Franz Heinzer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franz Heinzer
Dati biografici
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 181 cm
Peso 80 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante, combinata
Squadra SC Schwyz
Ritirato 1994
Palmarès
Mondiali 1 0 0
Coppa del Mondo - Discesa 3 trofei
Coppa del Mondo - Supergigante 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Franz Heinzer (Svitto, 11 aprile 1962) è un allenatore di sci alpino ed ex sciatore alpino svizzero.

Originario di Rickenbach (Svitto), è stato uno degli atleti elvetici di punta nelle discipline veloci. A cavallo tra gli anni ottanta e i primi anni del decennio successivo è risultato uno dei più vittoriosi interpreti della discesa libera nella quale, insieme al connazionale Peter Müller, rivaleggiava alla pari con la forte squadra austriaca, riuscendo in carriera ad aggiudicarsi ben quindici vittorie e a conquistare tre Coppe del Mondo di specialità. È stato in grado, tra l'altro, di trionfare sui più importanti tracciati, tra cui la Lauberhorn di Wengen e la Streif di Kitzbühel.

In discesa ha conseguito anche il risultato più prestigioso della carriera, la medaglia d'oro ai Mondiali disputati a Saalbach-Hinterglemm nel 1991. Heinzer riuscì anche ad adattarsi al supergigante, tipo di competizione creato proprio in quegli anni, vincendo anche una coppetta nella specialità. Nel palmarès vanta anche due successi in combinata.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Carriera sciisticamodifica | modifica sorgente

Gli inizi e i primi successimodifica | modifica sorgente

Lo sciatore rossocrociato ottiene il suo primo risultato di rilievo in Coppa del Mondo il 18 gennaio 1981, giungendo ottimo ottavo nella libera disputata sul celebre tracciato della Streif di Kitzbühel. Il 6 marzo seguente sale per la prima volta sul podio piazzandosi terzo in discesa ad Aspen, alle spalle del campione mondiale austriaco Harti Weirather e del canadese Steve Podborski.

L'anno seguente partecipa ai suoi primi Mondiali, disputati a Schladming, concludendo quarto in discesa. In dicembre conquista poi il primo successo in Coppa del Mondo nella combinata svoltasi in Val Gardena. Nella stagione successiva (1983-1984), nella Val-d'Isère, si aggiudica in dicembre due vittorie consecutive, la prima in discesa e la seconda in combinata.

Le stagioni interlocutoriemodifica | modifica sorgente

Dopo un 1984 privo si successi significativi, viene convocato per i Mondiali del 1985 tenutisi a Bormio, dove si piazza nuovamente quarto nella sua specialità preferita. A livello di Coppa del Mondo nel 1986 torna al successo nella discesa di Åre dopo oltre due anni di assenza dal gradino più alto del podio. La stagione seguente lo vede invece ottenere, oltre al successo sulle nevi di casa di Laax, l'ennesimo quarto posto ai Mondiali di Crans-Montana.

Nel 1988 si aggiudica la sua quarta discesa con la vittoria a Beaver Creek, mentre nel 1989 non va mai a podio, fatto che non gli accadeva dalla stagione 1982.

Gli anni delle vittorie e il ritiromodifica | modifica sorgente

La stagione 1990-1991 si apre con la vittoria in dicembre sulla Saslong della Val Gardena e, all'inizio dell'anno seguente, con i successi di Kitzbühel, Aspen e Lake Louise che consentono all'elvetico di aggiudicarsi la sua prima Coppa del Mondo di discesa libera. A questa si aggiunge, grazie a due secondi posti nei tre supergiganti disputati, anche la Coppa del Mondo di supergigante. L'ottima annata dell'atleta è coronata dalla medaglia d'oro in discesa ai Mondiali di Saalbach-Hinterglemm, in gennaio.

La stagione successiva comincia con una serie di vittorie in discesa: a dicembre di nuovo sulla Saslong, ma soprattutto a gennaio con due successi consecutivi sulla Streif, cui segue la vittoria sul tracciato del Lauberhorn a Wengen. Questi prestigiosi risultati consegnano a Heinzer la seconda Coppa nella di specialità. Lo sciatore invece delude ai XVI Giochi olimpici invernali di Albertville 1992, dove non va oltre il sesto posto in discesa. Nel 1993 giungono gli ultimi tre successi di carriera, di cui uno a Garmisch-Partenkirchen, e l'ultima Coppa del Mondo di discesa.

Il 26 marzo 1993 a Åre ottiene l'ultimo podio, un terzo posto in supergigante, dietro al norvegese Kjetil André Aamodt e all'austriaco Günther Mader. Termina l'attività agonistica a Vail durante le finali di Coppa del Mondo il 16 marzo 1994, con un 12° piazzamento in discesa.

Carriera da allenatoremodifica | modifica sorgente

Dopo il ritiro è divenuto allenatore della nazionale svizzera, incaricato della squadra di Coppa Europa[1].

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Mondialimodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondomodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondo - vittoriemodifica | modifica sorgente

Data Luogo Paese Disciplina
19 dicembre 1982 Val Gardena Italia Italia K
9 dicembre 1983 Val-d'Isère Francia Francia DH
10 dicembre 1983 Val-d'Isère Francia Francia K
22 febbraio 1986 Åre Svezia Svezia DH
4 gennaio 1987 Laax Svizzera Svizzera DH
11 marzo 1988 Beaver Creek Stati Uniti Stati Uniti DH
14 dicembre 1990 Val Gardena Italia Italia DH
12 gennaio 1991 Kitzbühel Austria Austria DH
8 marzo 1991 Aspen Stati Uniti Stati Uniti DH
16 marzo 1991 Lake Louise Canada Canada DH
14 dicembre 1991 Val Gardena Italia Italia DH
17 gennaio 1992 Kitzbühel Austria Austria DH
18 gennaio 1992 Kitzbühel Austria Austria DH
25 gennaio 1992 Wengen Svizzera Svizzera DH
10 gennaio 1993 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania DH
16 gennaio 1993 St. Anton am Arlberg Austria Austria DH
23 gennaio 1993 Veysonnaz Svizzera Svizzera DH

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Scheda Swiss-Ski. URL consultato il 7 febbraio 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 69731536








Creative Commons License