Gianpiero Borgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gianpiero Borgia (Barletta, 6 agosto 1972) è un attore e regista teatrale italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Inizia il suo cammino artistico con Giorgio Albertazzi e prosegue poi i suoi studi come attore presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e come regista al Master GITIS per stranieri diretto da Jurij Alschitz, frequentando le lezioni dei maestri Oleg Kudriachov, Sasha Anurov e Anatoly Vasiliev.

Conseguito il Master lavora per anni come assistente alla regia di Alschitz e viene abilitato all'insegnamento e allo sviluppo del suo metodo di pedagogia teatrale. Completa la sua preparazione con un corso di perfezionamento in cultural management presso la Fondazione Fitzcarraldo di Torino.

Ha messo in scena dopo la morte di Carmelo Bene un suo scritto, in collaborazione con il Festival dei Due Mondi di Spoleto, intitolato Ritratto di Signora del Cavalier Masoch per intercessione della Beata Maria Goretti. Tra le sue regie, Gianpiero Borgia annovera: Diario di un killer sentimentale, tratto da un racconto di Luis Sepulveda e interpretato da Daniele Nuccetelli; La casa di Bernarda Alba, di Federico Garcia Lorca; Un Amleto di legno, con Christian Di Domenico; Vocazione di una puttana; Inside Yerma; Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente, di Matei Visniec; Non muore nessuno, di Sergio Claudio Perroni, in coproduzione con il Teatro Stabile di Catania; Troilo e Cressida e Molto rumore per nulla (in quest'ultimo spettacolo gli attori sfoggiano un'inedita e antica parlata dialettale del Nord Barese) di William Shakespeare.

Ha diretto Gigi Proietti in Viva Don Chisciotte! nel settembre 2008.

Tra i suoi lavori più recenti il regista barlettano annovera la commedia romantica Midsummer con Manuela Mandracchia e Christian Di Domenico, Cavalleria rusticana (prodotto dal Teatro Stabile di Catania), dove ha diretto Caterina Misasi, Mary Petruolo e David Coco e The Author (in scena al Teatro Belli di Roma), tratto da un testo di Tim Crouch, dove dirige David Coco, Daniele Nuccetelli, Annalisa Canfora e Giovanni Guardiano.

Dal 12 maggio 2011 dirige Sebastiano Lo Monaco, Antonio Zanoletti e Massimo Nicolini nel Filottete di Sofocle, aprendo così la stagione del Teatro Greco di Siracusa organizzata dall'INDA.

Ad ottobre dello stesso anno cura la messa in scena di un altro testo di Matei Visniec, intitolato Occidental Express, realizzato grazie al Fondo Sociale Europeo e con parte del cast proveniente dalla città rumena di Arad. La prima nazionale si è svolta presso il Teatro Curci di Barletta, città natale del regista.

Nel 2001 ha fondato l'accademia teatrale ITACA e la compagnia Teatro dei Borgia insieme al collega Christian Di Domenico.

La scuola triennale d'arte drammatica, impegnata nella formazione di attori e registi teatrali, è l'unico centro di formazione stabile per il teatro in Puglia. Ha diretto l'accademia ininterrottamente dal 2001 al 2012, cedendo poi la carica al regista teatrale Nicola Vero, suo ex-allievo.

Teatrografia parzialemodifica | modifica sorgente

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

  • Nomination al Total Theatre Award 2007 - Edinburgh per Escaping Hamlet
  • Nomination all'International Festival Award 2008 - Edinburgh per Inside Yerma
  • Premio "Sipario" per il Teatro stagione 2009/2010 per la regia dello spettacolo Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente
Predecessore Direttore artistico dell'Accademia teatrale ITACA Successore
carica creata 2001-2012 Nicola Vero







Creative Commons License