Gabriele Bongiorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabriele Bongiorni
Gabriele Bongiorni.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176[1] cm
Peso 73[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2001 - giocatore
Carriera
Giovanili
Mantova Mantova[1]
Squadre di club1
1977-1980 Alessandria Alessandria 84 (11)
1980-1981 Savona Savona 33 (4)
1981-1985 Varese Varese 139 (24)
1985-1987 Cremonese Cremonese 69 (5)
1987-1988 Catanzaro Catanzaro 37 (3)
1988-1989 Ascoli Ascoli 16 (0)
1989-1991 Trento Trento 60 (8)
1991-1994 Oltrepo Oltrepò 96 (27)
1994-1995 Castellana AC Castellana C.S.G. 27 (5)
1995-1996 Oltrepo Oltrepò 26 (13)
1996-1998 Castellana AC Castellana C.S.G. 52 (16)
1998-1999 Bressana Bressana 26 (3)
1999-2000 600px Granata.png Robbio 32 (5)
2000-2001 Azzurro e Bianco (Bordato).svg Laveno Mombello 20 (3)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al marzo 2014

Gabriele Bongiorni (Chignolo Po, 16 maggio 1959) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Mediano, dopo la gavetta all'Oratorio di Stradella, Bongiorni muove i primi passi nel calcio professionistico all'Alessandria, in Serie C (dal 1978 Serie C1).

Lasciati i grigi dopo la retrocessione del 1979-1980, veste le maglie di Savona e quindi Varese, con cui esordisce in Serie B, il 13 settembre 1981 in Varese-Cremonese 1-0[2]. Resta nel sodalizio biancorosso fino alla stagione 1984-1985, quando compie l'impresa di realizzare, pur essendo un centrocampista di attitudine prevalentemente difensiva, ben 15 reti, tuttavia non sufficienti ad evitare la retrocessione.

Viene quindi acquistato dalla più ambiziosa Cremonese, appena retrocessa dalla massima serie; in grigiorosso disputa due campionati, il secondo dei quali mancando la promozione solo agli spareggi. Sfiora la promozione in A anche 1987-1988 col Catanzaro, quindi nell'estate 1988 viene ingaggiato dall'Ascoli dell'allora presidente Costantino Rozzi, che gli offre la possibilità ormai insperata di esordire in Serie A a quasi 30 anni. Fatica tuttavia ad imporsi come titolare fra i bianconeri collezionando 16 presenze nella stagione 1988-1989.

Nel 1989 si trasferisce al Trento, in Serie C1, e poi all'Oltrepò, con cui vince il Campionato Interregionale, oggi Serie D. Gioca poi in alcune squadre della Provincia di Pavia e di quella di Piacenza a livello di Promozione e Prima Categoria, tra cui il Robbio, il Bressana e la Castellana di Castel San Giovanni. Conclude la carriera a Laveno Mombello giocando un campionato di Seconda Categoria nella squadra locale.

Dal 2001 vive a Varese, dove allena formazioni giovanili della squadra della città lombarda.

In carriera, oltre alle 16 presenze in A, ha totalizzato 245 presenze e 32 reti in Serie B.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 5 (1988-1989), Panini, 4 giugno 2012, p. 29.
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, Edizione Panini Modena, pagina 27







Creative Commons License