Gemma Perchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gemma Perchi (Jesi, 1º aprile 1873Jesi, 22 gennaio 1957) è stata un'operaia e sindacalista italiana.

Impiegata come operaia nel settore manifatturiero, si prodigò per la costituzione di scuole nelle quali poter mandare i figli delle operaie. Nelle filande e con le setaiole iniziò e diresse una durissima battaglia sindacale di agitazioni e scioperi per i diritti delle lavoratrici, fino a ottenere le otto ore lavorative giornaliere nel 1919; fu perseguitata durante il fascismo[1].

Fu una delle prime donne - se non la prima - a presiedere una Camera del Lavoro, in cui ebbe un ruolo importante nella commissione esecutiva[2] e nella segreteria, dopo la Settimana rossa del 1911 e durante la Prima guerra mondiale.[3]

A lei è stata intitolata una scuola primaria di Jesi[4].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Jesi e la sua valle, 14, 12/7/2008
  2. ^ R. Giulianelli, M. Papini, La Camera del Lavoro di Jesi nel Novecento, 2003, pp. 90-96. Gemma Perchi è ricordata anche in Norbert C. Soldon, The World of women's trade unionism: comparative historical essays, Greenwood Press, 1985, p. 141.
  3. ^ Jesi e la sua valle, 14, 12/7/2008
  4. ^ icfederico.it

Fontimodifica | modifica sorgente

  • Giuseppe Luconi, Gemma Perchi, in «Jesi e la sua valle», 14, 12 luglio 2008, p. 45
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License