Francesco Giorgino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Giorgino (Andria, 8 agosto 1967) è un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Professore a contratto, studioso di tematiche sociali e saggista[1]. È caporedattore centrale della redazione Interni del Tg1[2], volto noto e conduttore del Tg1 delle 20.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Fratello di Nicola Giorgino, attuale sindaco di Andria per il Popolo delle libertà (PDL), inizia la sua carriera di giornalista quando, non ancora diplomato, collabora con l'emittente privata di Andria "Telesveva". È giornalista pubblicista dal 1988, e si laurea in giurisprudenza nel 1990 presso l'Università degli Studi di Bari, con una tesi sul Sistema radiotelevisivo pubblico e privato ed ordinamento costituzionale.[3][4] Lavora come responsabile di uffici stampa, e collabora con i quotidiani Il Popolo e Il Globo.[4]

È praticante dal 1991, quando entra in Rai nella redazione di Unomattina. Diventa giornalista professionista a gennaio 1993, con menzione speciale da parte della commissione di esame.[3]

Nel 1993 scrive il suo primo libro (Intervista alla prima Repubblica). È addetto stampa del Ministro Giuliano Urbani durante il Governo Berlusconi I (1994).

Dal 2001 è professore a contratto presso la facoltà di Scienze della comunicazione dell’università «La Sapienza» di Roma, dove insegna Teorie e tecniche del newsmaking.

Insieme a Simona Ventura conduce il Dopofestival del Festival di Sanremo 2002[5].

Collabora con la Rivista San Francesco Patrono d’Italia, dei francescani conventuali di Assisi.

Dal 2000 conduttore del Tg1 delle 13.30, nel 2010 - sotto la direzione di Augusto Minzolini - torna alla conduzione dell'edizione alle 20 che aveva già condotto per un breve periodo nel 2004-2005. Il 13 marzo 2013, alle 19:06, annuncia nel corso di un'edizione straordinaria del Tg1 l'avvenuta fumata bianca nel Conclave che ha portato all'elezione di Papa Francesco come 266° pontefice nella storia della Chiesa.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Intervista alla prima Repubblica. Taviani, Napolitano, Amato: scene (e retroscena) da cinquant'anni di politica, Milano, Mursia, 1994. ISBN 978-88-425-1783-2
  • L'un contro l'altro armati. Dieci testimonianze della guerra civile, 1943-1945, con Nicola Rao, Milano, Mursia, 1995. ISBN 978-88-425-1837-2
  • Gli eredi di Sturzo. Cinquant'anni di DC raccontati da democristiani e post democristiani, Milano, Mursia, 1995. ISBN 978-88-425-1921-8
  • Giornalisti agli arresti redazionali? Il newsmaking in Italia. Ricerca su selezione e gerarchia delle notizie. Tg1-Tg5: due modelli a confronto, analisi comparativa delle due principali testate televisive italiane, a cura di, Roma, Kappa, 2004. ISBN 88-7890-618-2
  • Dietro le notizie. Il mondo raccontato in sessanta righe e novanta secondi, Milano, Mursia, 2004. ISBN 978-88-425-3296-5
  • Buone notizie. Ricerca quanti-qualitativa su selezione, gerarchia e trattamento delle good news nei media italiani e stranieria cura di, Roma, Kappa, 2004. ISBN 88-7890-685-9
  • Buoni propositi. I cattolici nella società postmoderna, Padova, Edizioni Messaggero, 2007. ISBN 978-88-250-1829-5

Premi e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Francesco Giorgino ha ricevuto nel 2004 il Premio Azzarita, a ricordo di Leonardo Azzarita, direttore dell'Ansa e, nel 2008, il Premio giornalistico "Città di Salerno".

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Roma "La Sapienza"
  2. ^ TG1 - Redazione Interni
  3. ^ a b Telegiornaliste.com
  4. ^ a b Festival Villa Basilica
  5. ^ Corriere della Sera - Archivio Storico







Creative Commons License