Gino Borgatta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gino Borgatta

Gino Borgatta (Donnaz, 2 febbraio 1888Valmadonna, 1949) è stato un economista italiano.

Laureatosi in giurisprudenza all'università di Torino con una tesi in economia politica, a soli 26 anni giunse alla libera docenza in economia politica e da allora si dedicò esclusivamente all'insegnamento. In gioventù fu allievo di Luigi Einaudi e, in Svizzera, di Vilfredo Pareto.

Fu professore di politica commerciale presso l'Istituto superiore di scienze economiche di Venezia (1915 - 1916), di economia politica presso l'Università di Sassari (1916 - 1920), di politica e legislazione doganale presso l'Istituto superiore di scienze economiche di Torino (1920-1922), di scienza delle finanze presso l'Università di Pisa (1923-1927).

Nel 1927 iniziò l'insegnamento di scienza delle finanze e diritto finanziario all'Università commerciale Luigi Bocconi e all'Università statale di Milano ove restò fino alla morte.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Che cosa è e cosa costa il protezionismo in Italia (manualetto antiprotezionista), Firenze, La Voce, 1914;
  • La nuova Irlanda. Prima traduzione italiana sull'ultima inglese con introduzione di Gino Borgatta sul problema della rinascenza irlandese e la nostra questione meridionale prefazione di Luigi Einaudi, Torino, 1914;
  • Finanza (a cura di), Torino, UTET, 1934;
  • La finanza della guerra e del dopoguerra, Alessandria, 1946;







Creative Commons License