Franco Pastorino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franco Pastorino (Milano, 25 dicembre 1933Milano, 13 luglio 1959) è stato un attore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Da giovane mostrò subito la passione per il teatro di prosa dove debuttò con la compagnia di Ernesto Calindri, per poi passare dal 1953 al 1956 in compagnie famose (Cimara, Visconti, Squarzina, Gassman, Morelli e Stoppa).

Frequenti le partecipazioni alla prosa della radio RAI, nelle commedie e nei radiodrammi, con registi come Anton Giulio Majano, Nino Meloni e Pietro Masserano Taricco.

Morì prematuramente di peritonite, a soli 26 anni.

Il cinemamodifica | modifica sorgente

Il suo esordio nel cinema risale al 1951 ma senza sentirsene particolarmente attratto, perché, pur possedendo valide doti drammatiche, gli furono sempre affidate parti di discreto rilievo da noti registi. Rossellini gli assegnò il ruolo di protagonista in Napoli '43, un episodio di Amori di mezzo secolo, girato nel 1953; Mario Mattoli lo volle in Miseria e nobiltà (1954) a fianco di Sofia Loren e Totò, mentre Jean Renoir gli affidò il personaggio di un romantico giovane popolano in French cancan(1954). Negli anni '50 fece anche, saltuariamente, del doppiaggio, per la compagnia ODI (per esempio, doppiò Gabriele Tinti ne La banda degli onesti).

Prosa radiofonica RAImodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License