Gertrud Gabl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gertrud Gabl
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 172 cm
Peso 64 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale
Squadra Ski Club Arlberg
Ritirata 1972
Palmarès
Campionati austriaci[1] 4 3 2
Coppa del Mondo 1 trofeo
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Gertrud Gabl (Sankt Anton am Arlberg, 26 agosto 1948Sankt Anton am Arlberg, 18 gennaio 1976) è stata una sciatrice alpina austriaca.

Era nipote di Franz, a sua volta sciatore alpino di alto livello[2].

Biografiamodifica | modifica sorgente

Gertrud Gabl è stata la prima sciatrice austriaca a vincere la Coppa del Mondo al termine della stagione 1969. Nello stesso anno conquistò anche la Coppa di slalom.

Aveva esordito nella manifestazione il 19 gennaio 1967 nello slalom speciale di Schruns e aveva conquistato il primo podio il 6 gennaio 1968 nello slalom di Oberstaufen, classificandosi al secondo posto.

Ritiratasi all'età di ventitré anni, morì nel 1976 travolta da una valanga sulle montagne di St. Anton durante un'escursione di sci alpinismosenza fonte.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondomodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondo - vittoriemodifica | modifica sorgente

Data Luogo Paese Disciplina
11 gennaio 1968 Grindelwald Svizzera Svizzera SL
5 aprile 1968 Heavenly Valley Stati Uniti Stati Uniti GS
6 aprile 1968 Heavenly Valley Stati Uniti Stati Uniti SL
4 gennaio 1969 Oberstaufen bandiera Germania Ovest SL
7 gennaio 1969 Grindelwald Svizzera Svizzera SL
16 febbraio 1969 Vysoké Tatry Cecoslovacchia Cecoslovacchia GS
17 febbraio 1969 Vysoké Tatry Cecoslovacchia Cecoslovacchia SL

Campionati austriacimodifica | modifica sorgente

  • Campionessa austriaca di slalom gigante nel 1968[1]
  • Campionessa austriaca di slalom speciale nel 1967, nel 1968 e nel 1969[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 16 novembre 2010.
  2. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato il 28 ottobre 2010.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License