Gig Sims

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gig Sims
Gig Sims Rimini.jpg
Sims con la maglia della Marr Rimini
Dati biografici
Nome Gregory George Patrick Sims
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 204 cm
Peso 112 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande
Ritirato 1989
Carriera
Giovanili
1976-1980 UCLA Bruins UCLA Bruins
Squadre di club
1982-1984 Basket Rimini Basket Rimini 60
1985-1986 Hap. Galil Elyon Hap. Galil Elyon
1986 Manresa Manresa 5
1986-1988 Sant Josep Girona Sant Josep Girona
1988-1989 Andorra Andorra
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gregory George Patrick "Gig" Sims (Torrance, 17 marzo 1958) è un ex cestista statunitense, professionista in Italia, Israele e Spagna.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Ha militato, nei primi anni ottanta, anche nel campionato italiano. Longilineo e di pelle bianca (uno dei pochi giocatori stranieri dell'epoca a non essere di colore), in campo ha ricoperto il ruolo di ala grande o ala-pivot. Dotato di un fisico reattivo che gli ha permesso di vincere per due anni di seguito la classifica di miglior stoppatore della serie A2, con 3,1 stoppate date come media assoluta, e di posizionarsi ai primi posti nei rimbalzi difensivi (media 7,9) e offensivi (4,1), Sims si è proposto come un eccellente schiacciatore e veloce punto di riferimento nel gioco difensivo, ruolo perfettamente integrato in una squadra - quella riminese dell'epoca - che faceva del contropiede l'arma migliore. Queste sue caratteristiche sopperivano alla non eccelsa precisione nel "tiro da fuori" (media 46%) - nel regolamento italiano non esisteva ancora il tiro da tre punti - e ad una certa approssimazione anche nello stesso tiro libero (media 52%).[1]

Studente all'UCLA (University of California, Los Angeles), Sims viene scelto al 7º giro delle scelte NBA del 1980 dai Portland Trail Blazers con il numero 10. Curiosamente, suo compagno di studi universitari è il coetaneo Kiki Vandeweghe (destinato a luminosa e longeva carriera tra i professionisti e scelto come 11° al primo giro dai Dallas Mavericks). Inoltre, come numero 15 - sempre al primo giro delle scelte 1980 - i San Antonio Spurs individuano quel Reggie Johnson che dal campionato 1984-85 prenderà proprio il posto di Sims nel Basket Rimini. Prima scelta assoluta per il 1980 è Joe Barry Carroll, anch'egli successivamente stella del campionato italiano 1984-85 nella Olimpia Milano.[2]

Subito dopo aver lasciato l'università, Sims si iscrive nel gruppo sportivo Athletes in Action (facente parte dell'organizzazione religiosa americana Campus Crusade for Christ). Durante la Summer Pro League giocata con i Denver Nuggets, Sims riceve la proposta da parte di un agente di spostarsi in Italia, a Rieti, a sua volta segnalato dal giocatore Tony Zeno (già in forza alla AMG Sebastiani Rieti). Il test con la società laziale non va a buon fine ma Sims trova comunque un ingaggio a Rimini.[3]

Giocatore spettacolare e idolo dei giovanissimi tifosi per i gesti atletici (stoppate e schiacciate) quasi acrobatici, Sims esordisce nella serie A2 italiana nell'autunno 1982, in coppia con il connazionale Bill Collins. La società riminese è all'epoca allenata da Paolo Rossi.[1]

L'anno successivo, Sims si ritrova sotto le plance con Ernst Wansley in una squadra rivoluzionata e giovanissima, guidata da Piero Pasini. Superate a fatica le prime difficoltà d'inizio campionato, dovute soprattutto al recupero fisico successivo alla frattura dello scafoidedella mano o del piede? occorsa nella tarda estate 1983, Sims nei primi mesi del campionato 1983-84 non riesce a raggiungere un livello psicofisico adeguato alle prestazioni richieste ad un giocatore statunitense (il regolamento cestistico dell'epoca limitava, infatti, a due gli stranieri presenti nella rosa), trascinando con sé in un dramma sportivo l'intera squadra. Man mano che il Basket Rimini perde incontri, scivolando verso le parti basse della classifica, sempre più pressante si fa la volontà della società di sostituire Sims, "tagliandolo" a favore di un nuovo giocatore americano (deteriorando quindi ulteriormente, in una paradossale reazione a catena psicologica, lo stato di salute e di tranquillità dell'ala riminese).[3]

Improvvisamente (soprattutto per merito dell'appassionato e incondizionato supporto dei tifosi al giocatore californiano in evidente crisi), le prestazioni sportive di Sims ricominciano a raggiungere livelli insperati - addirittura superiori alla stagione precedente. Con lui rinasce di colpo l'intero team riminese che, oltre alla prima promozione in A1 della sua storia, riesce - unica squadra proveniente dalla serie minore - a portare allo spareggio play-off la quinta classificata assoluta nella massima serie italiana, la Basket Livorno.[1]

Nonostante il brillante risultato conseguito con il Basket Rimini, l'anno successivo Sims non viene riconfermato: al suo posto viene ingaggiata l'ala Reggie Johnson, stella NBA dei New Jersey Nets; Johnson, che risulterà essere uno dei migliori stranieri di sempre, era stato a sua volta coinvolto in maniera rocambolesca come sostituzione della neo-prima scelta NBA Michael Cage, rientrato improvvisamente negli Stati Uniti in pieno agosto 1984 (nonostante un contratto firmato con la compagine romagnola) per giocare con i Los Angeles Clippers.[1]

Per un curioso - quanto misterioso - malinteso occorso fra società e giocatore (relativamente alla proprietà del cartellino), dal campionato 1984-85 Sims non può più giocare in Italia, anche a seguito di un'operazione al piede: trova quindi un ingaggio presso l'Hapoel Galil Elyon in Israele, dove gioca due stagioni. Dal 1986 al 1988, Sims si trasfererisce in Spagna per giocare prima nel Valvi Girona, poi nella squadra dell'Andorra (militante nel campionato spagnolo). [3]

Sims abbandona il professionismo nel 1989, a seguito dei sempre più frequenti dolori alla schiena.[3]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d Dati ufficiali Federazione Italiana Pallacanestro
  2. ^ Annuario National Basketball Association, U.S.A.
  3. ^ a b c d Dichiarazione rilasciata dal giocatore durante un'intervista, 2007

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License