Francesco Zambeccari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Zambeccari raffigurato in una carta da collezione del XIX secolo

Francesco Zambeccari (Bologna, 1752Bologna, 22 settembre 1812) è stato un pioniere dell'aviazione italiano.

La mongolfiera, 1784, dipinto di Francesco Guardi

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio del senatore Giacomo Zambeccari studiò nel Collegio dei nobili di Parma. Si arruolò in Spagna nella Guardia Real e poi divenne, già da giovane, ufficiale della Armada Española, nella quale si impegnò nel Mediterraneo a dare la caccia ai pirati e poi nell'Atlantico negli anni della Rivoluzione Americana.[1]

Per sfuggire al Tribunale dell'Inquisizione si recò a Parigi, dove nel 1783 assistette alle prime ascensioni dei fratelli Montgolfier, e poi a Londra dove, il 25 novembre 1783, cominciò a sperimentare il volo aerostatico.[1][2]

Conobbe Vincenzo Lunardi con cui collaborò a costruire un pallone gonfiato con idrogeno ma il legame si sciolse alla vigilia al volo di Lunardi il 15 settembre 1784. Riuscì lui stesso a volare il 22 marzo 1785 superando i 3 000 metri di quota.[2] Fu amico di Jean-François Pilâtre de Rozier che morì il 15 giugno 1785 durante l'attraversamento della Manica con un pallone a "doppia camera", un aerostato di forma sferica completamente pieno di idrogeno, sotto il quale ve n'era uno più piccolo di forma tronco-conica con aria riscaldata, simile a quello utilizzato da Zambeccari.[2]

Nel 1787 Zambeccari si trasferì a San Pietroburgo ed entrò a far parte della Marina Imperiale Russa, ma a seguito di un naufragio fu fatto prigioniero dei Turchi e per oltre due anni rimase rinchiuso nelle prigioni di Costantinopoli, trovando la libertà grazie all'intercessione del Re di Spagna.[1][2]

Rientrò a Bologna dove, contro la volontà del padre, sposò Diamante Negrini da cui ebbe tre figli, uno di questi fu Livio Zambeccari, patriota del Risorgimento italiano.[1][2]

Si dedicò al volo aerostatico, scrivendo testi ed effettuando esperimenti tra cui, nel 1803, l'utilizzo di una lampada ad alcool per riscaldare l'aria in una delle due camere dell'aerostato. Effettuò diverse ascensioni in Italia ed in Inghilterra assieme agli allievi Pasquale Andreoli e Gaetano Grassetti. Uno di questi voli, effettuato tra il 7 e l'8 ottobre 1803, partendo dalla Montagnola lo portò involontariamente a naufragare nell'Adriatico vicino alla costa dell'Istria. Il sistema utilizzato da Zambeccari nel pallone a "doppia camera", non era esente da pericoli e durante un volo effettuato a Bologna, il 21 settembre 1812, a bordo dell'aerostato si sviluppò un incendio che gli provocò le ustioni che furono poi la causa della sua morte.[1][2]

Venne sepolto nella tomba di famiglia nella basilica di San Francesco in Bologna. Nel 1813 la salma venne traslata nella Certosa di Bologna dove rimase fino al 1926 quando Laura Bevilacqua Ariosti, una discendente, fece trasferire il Monumento di Alessandro Zambeccari, contenente i resti di Francesco Zambeccari e del figlio Livio, nella basilica di San Francesco.[1]

Operemodifica | modifica sorgente

  • Francesco Zambeccari, Saggio sopra la teoria e pratica delle macchine aereostatiche, Bologna, ed. Ulisse Ramponi, 1800
  • Giacomo Rossi, Francesco Zambeccari, L'aeronauta bolognese, Bologna, ed. Marsigli, 1803
  • Francesco Zambeccari, Descrizione della macchina aerostatica del cittadino Francesco Zambeccari, destinata a tentare il regolamento della medesima per l'atmosfera..., ed. Leonardo Bertazzoni, 1804
  • Francesco Zambeccari, Relazione dell'esperienza aereo-statica eseguita in Bologna li XXII agosto MDCCCIV, ed. Ulisse Ramponi, 1804
  • Francesco Zambeccari, Risposta ad una lettera d'un amico sugli esperimenti aeronautici, ed. Ulisse Ramponi, 1804
  • Francesco Zambeccari, Pasquale Andreoli, Osservazioni di Francesco Zambeccari sopra varj oggetti contenuti nella lettera del signor Pasquale Andreoli diretta per la stampe a mr. Du-Pré, membro ec. relativa al volo da esso eseguito nell' anfiteatro di Milano il giorno 18 ottobre 1807, ed. Sassi, 1807
  • Pasquale Andreoli, Francesco Zambeccari, Descrizione dell'aerostato La Speranza costruito a Forlì nell'anno 1809, ed. Roveri e Casali, 1809
  • Francesco Zambeccari, Gaetano Grassetti, Pasquale Andreoli, Relazione del viaggio aereo intrapreso dal nob. sig. co. Francesco Zambeccari, dal signor dottor Grassetti di Roma, e dal signor Pasquale Andreoli di Ancona

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Pasquale Andreoli, Descrizione dell'aerostato La Speranza costruito a Forlì nell'anno 1809 dal sig. P. Andreoli secondo il metodo del sig. Francesco Zambeccari, Forlì, Tipografia Dipartimentale Roveri e Casali, 1809.
  • Michele Rosi, Dizionario del Risorgimento. Dalle origini a Roma capitale. Fatti e persone, Milano, Francesco Vallardi, 1937.
  • Tommaso De' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, Bologna, Bononia University Press, 2005, pp. 476-477.
  • Timina Caproni Guasti, Achille Bertarelli, Francesco Zambeccari. Aeronauta (Bologna 1752 - 1812), Milano, Museo Caproni. Officine dell'Istituto Italiano d'Arti Grafiche di Bergamo, 1932.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f Il Museo Virtuale della Certosa - Francesco Zambeccari (Mirtide Gavelli), 11/11/2010.
  2. ^ a b c d e f Aerostati.it - Grandi personaggi - Francesco Zambeccari (1752-1812), 11/11/2010.







Creative Commons License