François Baroin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
François Baroin
François Baroin.JPG

Ministro dell'Economia e delle Finanze della Francia
Durata mandato 29 giugno 2011 –
16 maggio 2012
Presidente François Fillon
Predecessore Christine Lagarde

Ministro dell'Interno della Francia
Durata mandato 26 marzo 2007 –
18 maggio 2007
Presidente Dominique de Villepin

Ministro per i Territori d'oltremare di Francia
Durata mandato 2 giugno 2005 –
18 maggio 2007

Dati generali
Partito politico membro dell'UMP

François Baroin (Parigi, 21 giugno 1965) è un politico francese, membro dell'UMP, ministro dell'Economia, delle Finanze e dell'Industria nel Governo Fillon III.

François Claude Pierre René Baroin è figlio di Michel Baroin (alto funzionario, uomo d’affari e Gran Maestro del Grande Oriente di Francia fra il 1977 e il 1978) e di Michèle Paulin.

Studia al collège Stanislas e al liceo Claude-Bernard di Parigi, poi all’università Paris II Panthéon-Assas e al ISG Paris[1]. Si laurea in legge, e si specializza in scienze dell’informazione e in geopolitica.

Dal 2001 è iscritto all'ordine degli avvocati di Parigi.

Nel corso degli studi perde il padre in un inspiegabile incidente aereo e una sorella in un incidente d’auto. Da allora è sotto l'ala protettrice di Jacques Chirac, che era molto legato al padre. Ha sposato il 12 aprile 1991 Valérie Broquisse, ex giornalista del canale di informazione all-news LCI, dalla quale ha poi divorziato. Ha tre figli: Jules, Constance, Louis.

Nel 1988 è assunto a Europe 1 dal presidente dell'emittente radiofonica Jean-Pierre Elkabbach che lo aveva notato in una puntata di Apostrophe, fortunata trasmissione telefisiva su France2.

Nel 1989 è eletto per il Raggruppamento per la Repubblica (RPR) consigliere comunale di Nogent-sur-Seine nell’Aube. Eletto deputato all’Assemblée nationale nel 1993, è il deputato più giovane della legislatura. Eletto sindaco di Troyes nel 1995. Nello stesso anno è eletto Presidente dell’Associazione dei sindaci dell’Aube.

È portavoce di Jacques Chirac nel corso della campagna alle presidenziali del 1995. Dal maggio al novembre 1995 è segretario di Stato presso il primo ministro, portavoce del governo, nel primo governo Juppé. Lasciato l'incarico ministeriale, entra nel gabinetto del presidente della Repubblica Chirac. Nel 1997 è rieletto deputato. Nel 2001 è eletto presidente della Comunità d'agglomerazione di Troyes (CAT).

È rieletto deputato nel 2002. Aderisce all’UMP, di cui è portavoce durante la presidenza di Alain Juppé e vice segretario generale durante la presidenza ad interim di Jean-Claude Gaudin. È consigliere politico di Nicolas Sarkozy nel corso della presidente di quest'ultimo dell’UMP. Presidente del comitato dipartimentale dell’UMP dell'Aube e vicepresidente del club Dialogue & Initiative (il cui presidente è Jean-Pierre Raffarin). Primo vicepresidente dell'Assemblée Nationale dal 2002 al 2005.

Il 2 giugno 2005, è nominato ministro per i Territori d’oltremare nel governo di Dominique de Villepin. Dal 26 marzo al 18 maggio 2007 è ministro dell’Interno, sostituendo Nicolas Sarkozy dimissionario giacché candidato alle presidenziali.

È rieletto deputato il 10 giugno 2007 con il 55,71% dei voti al primo turno.

In occasione di un rimpasto in conseguenza dei risultati delle elezioni regionali del 15/21 marzo, il 23 marzo 2010 è nominato ministro del Bilancio, dei Conti pubblici e della Riforma dello Stato nel Governo Fillon II. In occasione della formazione del Governo Fillon III il successivo 14 novembre è confermato nell'incarico, assumendo inoltre il ruolo di portavoce del governo. A seguito delle dimissioni di Christine Lagarde designata alla direzione dell'Fondo Monetario Internazionale, il 29 giugno 2011 lascia il Bilancio per assumere il ministero dell'Economia, delle Finanze e dell'Industria, incarico che mantiene fino al 16 maggio 2012.

Rieletto deputato alle elezioni legislative del 2012

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (FR) Biographie de Francois BAROIN

Controllo di autorità VIAF: 22289467 LCCN: n2002113620

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License