Giorgio Colangeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Colangeli (Roma, 14 dicembre 1949) è un attore di teatro, cinema e televisione italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo essersi laureato in Fisica Nucleare comincia l'attività dell'attore nel 1974 interpretando spettacoli per le scuole, con la Compagnia del Teatro Didattico IL TORCHIO diretta da Aldo Giovannetti. Oltre a interpretare i ruoli principali delle numerose commedie di Giovannetti, che prevedono tutte la partecipazione del pubblico, si impose anche per la sua abilità di coinvolgere gli spettatori, anche adulti, nell'azione scenica. Uno dei suoi cavalli di battaglia era "Tappati le orecchie per non sentire...il freddo". Nel (1981) recita nello spettacolo "Voi noi e Campanile" su testi di "Achille Festa Campanile" con la compagnia "Il Cerchio di Gesso" di Roma. Tra i suoi lavori figurano i film Pasolini, un delitto italiano (1995), regia di Marco Tullio Giordana, e La cena (1998), regia di Ettore Scola, per cui vince il Nastro d'Argento, come miglior attore non protagonista, la miniserie tv Questa è la mia terra (2006), diretta da Raffaele Mertes, e il film L'aria salata (2006), regia di Alessandro Angelini, per cui vince il David di Donatello 2007, come miglior attore non protagonista.

Nel 2007 interpreta il ruolo del boss Vincenzo Neri nella serie tv di Canale 5 Distretto di polizia 7, con Massimo Dapporto, regia di Alessandro Capone e Davide Dapporto, prende parte alle miniserie tv di Rai 1 Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu, regia di Marco Turco, con Claudio Santamaria, e Liberi di giocare, con Pierfrancesco Favino, regia di Francesco Miccichè. Nel 2008 ha preso parte alla serie televisiva I liceali, mentre al cinema ha interpretato Salvo Lima nel film Il Divo di Paolo Sorrentino.

Nel 2009 prende parte a vari film: il drammatico Marpiccolo di Alessandro di Robilant, il thriller La doppia ora, la commedia drammatica Ce n'è per tutti e l'intenso Alza la testa con Sergio Castellitto. L'anno successivo recita nel film La nostra vita per la regia di Daniele Luchetti, ne La banda dei Babbi Natale di Paolo Genovese e ancora ne La donna della mia vita, al fianco, tra gli altri, di Stefania Sandrelli. Nel 2012 è nel cast di Romanzo di una strage sotto la guida esperta di Marco Tullio Giordana.

Nel 2014 prende parte alla miniserie televisiva Non è mai troppo tardi interpretando il direttore del carcere minorile dove insegnò l'allora giovane maestro Alberto Manzi e appare anche nella fiction della Rai Braccialetti rossi.

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Cinemamodifica | modifica sorgente

Televisionemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License