Giorgio d'Assia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Granducato d'Assia e del Reno
Assia-Darmstadt
Wappen Deutsches Reich - Grossherzogtum Hessen 1.png

Luigi I
Luigi II
Luigi III
Luigi IV
Ernesto Luigi
Modifica
Giorgio d'Assia

Luigi Giorgio Carlo Federico d'Assia (Darmstadt, 31 agosto 1780Darmstadt, 17 aprile 1856) fu un principe generale e politico del Granducato d'Assia.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Era figlio del Granduca Luigi I d'Assia e Luisa d'Assia-Darmstadt.

Intraprese la carriera militare divenendo Generale della fanteria del Granducato. Era secondo nella linea di successione dopo suo fratello maggiore Luigi ma il 29 gennaio 1804 a Potritsan decise di sposare la borghese Karoline Ottilie, figlia di András Török de Szendrő. Il matrimonio morganatico fece acquisire a Karoline il titolo di baronessa di Menden ma Giorgio perse i suoi diritti al trono.

Nel 1821 la coppia venne elevata a rango di principi, con il grado immediatamente dopo i membri della casa granducale.

Dopo la promulgazione della Costituzione voluta da suo padre nel 1820 che conferiva tra l'altro maggiori libertà di culto agli ebrei e cattolici presenti nello stato, Giorgio divenne membro del Parlamento d'Assia ricoprendo il ruolo dal 1821 al 1849. Il parlamento era bicamerale e Giorgio fece parte della prima sezione che era formata dalla nobiltà e dagli alti funzionari dello stato. La seconda camera era invece formata da deputati eletti.

Tra i compiti principali che Giorgio e gli altri parlamentari dovettero affrontare fu l'emanazione di un codice civile, che dopo tre anni di disaccordi tra le camere vide finalmente la luce nel 1847.

Dalla moglie, da cui divorziò nel 1827, ebbe una sola figlia[1]:

  • Luisa Carlotta Giorgina Guglielmina (Lampenheim, 11 novembre 1804-Firenze, 30 gennaio 1833) che sposò l'11 agosto 1829 Luca di Borbone, Marchese del Monte Santa Maria.

Dalla relazione con la contessa Adelaide Resty ebbe un'altra figlia:

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Brabant 13

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License