Gian Orlando Vassallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Orlando Vassallo, detto Gian Orlando (Lucca, 13 marzo 1883Roma, 16 gennaio 1960), è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano del cinema muto.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Esordì come attore nel 1914 alla Latium Film di Roma nella pellicola Il sogno continua diretto da Ubaldo Pittei. Nel 1914 passò come regista alla Lucarelli Film di Palermo e poi all'Etna film e la Sicula film di Catania, dove fu direttore artistico[1].

Riprese la sua attività dopo la prima guerra mondiale e lavorò presso altre manifatture come la Filmgraph, Flegrea Film e Italica Ars.

Attivo fino al 1930 diresse oltre una ventina di film curandone anche la sceneggiatura, tutti in epoca muta, tra questi: Il silenzio del cuore (1914), Un giorno a Palermo (1914), Occultismo (1914), Paternità (1914), Alba di libertà (1915), Presentat-arm! (1915), Vincolo segreto (1916), Noemi (1919), Sogno di primavera (1919), Finalmente mio!... (1920), Ninnola (1920), La baraonda (1923), Brigata Firenze (1928), Le mani sugli occhi (1929) e La leggenda di Wally (1930)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ N. Genovese, s. Gesù, E venne il cinematografo: le origini del cinema in Sicilia, Maimone, 1995, p. 96

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License