Gabriele Tarquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabriele Tarquini
Gabriele Tarquini 2009 WTCC Race of Japan.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
FIA WTCC
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1987-1992, 1995
Scuderie Osella, Coloni, AGS, Fondmetal, Tyrrell
Miglior risultato finale 27º (1989)
GP disputati 78 (38 partenze)
Punti ottenuti 1
 

Gabriele Tarquini (Giulianova, 2 marzo 1962) è un pilota automobilistico italiano.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Ha iniziato a correre con i kart negli anni settanta e ha vinto il campionato italiano nel 1983 e nel 1984, l'europeo nel 1983 e il mondiale nel 1984. Tra il 1985 ed il 1987 ha disputato il campionato internazionale di Formula 3000, nel quale ha ottenuto come migliori risultati alcuni piazzamenti a podio.[1]

Nel Gran Premio di San Marino 1987 ha esordito in Formula 1, alla guida di una Osella, e ha partecipato alle cinque stagioni successive, fino al 1992, con le scuderie Coloni, AGS e Fondmetal. Ha poi fatto un'ultima apparizione nel 1995 con la Tyrrell, scuderia della quale era collaudatore, come sostituto di Ukyo Katayama.[1] In totale ha preso il via in 38 Gran Premi, ha mancato la qualificazione in 15 occasioni e la pre-qualificazione in altre 25; ha colto un unico punto iridato al Gran Premio del Messico 1989, nel quale ha concluso al sesto posto in gara.

Per quanto riguarda le competizioni riservate alle vetture a ruote coperte, ha marcato un'apparizione alla 24 Ore di Le Mans nel 1985 e nel 1987 ha esordito nel campionato mondiale turismo al volante di una Alfa Romeo 75 Turbo del team Brixia; in seguito, nelle stagioni 1989, 1990 e 1992, parallelamente all'impegno in Formula 1, ha corso con una BMW M3 nel campionato italiano superturismo.[1]

Tarquini a Okayama nel 2010

Nel 1993 fino al 1996 ha corso con una Alfa Romeo 155, auto con cui ha concluso al terzo posto il campionato italiano nel 1993 e ha vinto il campionato britannico turismo nel 1994. Dal 1997 al 2001 è passato a gareggiare con una Honda Accord nel campionato britannico, in quello tedesco e poi nell'europeo superturismo, piazzandosi terzo nell'europeo del 2001. Alla fine del 2002 è tornato con l'Alfa Romeo, con cui l'anno successivo ha vinto il Campionato Europeo Turismo e nel 2004 ha chiuso al terzo posto finale.[1]

Dopo la trasformazione dell'europeo turismo in WTCC, ha corso nella stagione 2005 ancora con l'Alfa Romeo, per poi passare, dal 2006 fino al 2012, alla guida di una SEAT León. Con questa vettura è giunto al secondo posto finale nel 2008, mentre nel 2009 si è laureato campione con 4 punti di vantaggio su Yvan Muller.[1] Con questo successo ha battuto il record di pilota più anziano a vincere un campionato mondiale della FIA, che apparteneva a Juan Manuel Fangio dal 1957.[2] Nel 2010 ha invece ottenuto un altro secondo posto in classifica. Nel 2013 ha portato all'esordio la Honda Civic, mettendo a segno la pole position nella seconda gara a Marrakech.

Ha anche lavorato per diverso tempo nel ruolo di commentatore tecnico dei Gran Premi di Formula 1 dapprima per TELE+[3] e in seguito per Sky Sport.[4]

Risultati in Formula 1modifica | modifica sorgente

1987 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Osella FA1G Rit 0
1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Coloni FC188 / FC188B Rit Rit Rit 14 8 NPQ NPQ NPQ NPQ 13 NC NQ 11 NPQ NPQ NQ 0
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS JH23B / JH24 8 Rit 6 7 Rit Rit NQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ 1 27º
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS JH24 / JH25 NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NPQ NQ Rit NPQ 13 NQ NQ NQ Rit NQ Rit 0
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
AGS e Fondmetal[5] JH25/JH25B/JH27 e F1 8 Rit NQ Rit NQ NQ NQ NQ NQ NPQ NPQ NPQ NQ 12 11 NPQ 0
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Fondmetal GR01 / GR02 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 14 Rit Rit Rit Rit 0
1995 Scuderia Vettura Flag of Brazil.svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Europe.svg Flag of the Pacific Community.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Tyrrell 023 14 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e (EN) Tarquini - A Historic World Champion, TouringCarTimes, 24 novembre 2009.
  2. ^ (EN) Tarquini: experience and consistency, fiawtcc.it, 23 novembre 2009. (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  3. ^ Zanardi torna in F1 sugli schermi di Tele+ «Ma sogno Daytona», Corriere della Sera, 28 febbraio 2003.
  4. ^ Rai e Sky, sfida per la «pole» televisiva, Corriere della Sera, 13 marzo 2008.
  5. ^ Con la Fondmetal dal GP di Spagna.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License