummenigge a sei minuti dal termine mise fine alle speranze degli ospiti.

Nel 1987 giunse al terzo turno di Coppa UEFA, miglior risultato europeo di sempre: nell'occasione i rumeni eliminarono dapprima i polacchi del GKS Katowice (1-0 e 2-1 i parziali) e successivamente i danesi del Brøndby (sconfitta 3-0 all'andata, clamorosa vittoria 3-0 sulle mura domestiche e poi successo completato ai rigori) per poi essere eliminati dalla competizione dall'Hellas Verona (doppia sconfitta con gli scaligeri: 3-1 e 0-1).

Nel 2005-2006 fu un'altra stagione d'oro per lo Sportul che lottò a lungo addirittura per la conquista del campionato ma alla fine terminò terza e poi venne retrocessa per problemi di licenza in Liga II, serie che ha mantenuto fino quest'anno quando è stata promossa in Liga I con una giornata di anticipo.

Rose delle stagioni precedentimodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

1979

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Lo Sportul vanta il record di gol in un derby, undici, record ripetuto per altre due volte. La prima volta, nel 2002-2003, fu la Dinamo a battere lo Sportul al Regie per 6-5, punteggio restituito nel 2005-2006 quando fu lo Sportul a battere la Dinamo fuori casa allo Stefan cel Mare sempre per 6-5.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio







Creative Commons License