Giacinto Palmarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacinto Palmarini (Teramo, 21 agosto 1970) è un attore teatrale italiano.

Diplomatosi all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico di Roma nel 1995.

Tra i numerosi ruoli che ha interpretato in teatro ricordiamo: "Mercuzio" nel Romeo e Giulietta di Maurizio Scaparro, Don Giovanni nella drammaturgia e regia di Maurizio Scaparro: Don Giovanni raccontato e cantato dai Comici dell'Arte, Cassio nel Giulio Cesare di Shakespeare diretto dal giovane Daniele Salvo, ancora Eugenio Onegin nell'omonimo testo tratto da Puškin diretto dallo stesso Daniele Salvo.

È stato uno dei protagonisti dello spettacolo Lo specchio del diavolo di Giorgio Ruffolo ed Enea nel Troilo e Cressida entrambi per la regia di Luca Ronconi, in occasione dei XX Giochi olimpici invernali del 2006.

Dal 2003 ha dato nuova vita allo storico personaggio del Diavolo-Plutone Asmodeo nella tradizionale Cantata dei pastori riedita e curata dall'attore napoletano Peppe Barra, opera insignita del Premio Olimpico (Premio ETI Gli Olimpici del Teatro) nel 2004.

Ha preso parte ad alcune pellicole cinematografiche italiane, tra cui La verità vi prego sull'amore di Francesco Apolloni, Pontormo - Un amore eretico di Giovanni Fago, Le intermittenze del cuore di Fabio Carpi. Ha interpretato il Marchese Sanudo nella produzione televisiva Il giovane Casanova di Giacomo Battiato.

In radio ha collaborato a svariati programmi, tra cui si ricordano La ronda di notte in diretta per Radio3 Suite dedicato al quadricentenario di Rembrandt.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License