Gabriele Capello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gabriele Capello detto Moncalvo (Moncalvo, 14 marzo 1806Torino, 20 agosto 1877) è stato un ebanista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo un periodo di apprendistato a Moncalvo[1], suo paese natale, in provincia di Asti, Capello si trasferisce a Torino, dove nel 1827 fonda una bottega artigianale con il falegname Felice Facta.
Tra il 1833 e il 1864 si occupa di costruire mobili e altri elementi di arredamento per conto dei Re di Sardegna, operando nelle principali dimore sabaude del Piemonte e della Liguria.
Nel 1850 Vittorio Emanuele II lo insignisce delle titolo di Cavaliere dell'Ordine Mauriziano.
Progetta e realizza 5 convogli del Real Treno da Torino a Genova[2].

Nell'ambito dell'Esposizione Universale di Londra, nel 1851 viene premiato con la medaglia d'oro per la categoria delle arti applicate all'industria. Collabora alla fondazione delle Scuole Operaie San Carlo di Torino, e a lui ancora oggi è dedicata una sede dell'Istituto[3].

Cessa la sua attività nel 1864, continuando a ricevere onori e premi e ricoprendo più volte il ruolo di giurato nelle esposizioni internazionali come nel 1867 a Parigi.

Le operemodifica | modifica sorgente

Nei trentun anni della sua attività Capello svolge numerosi incarichi presso la corte di Torino. Le sue opere, sparse nelle diverse residenze sabaude, sono ancora oggi visibili nei seguenti musei:

  • Castello di Racconigi: mobili del Gabinetto Etrusco (1834). Infissi ed arredi in stile neogotico nel Reposoir della Regina della Margaria (1839). Appartamenti di Vittorio Emanuele Duca di Savoia e Maria Adelaide (1841).
  • Palazzo Reale di Torino: arredo nel Medagliere, nell'Armeria Reale, nella Sala da Ballo, nelle Sale di Udienza e del Consiglio, nella Sala del Trono e nella Biblioteca Reale (1834-1849). Realizza il trono di Carlo Alberto (1838).
  • Museo Civico d'Arte Antica di Torino: salotto della Sala di Ricevimento del Castello di Pollenzo (1838).
  • Palazzo Reale di Genova: sala del Trono (1848).
  • Castello di Moncalieri: appartamenti di Vittorio Emanuele II della principessa Maria Clotilde (1852).

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Pagine Moncalvesi sulla vita di Gabriele Capello
  2. ^ Disegno del Real Treno ad opera di Gabriele Capello
  3. ^ Sito CFP Gabriele Capello, Torino

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Antonetto Roberto (2004), Gabriele Capello "Moncalvo" ebanista di due re, Allemandi, Torino ISBN 8842212393

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License