Giorgio Paglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Paglia (Bologna, 9 marzo 1922Costa Volpino, 21 novembre 1944) è stato un patriota, partigiano e antifascista italiano. Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato a Bologna ma appartenente ad una delle famiglie più in vista di Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, Giorgio Paglia frequenta la Scuola militare "Teuliè" e poi si iscrive alla facoltà di ingegneria presso il Politecnico di Milano. Allo scoppio della seconda guerra mondiale fu chiamato alle armi, dovendo quindi abbandonare gli studi.

Gli episodi bellici lo videro operare nelle zona di Cerveteri, con la mansione di allievo ufficiale, e dopo l’armistizio si distinse nei combattimenti per la difesa di Roma contro il nemico tedesco. Tornò quindi al nord dove, ricercato dagli emissari della repubblica di Salò si aggregò alle unità partigiane presenti nella zona di Bergamo. Il suo coraggio e la sua audacia gli permisero di prendere il comando, nonostante la giovane età, di una squadra della 53ª Brigata Garibaldi, che operava sui monti tra la Val Seriana e Val Cavallina, luoghi strategici per il controllo all’accesso della Val Camonica. Gli venne dato il nome di battaglia tenente Giorgio e fu protagonista dei combattimenti che, da agosto a novembre 1944, misero in difficoltà i repubblichini e le SS, che però riuscirono a sorprenderlo alla Malga Lunga con la sua squadra, il 17 novembre 1944.

Il rastrellamento aveva infatti provocato il ferimento di due partigiani e, finite le munizioni, Giorgio Paglia accettò la resa a patto che i feriti venissero curati. Ma alle parole non seguirono i fatti e, a resa avvenuta, i feriti vennero uccisi a pugnalate e il rimanente della squadra fu deportata a Lovere.

Dopo un processo sommario, furono tutti condannati a morte, fatta eccezione proprio per Giorgio Paglia, a causa del fatto che suo padre Guido era stato un eroe della Guerra d'Etiopia nel 1934. Ma lui, dopo essersi visto respingere per l’ultima volta la richiesta di liberazione di tutti i suoi compagni, rifiutò la grazia adducendo la frase «O tutti o nessuno!», e chiese di essere fucilato per primo.

Era il 21 novembre 1944, e tutti i partigiani vennero fucilati a Costa Volpino. Venne sepolto nel cimitero di Alzano Maggiore.

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Bergamo ha intitolato a questo suo Cittadino onorario una via nella parte centrale della città; lo stesso hanno fatto numerosi altri comuni nella stessa provincia e la laurea ad honorem al Politecnico di Milano

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Valoroso ufficiale partigiano durante un violento scontro contro preponderanti forze fasciste, dopo strenua resistenza veniva sopraffatto e catturato con pochi superstiti dei suoi eroici partigiani, ormai stremati di forze e privi di munizioni. Per non esporre i propri compagni alla rappresaglia nemica, neppure tentava la possibilità di fuga offertagli da un audace contrattacco di altri partigiani accorsi per salvarlo. Condannato a morte sdegnosamente rifiutava la grazia della vita concessa a lui solo, perché figlio di eroico decorato di medaglia d’oro al valor militare e, in un sublime impeto di fraterno amore, dichiarava di voler seguire la sorte dei suoi compagni e chiedeva di essere fucilato per primo. All’atto dell’esecuzione bollava i suoi carnefici con roventi parole e orgogliosamente si dichiarava reo della più nobile delle colpe: di amare la Patria. Fulgido esempio di incomparabile spirito di sacrificio e di altruismo.»
— Costa Volpino (Bergamo), 21 novembre 1944

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Alzano nei secoli, di A. Mandelli. Bergamo, 1988.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License