Gianmario Ferramonti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gianmario Ferramonti (Valsaviore, 3 settembre 1953) è un politico italiano e talent-scout tecnologico.

Nel 1974 inizia a lavorare come tecnico elettronico in Irlanda del Nord, a Londonderry, esperienza che replicherà poi alla Varian negli USA dal 1974 al 1977e alla Fuijtsu in Giappone dal 1977 al 1981. nel 1981 si trasferisce a Londra dove si occupa di voli low-cost e importazione di prodotti italiani di moda.

Nel 1977 porta in Italia il primo display al plasma della Fuijtsu nel 1982 porta sul mercato italiano il PC portatile Voyager, in seguito importa il primo PC word processor con Amstrad, e nel 1986 il primo CD-ROM della Sony.

Nel 1990 entra in politica, con la Lega Nord, assumendo la carica di Amministratore della Pontidafin,rimanendovi fino al 1994, partecipa attivamente alla creazione di Alleanza Nazionale, alla nascita di Forza Italia e all'alleanza con la Casa delle Libertà. dal 1992 al 1994 ricopre anche la carica di direttore del C.I.CO.S della Lega Nord, Nel dicembre 1994 lascia la Lega Nord per fondare con il Senatore Gianfranco Miglio l'Unione Federalista e successivamente, il 17 dicembre 1995, il Partito Federalista, in cui è presidente del collegio dei probiviri.

il 24 aprile 1996 viene travolto dallo scandalo Phoney Money, per il quale viene arrestato su ordine della Procura di Aosta insieme ad altre 17 persone, di cui 14 totalmente sconosciute. Ferramonti ed altri sono accusati di avere organizzato una grossa truffa (organi di stampa parlano di 20.000 miliardi di lire) con titoli falsi o rubati, (titoli che saranno riconosciuti autentici) coinvolgendo grandi banche internazionali. Parallelamente, visto il sospetto di una collusione con i servizi segreti, viene avviata una seconda inchiesta chiamata Lobbyng per individuare la presenza di un'organizzazione segreta, di cui il Ferramonti avrebbe fatto parte, per suggerire nomi cui destinare incarichi governativi e per influenzare promozioni all'interno dell'amministrazione statale. Dopo nove anni di indagini tutte le accuse nei suoi confronti si riveleranno totalmente infondate tant'è che Il caso Phoney Money si concluderà nel 2005 con un'archiviazione, scagionando completamente il Ferramonti.

Rientra in politica nel 2002 con la Democrazia Cristiana Libertas, nel dicembre 2003 porta la DC al XIX Congresso Nazionale come Segretario Organizzativo Nazionale da cui uscirà Giuseppe (Pino) Pizza come Segretario Politico,Ferramonti lascia al Segretario uscente Sandri l'Organizzazione e come parte della direzione nazionale assume i'incarico di responsabile delle relazioni esterne ed istituzionali. Lascia la DC nel 2005 vista l'impossibilità di riunire le varie anime Dc.

Nel marzo 2009 fonda Squadra Italia. Nel marzo 2010 cofonda il Popolo del WEB. Nel maggio 2011 entra nel PDA Partito delle Aziende come Coordinatore Nazionale. Dal novembre 2011 assume la carica di Segretario Nazionale

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License