Gian Costello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Costello
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività 1958 – 1971
Etichetta Pathé, Popular, Polaris
Album pubblicati 1
Studio 1
Live 0
Raccolte 0

Gian Costello, pseudonimo di Gianfranco De Faccio (Latisana, 2 aprile 1934Battaglia Terme, 7 gennaio 2004), è stato un cantante italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ha iniziato la carriera negli anni '50 come cantante del complesso Franco e i "G.5".

Nel 1960 partecipa alla Sei giorni della canzone con Prima o poi, e l'anno successivo ritorna alla stessa manifestazione con Un'anima tra le mani.

Sempre nel 1960 partecipa con Cinzia al Burlamacco d'oro, vincendo il Burlamacco d'argento; l'anno successivo vince il Burlamacco d'oro con Per noi due.

Ha partecipato al Festival di Sanremo 1962 con Due cipressi, in abbinamento con Lucia Altieri.[1]

Nel 1963 partecipa al Festival di Pesaro con Mariolina.

Ha raggiunto la finale del Disco per l'Estate 1964 con Week end in Portofino; ha poi partecipato con Ed in cambio tu a Un disco per l'estate 1966.[2]

Partecipa al Festival delle Rose 1964 con Pochi giorni fa, e due anni dopo ritorna alla stessa manifestazione con Ciao Italia.

È stato tra gli interpreti scelti da Giorgio Gaber per le sei puntate del programma televisivo di Rai2 Le nostre serate (Dicembre 1965-Gennaio 1966).[3]

Successivamente ha formato un complesso con il quale si è esibito anche all'estero.

Discografia parzialemodifica | modifica sorgente

33 girimodifica | modifica sorgente

EP 45 girimodifica | modifica sorgente

45 girimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ www.festival.vivasanremo.com/1962
  2. ^ Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Disco per l'estate, Un, di Enzo Giannelli, pagg. 566-570
  3. ^ Fondazione Giorgio Gaber, televisione: 1965 Le nostre serate, programma in 6 puntate condotto da Giorgio Gaber







Creative Commons License