Giovanni Grimaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Grimaldi, detto Gianni (Catania, 14 novembre 1917Roma, 25 febbraio 2001), è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Laureato in giurisprudenza e giornalista, collaborò a varie testate locali e a periodici umoristici, nel 1946 fondò a Roma con Ruggero Maccari il giornale satirico "Pinco Pallino", che l'anno successivo assunse il nome di "Marc'Antonio".

Nel cinema esordisce nel 1952 sceneggiando Io, Amleto, un'innocua parodia della tragedia di Shakespeare con Erminio Macario, a questa sceneggiatura ne seguono molte altre, tutte di genere "leggero", dalla commedia satirica (Accadde al Commissariato, Accadde al penitenziario) al musicarello (Nessuno mi può giudicare, Stasera mi butto), dai classici di Totò (Lo smemorato di Collegno, I due marescialli) ai peplum (I sette gladiatori, Il figlio di Spartacus).

Firma la prima regia nel 1964 dirigendo Gianni Morandi in In ginocchio da te.

Molti film di Franco e Ciccio e di Lando Buzzanca sono stati diretti da lui.

In televisione ha diretto nel 1958 un episodio de Il teatro dei ragazzi.

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Regista e sceneggiatoremodifica | modifica sorgente

Sceneggiatoremodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Dizionario dei registi, di Pino Farinotti, SugarCo Milano 1993
  • Dizionario Bolaffi del cinema italiano, I registi, Torino 1979

Controllo di autorità VIAF: 74058429 SBN: IT\ICCU\PALV\026412








Creative Commons License