Funicolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Funicolari)

La funicolare è una modalità di trasporto terrestre "a guida vincolata", appartenente alla categoria del trasporto a fune, solitamente in regime di servizio o trasporto pubblico.

Caratteristiche distintive sono l'utilizzo di una fune come organo di trazione e il movimento su una o più vie di corsa costituite da classici binari oppure da speciali guide, metalliche o di altri materiali. In queste ultime realizzazioni possono venire impiegate ruote gommate.

Questi impianti vengono generalmente realizzati allo scopo di superare sensibili dislivelli - soprattutto in ambiti montuosi - ma esistono numerosi esempi, in particolare in tempi recenti, a sviluppo pianeggiante o misto (vedere paragrafo "particolarità").

La funicolare non va confusa con la ferrovia a cremagliera la quale, pur circolando su binario, presenta un principio di funzionamento radicalmente diverso.

Per il solo trasporto di merci, pur non variando sostanzialmente composizione e funzionamento, si usa il termine tecnico di piano inclinato[1].

Funicolare della "Hungerburg" presso Innsbruck, dismessa nel dicembre 2005, riattivata nel 2007

Struttura di un impiantomodifica | modifica sorgente

Di seguito viene illustrato un impianto nella conformazione classica e maggiormente nota. Per alcune delle numerose particolarità vedere i paragrafi seguenti.

Fra le due stazioni terminali - ed eventualmente una o più intermedie - si spostano a spola uno o due "veicoli/vetture" (o due gruppi di più vetture unite fra loro), vincolati alla "fune traente".

Funicolare della Mendola (BZ) - Deviatoio al termine del tratto di incrocio - da www.funivie.org

Il tracciato può essere a binario doppio, unico o misto, a seconda della distanza da coprire, della disponibilità di spazio o altre necessità. Negli impianti a binario unico con due veicoli, l'incrocio a metà percorso avviene lungo un tratto di sdoppiamento della via di corsa dove gli scambi (o deviatoi) sono solitamente ad aghi fissi e l'indirizzamento sul "ramo" corretto si ottiene automaticamente, dotando i veicoli di un particolare sistema basato sull'impiego di assi con una ruota piatta ed una a doppio bordino.

Il o i veicoli vengono costruiti in base alle necessità di trasporto e alle caratteristiche dell'impianto.

Per il trasporto di persone si impiegano vetture di capienza assai variabile (da poche unità a ben oltre cento), adatte al tipo di servizio (spostamenti cittadini, turismo estivo o invernale ecc.). Con tracciato in pendenza, queste vengono costruite in modo che il piano di calpestio resti il più possibile orizzontale. La condizione viene ottenuta mediante un solo piano, posato su una apposita incastellatura fissata al telaio a sua volta poggiante sul binario oppure con una serie di piani disposti a gradini (soluzione necessaria con cabine lunghe). Recentemente sono state realizzate vetture ad assetto variabile che permettono la circolazione anche su tratti misti o addirittura pianeggianti.

Le funicolari per il solo trasporto merci, chiamate spesso semplicemente, piani inclinati i veicoli, spesso solo delle piattaforme, vengono costruiti di volta in volta adatti al tipo di materiali da trasportare.

Funicolare della Mendola (BZ) - vista sul tracciato con rulli di sostegno fune traente - agosto 2007

La fune traente realizza il movimento del o dei veicoli lungo il tracciato. In presenza di due veicoli questi sono vincolati ciascuno ad una estremità, realizzando così il cosiddetto "movimento a va e vieni". Con una vettura sola la fune viene solitamente avvolta sulla puleggia motrice a tamburo.

La fune scorre normalmente al centro fra le rotaie, sostenuta e guidata a pochi centimetri dal suolo da appositi rulli, disposti a intervalli non necessariamente regolari e opportunamente inclinati in curva. In presenza di cambi di pendenza accentuati ovvero contropendenze vengono installate particolari contropulegge che impediscono alla fune di sollevarsi dal piano del binario. In questo caso i rulli sono mobili, dovendo permettere alla morsa della vettura di passare.

La fune viene azionata e controllata da un complesso di apparecchiature situate nella "stazione motrice" ma può essere sorvegliata anche da ulteriori dispositivi al di fuori di essa.

Va qui annotato che nelle funicolari classiche uno dei maggiori problemi è l'aderenza fra puleggia motrice e fune traente, oltre ad un valore minimo di tensione di quest'ultima che deve essere garantito per un funzionamento regolare. Poiché detta tensione varia a seconda della posizione dei veicoli lungo il tracciato ed è inoltre fortemente influenzata dalla pendenza, vengono solitamente utilizzate due pulegge di eguale diametro, disposte una davanti all'altra in senso longitudinale rispetto alla fune - quindi con gli assi paralleli -, dotata ciascuna di doppia gola, dove la fune viene avvolta a formare un doppio 8, garantendo così il necessario attrito. Quando queste condizioni non possono essere adeguatamente soddisfatte viene impiegata una "fune di zavorra", a realizzare un "anello trattivo" che chiude la parte inferiore del percorso, tramite opportuna contrappesatura nella "stazione di tensione e rinvio", posta normalmente a valle.

La vettura in discesa, con il suo peso, fornisce buona parte dell'energia necessaria alla risalita della cabina opposta, per cui questo mezzo di trasporto può essere considerato tra i più efficienti sotto il punto di vista energetico.

In caso di rottura della fune la frenatura di emergenza avviene mediante ganasce che bloccano la vettura alle rotaie oppure, raramente, con l'ausilio di un ulteriore binario a cremagliera.

Particolaritàmodifica | modifica sorgente

Esistono esempi di impianti (pur se ormai quasi tutti in disuso) che utilizzano l'acqua come energia motrice, dove i veicoli sono dotati di serbatoi i quali, riempiti o svuotati, ne variano il peso e conseguentemente l'equilibrio fra essi, generando così il movimento. In Italia si ricordano, oltre alla Funicolare Sant'Anna a Genova e la Funicolare di Orvieto, oggi entrambe convertite a trazione elettrica, la Valle Oscura - Rocca di Papa che effettuava servizio in corrispondenza con le Tranvie dei Castelli Romani. Esempi di funicolare ad acqua ancora in servizio sono la Nerobergbahn nella città di Wiesbaden in Germania e l'Elevador do Bom Jesus a Braga in Portogallo

Funicolare della Hungerburg, Innsbruck (A) - sbocco della I galleria e inizio viadotto sull'Inn - dicembre 2007

In Austria, precisamente ad Innsbruck, è stata riattivata nel dicembre 2007 la funicolare della "Hungerburg". Questo impianto presenta varie novità fra cui la più importante è certamente il tracciato che ha un andamento pianeggiante nel primo tratto, una seconda sezione in salita, successivamente una in discesa e infine nuovamente in pendenza elevata. Percorre due gallerie e scavalca il fiume Inn all'aperto mediante un viadotto. La fune traente, chiusa ad anello da una di zavorra nella parte inferiore, viene guidata da pulegge classiche e trattenuta da "contropulegge" nei passaggi in contropendenza. Da segnalare inoltre la notevole velocità potenziale, fino a 10 m/secondo, e le due vetture, capaci di trasportare 130 persone, composte ciascuna da cinque "cellule" che lungo il percorso si muovono, adattandosi automaticamente all'inclinazione del binario, mantenendo quindi sempre perfettamente orizzontale il piano di calpestio.

Sempre in Austria è in esercizio un interessante impianto il quale, pur mosso da una fune, presenta le caratteristiche di una metropolitana, in quanto il suo tracciato è interamente sotterraneo e pressoché orizzontale, e non viaggia su binario bensì su un cuscino d'aria, con apposite guide che vincolano la cabina.

Caratteristiche simili presenta la MeLA (MEtropolitana Leggera Automatica) di Milano che si sviluppa su un percorso pianeggiante ma circola su guide metalliche lisce dove scorrono ruote gommate.

A Trieste è ancora in funzione dal 1902 la Tranvia di Opicina, detta anche "Trenovia". Questo impianto rappresenta una rarità in quanto riunisce le caratteristiche del tram cittadino con quelle delle funicolari.

Da non dimenticare i famosi tram di San Francisco (Stati Uniti), i cosiddetti "Cable-Car", che utilizzano la trazione a fune lungo i tratti di maggiore pendenza.

I sistemi ettometricimodifica | modifica sorgente

Se le funicolari sono utilizzate per il trasporto pubblico locale sono definite sistemi ettometrici.

I people movermodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi People mover.

Con il termine people mover (o automated people mover, APM) si intende un sistema di trasporto pubblico di ridotta estensione, automatico e dotato di sede propria (il tracciato ha quindi una completa separazione dagli altri sistemi di trasporto e dal traffico sia pedonale sia automobilistico).

Appartengono alla categoria dei sistemi ettometrici.[2]

È impiegato per servizi point-to-point per collegare, ad esempio, tra loro terminal aeroportuali o altre infrastrutture (ad esempio ospedali) alla rete metropolitana[3].

I people mover possono essere costruiti con diverse tecnologie (a funicolare, a monorotaia). Con il termine people mover si fa quindi riferimento al servizio effettuato (point-to-point) e non alla tecnologia

I people mover del tipo funicolare sono infrastrutture perlopiù sopraelevate costituite da veicoli con ruotine di gomma circolanti su piastre generalmente di acciaio, con trazione a fune e guidato da un posto centrale[4]. Sono quindi funicolari con profilo longitudinale per lo più pianeggiante (e quindi non necessitanti delle tecnologie connesse a superare forti dislivelli).

In Italia sono in funzione due sistemi people mover: quello di Milano che collega l'ospedale San Raffaele alla rete metropolitana (chiamato MeLA) e quello di Venezia che collega tra loro il Tronchetto e Piazzale Roma.

Il "Minimetrò" di Perugiamodifica | modifica sorgente

Una vettura del Minimetró di Perugia

A Perugia è in funzione un impianto chiamato con il termine commerciale di "Minimetrò" che si distingue per le numerose caratteristiche originali e innovative.

Varie vetture, di dimensioni ridotte, si muovono contemporaneamente lungo le due vie di corsa che si sviluppano parte in galleria, sottopassando l'intero centro storico della città, e parte in sopraelevata fino a raggiungere la periferia. In tal modo vengono evitate tutte le interferenze con viabilità e infrastrutture esistenti. Le cabine vengono trainate da una fune in movimento costante al centro del binario speciale (sono infatti dotate di ruote gommate) e, lungo il percorso, effettuano varie fermate, quindi come in una metropolitana classica. L'arresto viene ottenuto mediante lo sganciamento dalla fune all'approssimarsi della stazione, il rallentamento mediante appostiti rulli laterali e, terminato il tempo di sosta, successiva accelerazione e riagganciamento alla traente. Agli estremi della linea la direzione dei veicoli viene invertita mediante piattaforme girevoli.

Il funzionamento è completamente automatico (non esiste personale di bordo) e, grazie alla possibilità di aggiungere o togliere vetture dalla circolazione a seconda della richiesta, permette una notevole flessibilità.

Da sottolineare la possibilità di ampliare ulteriormente l'impianto, prolungando il tracciato ovvero realizzando "rami" laterali, divergenti o ad anello, creando una vera e propria "rete" dove i singoli veicoli possono muoversi indipendentemente e praticamente senza vincoli di orario.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Minimetrò.

Altri impianti in Italiamodifica | modifica sorgente

Funicolare di Catanzaro

In Italia sono in funzione numerose funicolari, in particolare a Napoli (Funicolare Centrale, Funicolare di Chiaia, Funicolare di Montesanto, Funicolare di Mergellina) e Genova (Funicolare Sant'Anna e Funicolare Zecca-Righi). Sempre nel capoluogo ligure vi è l'ascensore pubblico di Montegalletto, le cui cabine percorrono una parte del percorso in un pozzo verticale ed un'altra in una galleria pressoché orizzontale, con trazione funicolare. Altri impianti nelle città di Bergamo (Funicolare di Bergamo Alta e Funicolare di Bergamo - San Vigilio), Biella (Funicolare di Biella), Catanzaro (Funicolare di Catanzaro), Certaldo (Funicolare Certaldo bassa-Certaldo Alta), Como (Funicolare di Como-Brunate) , Livorno (funicolare di Montenero, 1908), Mondovì (Funicolare di Mondovì), Montecatini Terme (Funicolare di Montecatini Terme), Mercogliano-Montevergine (Funicolare di Montevergine), Orvieto (Funicolare di Orvieto), Varese (Funicolare Vellone-Sacro Monte, Funicolare Vellone-Campo dei Fiori (ora dismessa), Funicolare del Kursaal (distrutta nella 2ª guerra mondiale e ora dismessa)) oltre alla funicolare di Capri, che collega il porto di Capri alla celebre Piazza Umberto I (anche detta Piazzetta). Celebre era la funicolare vesuviana, ormai dismessa ma di cui si progetta la ricostruzione, che portava al cratere del vulcano ed ispirò la celebre canzone "Funiculì funiculà".

La città di Bolzano era nota, fino al 1918, per essere in gara con Lugano in Svizzera per la quantità di impianti a fune e ferrovie locali. Per le sue funicolari rammentiamo quella del Guncina e la Virglbahn - la Bolzano-Virgolo -, bombardata durante la seconda guerra mondiale, sostituita poi da una funivia, oggi a sua volta dismessa.

A pochi chilometri è invece ancora attiva e perfettamente restaurata la Funicolare della Mendola, una delle più ripide d'Europa, che collega Sant'Antonio - frazione di Caldaro sulla strada del vino - al Passo della Mendola.


In Val Gardena sono in funzione attualmente due funicolari, la prima, messa in funzione il 17 settembre 2010 è con 2402 m una delle più lunghe d'Europa; collega Ortisei con l'alpe di Rasciesa a 2122 metri. Una seconda funicolare sotterranea, Gardena Ronda Express, lunga 1200 m collega, passando sotto la frazione Plan da Tieja del comune di Selva di Val Gardena, i due impianti di risalita per il Ciampinoi ed il Col Raiser.


In Valle d'Aosta, precisamente in Val d'Ayas, è stata realizzata in soli 5 mesi dalla Monterosa Ski un funicolare che collega la frazione di Frachey all'alpe Mandria, partenza degli impianti di risalita che uniscono il comprensorio sciistico della Valle d'Ayas a quello della Valle di Gressoney. La funicolare, prima dedicata allo sci in Valle d'Aosta, è andata a sostituire nel 2009 la storica seggiovia biposto ad ammorsamento fisso che percorreva il medesimo percorso. Da luglio 2010, è aperta anche d'estate permettendo il collegamento estivo del comprensorio.

Il futuromodifica | modifica sorgente

Se nel secondo dopoguerra le funicolari sembravano destinate a scomparire in quanto richiedevano una struttura fissa e spesso numerose opere d'arte quali rilevati, trincee, ponti e gallerie, con l'evoluzione della tecnica hanno conosciuto una rinascita notevole. Oggi vengono spesso preferite alla funivia aerea per alcune peculiarità:

  • possibilità di seguire un tracciato con curve;
  • quasi totale insensibilità agli eventi atmosferici (vento in particolare);
  • superiore capacità oraria (numero passeggeri/ora trasportabili) per la maggiore capienza delle cabine.

Grazie alle novità tecnologiche sopra descritte si può ragionevolmente pensare che le funicolari potranno in futuro rappresentare una valida alternativa al trasporto pubblico soprattutto locale per la minore richiesta di energia per il funzionamento, l'elevata automazione ottenibile nonché l'eccellente frequenza ed elasticità di esercizio, in particolare sotto forma di impianti quali i citati "Minimetro" e i "sistemi ettometrici".

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Ferrovia marmifera di Lasa
  2. ^ A pag. 7
  3. ^ A pag. 141 e 142
  4. ^ Il people mover spiegato su Funivie.org

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti







Creative Commons License