Giuliana di Sassonia-Coburgo-Gotha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuliana di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Giuliana di Sassonia-Coburgo-Gotha (nome completo Giuliana Enrichetta Ulrica di Sassonia-Coburgo-Gotha[1]) (Coburgo, 23 settembre 1781Elfenau, 15 agosto 1860) fu un membro del casato dei Wettin: nata principessa di Sassonia-Coburgo-Saalfed[1] divenne, per matrimonio, granduchessa di Russia, con il nome di Anna Fëdorovna.

Famiglia d'originemodifica | modifica sorgente

Giuliana era la terza dei dieci figli del duca Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld (1750-1806), e della sua seconda moglie la principessa Augusta di Reuss-Ebersdorf (1757-1831)[1].
Fu sorella maggiore del re Leopoldo I del Belgio e zia sia della regina Vittoria del Regno Unito che del marito di lei, il principe consorte Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Ducato di Sassonia-Coburgo-Saalfeld/Gotha
Wettin
Wappen Sachsen Coburg Gotha.png

Giovanni Ernesto
Cristiano Ernesto
Francesco Giosea
Ernesto Federico
Francesco Federico
Ernesto I
Ernesto II
Modifica

Biografiamodifica | modifica sorgente

Giuliana di Sassonia-Coburgo-Gotha.

L'imperatrice Caterina II di Russia scelse Giuliana come sposa per suo nipote Costantino (1779-1831), figlio secondogenito di Paolo I e di Maria Fëdorovna. Il matrimonio si celebrò a San Pietroburgo il 26 febbraio del 1796[1] e Giuliana, che venne battezzata nella fede ortodossa, mutò, secondo l'usanza, il suo nome in quello di Anna Fëdorovna.

L'unione non fu felice e Anna nel 1799 fece ritorno a Coburgo. Poco dopo rientrò in Russia per un tentativo di riconciliazione con il marito, tentativo che fallì, tanto che nel 1801 venne rimandata nel suo paese natale in via definitiva.

Il 28 ottobre del 1808 Giuliana diede alla luce un figlio illegittimo, che venne chiamato Edoardo Edgar Schmidt-Löwe. Il padre del bambino forse era Jules Emile de Seigneux Gabriel, un nobile francese. Edoardo fu nominato nobile dallo zio Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha con un decreto datato 10 gennaio 1818, e assunse il nome di "von Löwenfelds".
Poco dopo la nascita del figlio Giuliana si trasferì nella città di Berna dove, nel 1812 diede alla luce una figlia, chiamata Hilda Luisa Agnese d'Aubert. Suo padre fu probabilmente Rodolphe Schiferli de Abraham.

Nel 1814 il marito Costantino trattò per fare ritornare Giuliana da lui, ma lei si oppose fermamente a tale progetto. Nello stesso anno Giuliana acquistò una villa presso il fiume Aar che chiamò Elfenau e passò li il resto della sua vita.

Il 20 marzo del 1820[1], dopo diciannove anni di separazione, il suo matrimonio con il granduca Costantino fu ufficialmente annullato. Egli contrasse un secondo matrimonio due mesi dopo e morì il 27 giugno del 1831. Giuliana gli sopravvisse ventinove anni.
Il figlio Edoardo sposò la cugina Bertha Von Schauenstein, figlia illegittima del duca Ernesto I, ed ebbero una numerosa discendenza; la figlia Luisa si sposò con Jean Edouard Samuel Dapples nel 1834 e morì tre anni più tardi.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia della principessa Giuliana di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, thePeerage.com, 18 agosto 2009. URL consultato il 27 gennaio 2010.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 60186428








Creative Commons License