Gaetano Mattioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaetano Mattioli (Venezia, 7 agosto 17501815) è stato un violinista, direttore d'orchestra e compositore italiano.

Studiò musica prima a Venezia e poi a Parma, presso la scuola di Angelo Morigi. Si esibì dapprima in Italia, come violinista e direttore d'orchestra. Trasferitosi a Bonn al seguito di Andrea Luca Luchesi, dal 1774 fu primo violino e dal 1777 Konzertmeister e intendente amministrativo della Cappella elettorale.[1] In Germania sposò la ballerina Maria Caterina Isabella Barbieri (morta il 17 marzo 1817) e fu consigliere di Max Friedrich, arcivescovo di Colonia ed elettore palatino. Rientrò in Italia nel giugno 1784.

Le sue ceneri sono conservate al Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna,[2] assieme a quelle della moglie, in un monumento funebre opera dell'architetto Angelo Venturoli e dello scultore Giovanni Putti.[3]

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Carlo Schmidl, Dizionario universale dei musicisti, Sonzogno 1929, vol. II, p. 64.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Gaetano Mattioli nel saggio Nuova teoria di musica ricavata dall' odierna pratica di Carlo Gervasoni.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Silvia Gaddini, Angelo Morigi, «Dizionario biografico degli italiani», vol. 76, Treccani 2012 Angelo Morigi in Dizionario Biografico – Treccani.
  2. ^ Chiostro III, arco 92.
  3. ^ Collezione dei monumenti sepolcrali del cimitero di Bologna, Bologna, Giovanni Zecchi, 1825, senza numeri di pagina.







Creative Commons License