Giambattista Ajello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giambattista Ajello (Napoli, 1815Napoli, 1860) è stato un filosofo italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Discepolo di Basilio Puoti, aprì uno studio privato come maestro per poi ottenere un posto al ministero dell'Istruzione.

Partecipò ai moti del 1848 e per questo fu licenziato in tronco. Fu arrestato e gli fu vietata ogni forma di espressione filosofica.

Seguace di Hegel, è ricordato per i Discorsi di storia e letteratura del 1850.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Della muliebrità della volgar letteratura dei tempi di mezzo (1841)
  • Discorsi di storia e letteratura (1850)

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License