Giacomo Fauser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacomo Fauser (Novara, 11 gennaio 1892[1]Novara, 7 dicembre 1971[1]) è stato un ingegnere e chimico italiano.

Giacomo Fauser

Biografiamodifica | modifica sorgente

« Solo mediante l'istruzione razionale delle maestranze si riuscirà a creare una perfetta organizzazione tecnica indispensabile per il trionfo della nostra industria »
(Giacomo Fauser[1])

Giacomo Fauser nacque a Novara l'11 gennaio 1892 da Felice (di origine svizzera) e da Luigia Bellini (nata a Somma Lombardo). Iniziò a lavorare molto giovane e fece i primi esperimenti nella fonderia di famiglia, realizzando una cella elettrolitica dell'acqua che fornisse ossigeno economico per la saldatura autogena. Morì nella sua città nativa il 7 dicembre 1971.

Fauser e la Montecatinimodifica | modifica sorgente

Il nome di Fauser è legato fortemente alla società Montecatini; Francesco Lanzalotta fu tra i suoi più stretti collaboratori nell'avvio nel mondo di impianti industriali per la sintesi dell'ammoniaca.

Il processo Fauser-Montecatinimodifica | modifica sorgente

Il suo nome è legato ad un procedimento per la sintesi dell'ammoniaca a partire dall'azoto atmosferico. Questo sistema fu da Fauser elaborato insieme alla società Montecatini e portò alla registrazione di un brevetto detto appunto metodo Fauser-Montecatini.
Questo metodo è ancora oggi utilizzato in tutto il mondo in quanto potendosi realizzare a bassa pressione e bassa temperatura consente notevoli economie di esercizio. Mise a punto, inoltre, procedimenti per la produzione dell'acido nitrico (1923), del solfato ammonico (1927), del nitrato ammonico (1931) e dell'urea (1935).

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

A Giacomo Fauser è stato intitolato un Istituto Tecnico Industriale a Novara.

  • Nominato Membro del Comitato Nazionale per la Chimica del Consiglio Nazionale delle Ricerche da Guglielmo Marconi;
  • Laureato in Ingegneria Industriale presso il Politecnico di Milano;
  • Laurea Honoris Causa Ingegneria chimica al Politecnico federale di Zurigo e dell'Università di Veszprém-Ungheria ;
  • Laurea Honoris Causa Chimica industriale dell'Università di Milano e dell'Università di Lovanio - Belgio;
  • Conferimento dell' Ordine del Sacro Tesoro - Ambasciata del Giappone (Roma, 1957);
  • Nominato Socio straniero dalla Accademia Nazionale dei Lincei (1948).

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Giacomo Fauser







Creative Commons License