Gaetano Barbareschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaetano Barbareschi
Gaetano barbareschi.jpg

Ministro del Lavoro e Della Previdenza Sociale
Durata mandato 21 giugno 1945 –
13 luglio 1946
Presidente Ferruccio Parri
Alcide De Gasperi
Predecessore non istituito
Successore Ludovico D'Aragona

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
on. Gaetano Barbareschi
Bandiera italiana
Assemblea costituente
Luogo nascita Genova
Data nascita 21 agosto 1889
Luogo morte Genova
Data morte 5 ottobre 1963
Professione sindacalista
Gruppo Socialista
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Partito Partito Socialista Italiano
Legislatura I, II, III, IV.
Gruppo Partito Socialista Italiano

Gaetano Barbareschi (Genova, 21 agosto 1889Genova, 5 ottobre 1963) è stato un sindacalista e politico italiano.

È stato, per il Partito Socialista Italiano, deputato dell'Assemblea Costituente e ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale nel governo presieduto da Ferruccio Parri, insediatosi il 21 giugno 1945, conservando la carica anche nel successivo governo De Gasperi I. Considerato tra i precursori dell'autonomia del Psi dal Pci e vicino alle posizioni di Saragat, si oppose tuttavia, assieme al compagno Sandro Pertini, alla scissione di Palazzo Barberini del gennaio 1947.

Dalla prima legislatura repubblicana è stato ininterrottamente senatore fino alla morte, avvenuta durante i primi mesi della quarta legislatura. In suo onore gli è stata intitolata la rimessa di AMT di Cornigliano ed una via nella Circoscrizione Centro-Ovest di Genova, nel quartiere di San Teodoro.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License