Franco Morganti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franco Morganti (Milano, 25 agosto 1931) è un ingegnere, giornalista e scrittore italiano.

Allievo del celebre Collegio Ghislieri di Pavia, inizia la sua carriera presso Olivetti e SGS e dal 1974 intraprende attività di consulenza strategica nel settore sia pubblico che privato. Già chiamato a presiedere nel 1981 un gruppo di lavoro presso la Presidenza del Consiglio dei ministri sul riassetto delle telecomunicazioni italiane, dal 1998 al 2000 è consulente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, consigliere d’amministrazione dell’Enel dal 1999, di Wind Telecomunicazioni dal 2003 e vicepresidente dell’International Institute of Communications con sede a Londra.

Pubblicista sul «Corriere della Sera - Economia», è stato docente universitario e ha coltivato grandi interessi culturali e politici. Vive in parte a Milano e in parte a Évian-les-Bains, in Francia, paese da cui ha tratto valori e stimoli culturali.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Il paese di Brambilla, 1976-1986 : dieci anni di "Italia corporation". Edizioni del Sole 24 Ore, 1986, Prefazione di Giorgio Bocca.
  • Economia per l’impresa. Nuova Italia Scientifica, 1988.
  • Una storia lombarda. Casa editrice Marietti, 1992.
  • Una vita impolitica. Edizioni Diabasis, 1995. ISBN 88-8103-012-8
  • Partito democratico.com. Può la sinistra essere liberale? Edizioni Diabasis, 2001. ISBN 88-8103-149-3
  • La religione di un ateo. Reggio Emilia, Aliberti, 2009. Prefazione di Umberto Veronesi. ISBN 88-742-4540-8

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License