Gian Maria Fara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gian Maria Fara (Tempio Pausania, 1951) è un sociologo italiano, dal 1982 presidente dell'Eurispes.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Laureato in Scienze Sociali presso La Pontificia Università S.Tommaso D’Aquino (Angelicum) di Roma, dove ha anche conseguito il dottorato.

Dal 1982 è Presidente dell'Eurispes - Istituto di Studi Politici Economici e Sociali, importante istituto totalmente privato italiano. Dal 1990 è 'Consultore' del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali.

È membro del comitato scientifico della Fondazione Italia USA. È membro del Comitato Scientifico di “Europa Contemporanea”, rivista ufficiale della Accademia delle Scienze di Mosca.

Dal 1990 al 1993 ha insegnato Formazione dell'opinione pubblica ed etica della comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno e Psicologia della Politica e dei Comportamenti di Massa presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università G. D'Annunzio di Teramo. Dal 1990 al 2002, ha insegnato “Scienze dell’Opinione Pubblica” presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

Dal 2006 al 2010 ha insegnato “Scienze dell’opinione pubblica” presso l’Università LUMSA di Roma.

Nel 2011, condannato insieme ad altre nove persone in primo grado dal Tribunale di Bari a sei anni di reclusione per peculato, con l’accusa di aver intascato il finanziamento (otto miliardi di lire) concesso dalla Regione Puglia per i corsi di formazione professionale tenuti dall’Eurispes tra il 1998 e il 1999 [lagazzettadelmezzogiorno.it].

Incarichimodifica | modifica sorgente

  • 1979 - 1982, consigliere del Ministro nei Ministeri delle Poste e Telecomunicazioni e del Lavoro e della Previdenza Sociale.
  • 1984 - 1987, responsabile del Dipartimento del Mezzogiorno e del Dipartimento per l'Informazione per la Direzione Nazionale della CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato).
  • 1988 - 1989, responsabile dell'Ufficio Studi della Confartigianato.
  • 1993 - 1996, docente presso la Scuola di specializzazione in giornalismo e comunicazioni di massa della LUISS.
  • 1990 - 2012, Consultore del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, Città del Vaticano.
  • 1990 - 2002, docente “Scienze dell’Opinione Pubblica” presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.
  • 1999 - 2003, è stato Presidente dell’IPSEMA (Istituto di Previdenza per il settore Marittimo).

Pubblicazionimodifica | modifica sorgente

  • Etica e informazione, presentazione di Roberto Racinaro, Firenze: Vallecchi, 1992
  • Cultura e immagine dell'artigianato italiano G. M. Fara - A. M. Sobrero, Roma: Merlo, 1988
  • Dinamiche sociali e globalizzazione: il lavoro ed il ruolo della donna, Napoli, Consulta regionale femminile, stampa 1998
  • Il potere in Italia, a cura di Carlo Carboni e Gian Maria Fara, Roma, Koiné, 1993
  • Classe dirigente. Il profilo del potere in Italia, Gian Maria Fara, Datanews, 2012.
  • L'Italia in nero. Riflessioni sull'economia sommersa, Gian Maria Fara - Antonio Iodice, Datanews, 2012.
  • Dalla spending review al ritorno del Principe, Gian Maria Fara - Bendetto Attili, Roma, Datanews, 2012.
  • La Repubblica delle Api - 365 appunti sull'Italia com'era, com'è e come vorremmo che fosse, Roma, Datanews, 2013.
  • Outlet Italia. Cronaca di un Paese in (s)vendita, Gian Maria Fara - Bendetto Attili, Roma, Datanews, 2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License