Francesco Statuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Statuto
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
Roma Roma
Squadre di club1
1989-1990 Roma Roma 0 (0)
1990-1992 Casertana Casertana 38 (0)
1992-1993 Cosenza Cosenza 29 (2)
1993-1994 Udinese Udinese 31 (1)
1994-1997 Roma Roma 74 (3)
1997-1998 Udinese Udinese 19 (1)
1998 Roma Roma 0 (0)
1999 Piacenza Piacenza 12 (1)
1999 Roma Roma 0 (0)
1999-2002 Piacenza Piacenza 61 (2)
2003 Torino Torino 0 (0)
2003-2005 Padova Padova 26 (1)
2005-2006 Viterbese Viterbese 29 (0)
Nazionale
1995 Italia Italia 3 (0)
Carriera da allenatore
2008-2011 Grosseto Grosseto Primavera
2012 Grosseto Grosseto
2013 Grosseto Grosseto
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Francesco Statuto (Roma, 13 luglio 1971) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Centrocampista centrale, era utilizzato con compiti di copertura e interdizione[1], grazie alle sue doti di agonismo e resistenza fisica[2].

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Dopo aver iniziato nelle giovanili della Roma[3], viene prestato in Serie C1 e Serie B vestendo le maglie di Casertana (con cui conquista la promozione al termine del campionato 1990-1991[4] ma subisce anche un serio infortunio al ginocchio[3]) e Cosenza[2]. Nel 1993, rientrato nella capitale, viene ceduto in comproprietà all'Udinese, nell'ambito della cessione di Balbo alla Roma[5]; con i friulani fa il suo esordio in Serie A, disputando un campionato da titolare (31 presenze e un gol), ma la squadra retrocede in Serie B.

Riportato alla base su richiesta di Carlo Mazzone[2], guadagna il posto da titolare nel centrocampo giallorosso; un grave infortunio (frattura del perone)[3] limita a 20 le presenze in campionato. Rientrato in prima squadra, non ritorna sui livelli precedenti[2], e dopo altre due stagioni (per un totale di 74 presenze con 3 reti) nell'ottobre 1997 torna in comproprietà all'Udinese[6]. Utilizzato come alternativa a Johan Walem[1], colleziona 19 presenze con un gol.

Messo in disparte da Zdenek Zeman, nel gennaio 1999 passa in prestito gratuito al Piacenza[7], con cui ottiene la salvezza nel campionato di Serie A 1998-1999 disputando 12 partite con un gol, proprio alla Roma[8]. Ritorna per qualche mese alla Roma prima di trasferirsi definitivamente in Emilia, nel settembre 1999, insieme al compagno di squadra Carmine Gautieri[9]: con i biancorossi gioca altri tre campionati, due di Serie A ed uno di Serie B.

Svincolato dal Piacenza, nel gennaio 2003 viene ingaggiato dal presidente del Torino Franco Cimminelli, a insaputa del direttore sportivo Sandro Mazzola e dell'allenatore Renzo Ulivieri[10]. Mai impiegato in campionato, a fine stagione rimane nuovamente svincolato[11], e scende nelle categorie minori con Padova (due stagioni in Serie C1[12]) e Viterbese, in Serie C2.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Conta 3 presenze in Nazionale[13]. Ha esordito in maglia azzurra il 19 giugno 1995 a Losanna, nella gara Svizzera-Italia 0-1[3].

Allenatoremodifica | modifica sorgente

A partire dal 2008 ricopre il ruolo di allenatore della primavera del Grosseto[14], fino all'estate 2011, quando viene sostituito da Alberto Mariani[15].

Il 14 maggio 2012, a seguito dell'esonero di Guido Ugolotti viene assunto alla guida della prima squadra del Grosseto[16].

Il 5 luglio 2013 consegue il patentino di allenatori professionisti Prima Categoria-Uefa Pro, a seguito del corso di abilitazione a Coverciano[17].

Il 9 luglio 2013 torna sulla panchina della prima squadra del Grosseto, retrocesso in Lega Pro Prima Divisione[18]. Il 6 settembre viene sollevato dall'incarico e sostituito da Stefano Cuoghi.[19]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Inter geniale, Juve staccata La Repubblica, 5 gennaio 1998, pag.33
  2. ^ a b c d Profilo e statistiche su Enciclopediagiallorossa.com
  3. ^ a b c d SORPRESA STATUTO, I GUAI SONO FINITI La Repubblica, 19 giugno 1995, pag.34
  4. ^ 2 giugno 1991: i protagonisti sul campo della promozione in serie B casertanafc.it
  5. ^ MILIARDI IN MOVIMENTO La Repubblica, 25 giugno 1993, pag.30
  6. ^ TERREMOTO, 250 MILIONI DALLA SERATA GIALLOROSSA La Repubblica, 24 ottobre 1997
  7. ^ Sensi insiste Gli arbitri danneggiano la Roma La Repubblica, 29 gennaio 1999
  8. ^ Piacenza-Roma 2-0 - Stagione 1998-1999 storiapiacenza1919.it
  9. ^ Andersson di nuovo a Bologna La Repubblica, 29 settembre 1999
  10. ^ Moggi, prestaci Fresi e Zenoni La Repubblica, 28 gennaio 2003
  11. ^ Zac subito al comando Così rifonderò il Toro La Repubblica, 15 aprile 2003
  12. ^ Il Padova ingaggia Antonaccio e conferma Statuto tuttomercatoweb.com
  13. ^ I nazionali storiapiacenza1919.it
  14. ^ Staff tecnico del Grosseto 2010/11
  15. ^ L’arrivo di Zanetti si allontana Adesso si è inserito il Parma La Nazione, 30 luglio 2011
  16. ^ UGOLOTTI NUOVAMENTE ESONERATO, TOCCA A STATUTO, usgrosseto.com, 14 maggio 2012. collegamento interrotto
  17. ^ Corso Allenatori, Stramaccioni non è fra i promossi Corrieredellosport.it
  18. ^ Francesco Statuto nuovo Mister Usgrosseto1912.it
  19. ^ UFFICIALE: Grosseto, esonerato Statuto. Arriva Cuoghi.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License