Giornata Mondiale della Gioventù 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 33°54′41″S 151°13′49″E / 33.911389°S 151.230278°E-33.911389; 151.230278

RandwickWYD.jpg

(EN) 23rd World Youth Day
Sydney 2008
Logosydney.jpeg
Edizione XXIII
Città ospitante Sydney
Nazione ospitante Australia Australia
Tema dell’incontro Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni (At 1, 8)
Periodo di svolgimento 15 – 20 luglio 2008
Pontefice Benedetto XVI
Luogo veglia conclusiva Southern Cross Precint (Ippodromo di Randwick), Sydney
Partecipanti alla messa 500 000
Numero di nazioni presenti 170
Edizione precedente Colonia 2005
Edizione successiva Madrid 2011

La XXIII Giornata mondiale della gioventù ha avuto luogo dal 15 al 20 luglio 2008 a Sydney, in Australia, ed è stata la seconda GMG[1] a vedere la partecipazione di papa Benedetto XVI.

È stata la prima volta che questa manifestazione religiosa, il maggiore evento ecclesiale dedicato ai giovani, è stato organizzato in Oceania, mentre è stata la seconda volta per l'emisfero australe dato che la II Giornata mondiale della gioventù fu celebrata a Buenos Aires nel 1987.

Si è trattato del più grande raduno di massa della storia del paese per il numero di persone partecipanti, record precedentemente mantenuto dalle Olimpiadi del 2000[2].

L'evento è stato organizzato in concerto con le autorità aborigene cattoliche, per rispettare le regole di ospitalità degli aborigeni, i primi abitatori dell'isola, così da perseguire il sentiero di riconciliazione auspicato da molti, tra i quali papa Benedetto stesso e il primo ministro australiano Kevin Rudd.

L'invito del Papa a Sydneymodifica | modifica sorgente

Papa Benedetto XVI comunicò la sede della XXIII GMG durante la celebrazione di chiusura della GMG tedesca (Angelus 21 agosto 2005):

« In questo momento, nel quale la presenza viva di Cristo risorto in mezzo a noi alimenta la fede e la speranza, sono lieto di annunciare che il prossimo Incontro mondiale della gioventù avrà luogo a Sydney, in Australia, nel 2008. Affidiamo alla guida materna e premurosa di Maria Santissima il cammino futuro dei giovani del mondo intero. »

Il tema dell'incontromodifica | modifica sorgente

La Sydney Opera House

Il tema scelto per l'incontro è stato «Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni» (At 1, 8). L'Australia fu infatti chiamata dai primi esploratori europei «La Grande Terra del Sud dello Spirito Santo», come ricordato anche da papa Benedetto al suo arrivo in città.

Giovanni Paolo II, visitando quel Paese, riferendosi al periodo della sua colonizzazione disse: «Fu il potere dello Spirito Santo a sostenere il popolo cristiano nei primi giorni della colonizzazione e a mantenerlo fedele alle tradizioni della sua fede. E fu l'amore ardente di Cristo, che si manifesta più chiaramente sulla croce, a spingere i primi cappellani e sacerdoti a portare il ministero sia ai forzati sia ai liberi coloni con tanto coraggio e sopportazione, spesso in grande isolamento e solitudine. Fu lo Spirito Santo, portando la comprensione al di là delle barriere della divisione e del sospetto, a muovere il cuore del primo cappellano anglicano, il reverendo Richard Johnson, ad accogliere un gruppo di sacerdoti spagnoli in visita a Sydney nel 1793 con, nelle loro stesse parole, "gentilezza e umiltà, e una semplicità veramente evangelica"». Lo slogan è stato ripreso dal di lui successore Benedetto XVI, nell'intento di esortare la gioventù al proselitismo anche nei punti più remoti del pianeta.

Aborigeni e GMGmodifica | modifica sorgente

La Chiesa cattolica ha dedicato nel 1998 un Sinodo a Roma sul tema "Gesù Cristo e i popoli dell'Oceania". Vi parteciparono ottanta vescovi di queste terre. Giovanni Paolo II ha fatto poi raccogliere le conclusioni di tre settimane di dibattito nel documento Ecclesia in oceania, promulgata nel 2001.

Papa Benedetto, poco dopo esser stato eletto, convocò l'ambasciatore australiano Anne Plunkett e le ricordò l'importanza della riconciliazione con gli aborigeni e il ruolo che il governo australiano dovrebbe svolgere: riconoscere i torti commessi e chiedere perdono. E così ha fatto Kevin Rudd, primo ministro australiano, il 13 febbraio 2008 durante una seduta parlamentare, segnando non l'apice, ma comunque un essenziale passo nel processo di riconciliazione, assieme ad altri importanti pilastri come il riconoscimento del diritto di voto agli aborigeni nel 1967 e il Native Title Act, legge a favore degli aborigeni per l'avanzamento di rivendicazioni territoriali.

Durante la visita del 1986 di papa Giovanni Paolo II ad Alice Springs, gli aborigeni cattolici accusarono il comitato organizzatore di non averli consultati nella fase preparatoria dell'evento. Per la GMG di Sydney invece ciò non è successo e ci son stati inoltre momenti specificatamente dedicati agli aborigeni.

L'arrivo di Ratzinger ha rispettato i protocolli culturali degli indigeni: ha incontrato per primi loro, in quanto custodi e padroni dell'isola, e ha così ricevuto il loro benvenuto. I discendenti delle popolazioni originarie della zona di Sydney hanno così invitato il Papa a salire sulla barca da crociera della compagnia Captain Cook Cruise, richiamo simbolico al lontano 1788, anno di fondazione dell'Australia bianca. L'imbarcazione è stata comunque decorata con disegni e simboli degli aborigeni e degli abitanti delle isole Torres, come segno di rispetto verso le loro culture a lungo disprezzate.

Durante la GMG, ma anche durante gli eventi ad essa precedenti, cioè le giornate del viaggio della Croce e dell'Icona (vedi Croce della Giornata Mondiale della Gioventù) e i Giorni nelle Diocesi (DID, dall'inglese Days in the Dioceses), ci son stati momenti specificatamente dedicati agli aborigeni, trasmessi anche per televisione, come forum sull'inculturazione e concerti e opere d'arte esposte durante tutto il periodo. All'arrivo del Papa a Barangaroo, il lungomare orientale di Darling Harbour, musicisti e danzatori aborigeni si solo davanti a lui esibiti.

Il programma delle Giornatemodifica | modifica sorgente

Martedì 15 lugliomodifica | modifica sorgente

  • La GMG inizia alle 16.30 con una Santa Messa di benvenuto celebrata da George Pell, cardinale-rettore dell'Arcidiocesi di Sydney, a Barangaroo, una grande area di ventidue ettari nella parte est di Sydney, intitolata alla moglie di Bennelong, un eroe aborigeno.
  • Nel pomeriggio, tranne in orario della Messa, in vari punti della città si svolgono gli eventi del Festival della Gioventù: programmi culturali di spettacoli, mostre e dibattiti, organizzato con il coinvolgimento di diocesi, gruppi e movimenti di tutto il mondo.

Ǜ

Da mercoledì 16 a venerdì 18 lugliomodifica | modifica sorgente

L'arrivo del Papa

Giovedì 17 lugliomodifica | modifica sorgente

  • Alle 14.45 inizia la cerimonia di accoglienza a Benedetto XVI che, come accaduto alla GMG di Colonia, arriva per nave nella baia di Sydney, sbarcando a Darling Harbour, in centro città. Giovani su traghetti e imbarcazioni da diporto precedono e seguono la nave del Papa. Circa trecentomila i presenti.

Venerdì 18 lugliomodifica | modifica sorgente

Le prove della via Crucis
  • Alle 15 presso la Cattedrale di St Mary parte la Stations of the Cross, ovvero una via Crucis con la rappresentazione delle ultime ore della vita di Gesù, che si dipana fino alle 18 in altri sei luoghi della città con i principali palazzi e monumenti cittadini utilizzati come stazioni: Barangaroo, Darling Harbour, il piazzale della Sydney Opera House e The Domain, riproponendo uno schema già utilizzato a Toronto. Regista dell'evento un prete cattolico. Alfio Stuto, l'attore che impersona Gesù Cristo di origine italiana ; molto apprezzata, per il suo profondo significato, la scelta di un giovane di origine aborigena per l'interpretazione del Cireneo. Si calcola che la rappresentazione sia stata seguita da mezzo milione di persone, abitanti del luogo esclusi, e da cinquecento milioni di telespettatori.
Stazione Nome
(inglese)
Luogo
I L'Ultima Cena
(The Last Supper)
St Mary's Cathedral
II L'agonía nell'Orto degli Ulivi
(The Agony in the Garden of Gethsemane)
The Domain
III Gesù nel Sinedrio
(Jesus before the Sanhedrin)
The Art Gallery of NSW
IV Gesù di fronte a Ponzio Pilato
(Jesus before Pontius Pilate)
Sydney Opera House
V Gesù riceve la corona di spine
(Jesus is whipped and crowned)
Sydney Opera House Forecourt
VI Gesù prende la croce
(Jesus carries his Cross)
Sydney Opera House Forecourt
VII Gesù viene aiutato da Simone il Cireneo
(Jesus is helped by Simon of Cyrene)
Cockle Bay, Darling Harbour
VIII Gesù parla con le donne di Gerusalemme
(Jesus speaks to the women of Jerusalem)
Barangaroo, Centre Stage
IX Gesù viene spogliato
(Jesus is stripped and nailed)
Barangaroo North Stage
X Gesù parla con il Buon Ladrone
(Jesus and the Good Thief)
Barangaroo North Stage
XI Gesù parla con Maria e Giovanni
(Jesus speaks to Mary and John)
Barangaroo North Stage
XII Gesù muore sulla croce
(Jesus dies on the cross)
Barangaroo North Stage
XIII Il Corpo di Gesù è deposto dalla Croce
(The body of Jesus is brought down from the Cross)
Barangaroo North Stage

Sabato 19 lugliomodifica | modifica sorgente

  • Il sabato iniziano gli eventi conclusivi dell'evento, in programma nell'ippodromo di Randwick, a partire dal pellegrinaggio dei giovani verso l'area, circa 20 km che saranno percorsi a piedi o con il sistema dei trasporti. In serata, il Papa presiede la tradizionale grande Veglia.

Domenica 20 lugliomodifica | modifica sorgente

Il Papa a Barangaroo
  • In mattinata il Papa incontra nuovamente i giovani per la Santa Messa di chiusura. Secondo gli organizzatori l'evento ha visto la partecipazione di 350.000 persone. Al termine di questa è stata annunciata la città che ospiterà l'edizione successiva, che come previsto sarà Madrid nel 2011.
  • Nel pomeriggio continua il Festival della Gioventù.

Lunedì 21 lugliomodifica | modifica sorgente

I numerimodifica | modifica sorgente

Duecento pellegrini, di provenienza varia, dall'Africa, Medioriente e Asia, raggiunta la sede della GMG, hanno chiesto asilo politico.[3][4]

Innomodifica | modifica sorgente

L'inno della GMG di Sidney è "Receive the Power" (in italiano: Ricevi la Forza), scritto da Guy Sebastian e Gary Pinto. In particolare Sebastian, classe 1981, è un cantante pop molto noto nel suo paese per aver vinto la prima edizione di un concorso canoro televisivo di successo.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ La prima era stata quella di Colonia, nel 2005
  2. ^ Papa Ratzinger blog 1 [2007-2008]: Messa finale a Sydney: il Papa abbraccia 500mila giovani. A Randwick il più grande evento della storia d'Australia
  3. ^ GMG di Sydney, 200 pellegrini hanno chiesto asilo
  4. ^ [1]

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo







Creative Commons License