Francesco Duzioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Duzioni
Francesco Duzioni.jpg
Francesco Duzioni con la maglia del Lecco (1961)
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 174 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1968
Carriera
Squadre di club1
 ????-1950 600px Verde.png Verdello  ? (?)
1950-1952 Ponte San Pietro Ponte San Pietro  ? (?)
1952-1953 Pavia Pavia 14 (2)
1953-1964 Lecco Lecco 357 (6)
1964-1966 Piacenza Piacenza 40 (2)
1966-1968 Borgomanero Borgomanero  ? (?)
Carriera da allenatore
1965-1966 Piacenza Piacenza Giovanili
1966-1968 Borgomanero Borgomanero
1970-1973 Fanfulla Fanfulla
1974-1975 Fanfulla Fanfulla
1985-1988 600px Verde.png Verdello
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Francesco Duzioni (Verdello, 13 maggio 1929) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Calciatoremodifica | modifica sorgente

Ha legato la sua carriera quasi interamente al Lecco, al quale è arrivato nel 1953[1] dopo aver militato nel Verdello[2], nel Ponte San Pietro e nel Pavia, in Serie C[3].

Con la maglia bluceleste milita per undici stagioni consecutive, esordendo nel campionato di Serie C 1953-1954 nella partita Lucchese-Lecco (1-2) del 13 settembre 1953[4]. Duzioni diventa immediatamente titolare del ruolo di mediano sinistro, conquistando nel 1957 la promozione in Serie B[5] e quella nella massima serie al termine del campionato di Serie B 1959-1960[6], quest'ultima con i galloni di capitano[6].

Esordisce in Serie A a 31 anni, il 15 settembre 1960 nella sconfitta per 4-0 sul campo della Fiorentina. Nelle due stagioni dei lecchesi nella massima serie (1960-1961 e 1962-1962) scenderà in campo 68 volte su 68 partite giocate, detenendo così il record di presenze in Serie A con la maglia del Lecco[7]. Realizza anche due reti, una delle quali dà il via alla rimonta lecchese nel pareggio interno per 2-2 contro la Juventus, il 1º gennaio 1961[4]. Il 6 novembre 1962 viene premiato per aver giocato consecutivamente 250 partite di campionato con la maglia del Lecco[8], squadra in cui milita fino al 1964 per un totale di 357 presenze e 6 reti, distribuite su quattro campionati di Serie C, cinque di Serie B e due di Serie A.

Terminata l'avventura con il Lecco, ottiene la lista premio[9] e nel settembre del 1964 si trasferisce al Piacenza, neopromosso in Serie C[10], con un contratto a gettone[9]: vi rimane per due stagioni, collezionando in tutto 40 presenze e 2 reti. Sul finire della prima stagione viene chiamato a sostituire l'allenatore Francesco Meregalli, esonerato per dissidi con la dirigenza, ma il tecnico viene successivamente reintegrato[11].

Chiude la carriera con due stagioni nel Borgomanero, in Serie D, dove svolge anche le mansioni di allenatore[12].

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Nella stagione 1965-1966 affianca all'attività agonistica quella di allenatore della formazione juniores del Piacenza[13]. In seguito siede sulle panchine del Fanfulla, tra il 1970 e il 1975[14][15][16][17], e del Verdello, tra il 1985 e il 1988, nel campionato di Promozione lombarda[18].

Dopo il ritiromodifica | modifica sorgente

Lasciato il mondo del calcio, diventa imprenditore fondando un'azienda nel settore del materiale elettrico, poi trasmessa alle figlie[7].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Si addice alla Serie C la formula della giovinezza, Il Corriere dello Sport, 19 agosto 1953, pag.4
  2. ^ Giovedì: ultimi incontri di allenamento - Atalanta, Il Corriere dello Sport, 6 aprile 1950, pag.3
  3. ^ Stagione 1952-1953 Paviacalcio.tifonet.it
  4. ^ a b Profilo su Aclecco.it collegamento interrotto
  5. ^ Gli anni d'oro si avvicinano Calciolecco1912.it
  6. ^ a b Gli ultimi 180 minuti del Lecco iIpuntostampa.info
  7. ^ a b Duzioni e Meraviglia due campioni e uomini veri Leccochannelnews.it
  8. ^ Bandiera bianca? Neanche per sogno Calciolecco1912.it
  9. ^ a b Duzioni acquistato dal Piacenza. La formazione per la gara di Cremona, Libertà, 26 settembre 1964, pag.5
  10. ^ Rosa 1964-1965 storiapiacenza1919.it
  11. ^ Stagione 1964-1965 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Sormani e Trapattoni provati ieri dal Milan a Borgomanero, La Stampa, 26 aprile 1967, pag.8
  13. ^ Un interno, un mediano e un portiere negli obiettivi del Piacenza F.C., Libertà, 10 luglio 1965, pag.5
  14. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1971, edizioni Panini, pag. 309
  15. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1972, edizioni Panini, pag. 311
  16. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1973, edizioni Panini, pag. 312
  17. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1975, edizioni Panini, pag. 322
  18. ^ P.Serina, Tutto il calcio bergamasco, ed.1986-1987-1988

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License