Gabardine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabardine.jpg

La gabardina (o gabardine alla francese) è un tessuto in filato pettinato in tinta unita, di un certo peso e mano asciutta.

L'origine del nome viene fatta risalire a un mantello di lana in uso in Francia nel Rinascimento o al termine spagnolo usato circa nello stesso periodo per indicare la tuta degli operai.[1]

Strutturamodifica | modifica sorgente

Si ottiene con una armatura a saia, che crea una diagonale. Quella della gabardina è molto inclinata, i fili di ordito hanno una densità doppia rispetto a quelli della trama, sono molto sottili e molto ritorti[2]. Il risultato è un tessuto con dominante d'ordito, molto chiuso e compatto ma adattabile, con superficie rasata, segnata da costine ben inclinate, più evidenti sul diritto. La rigatura sottile e inclinata, l'aspetto ben finito e un po' lucido, la mano fine e asciutta, ne fanno un tessuto elegante, adatto a tagli di sartoria.

Si realizza in lana, cotone e fibre miste.

Adatto all'abbigliamento, sia maschile che femminile, si utilizza per pantaloni, abiti, gonne, giacche e soprattutto per gli impermeabili. A secondo del materiale usato e al peso del filato produce capi adatti al periodo estivo o invernale.

L'impermeabile trench, reso famoso da attori come Humphrey Bogart, è realizzato in gabardina.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Elena Bertacchini, Chinos: la storia e l'originale percorso culturale di un capo di abbigliamento americano, Lupetti, 2000, p. 92.
  2. ^ Gabardine (tessuto)

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Caratteristiche dei tessuti in lana

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda







Creative Commons License