Giambattista Abati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giambattista Abati (Mantova, 1490 circa – Mantova, 1560 circa) è stato un politico italiano di Casa Gonzaga.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque verso la fine del Quattrocento da Matteo, appartenente a un ramo decaduto della casa mantovana degli Abati, di antica nobiltà: per distinguerla dal ramo ancora in auge, la sua famiglia veniva chiamata degli Abadini o Abbaddini, così che Giambattista venne anche nominato Abbadino.

Giambattista Abati riuscì tuttavia emergere grazie alle proprie qualità, fino a ottenere, nel 1520, la carica di cancelliere del marchese Ferdinando II Gonzaga, per il quale svolse incarichi diplomatici alla corte di papa Adriano VI nel 1523 e alla corte imperiale di Praga nel 1531; nel 1537 incontrò Carlo V e papa Paolo III, il quale sembrava allora intenzionato a tenere a Mantova il concilio – poi svoltosi a Trento - che avrebbe dovuto affrontare i problemi posti dalla Riforma protestante.

Nel 1556 l’Abati fu nominato consigliere del duca Guglielmo Gonzaga.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente


Predecessore Sindaco di Mantova Successore Mantova-Stemma.png
Aurelio Zibramonti 1540 - 1556 Vincenzo Reggio


biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License