Giulio Campi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giulio Campi (Cremona, 1502Cremona, 5 marzo 1572) è stato un pittore e architetto italiano.

Giulio Campi: Ritratto del duca Ottavio Farnese, Piacenza, Museo Civico

Importanti le sue opere pittoriche presenti nel Duomo di Cremona ed in altre chiese della città (tra cui S. Agata). Un ciclo pittorico perduto si trovava un tempo nella distrutta chiesa di San Rocco di Castelnuovo Bocca d'Adda. Giulio Campi era figlio del pittore Galeazzo Campi e faceva parte di una famiglia di pittori i cui componenti, Giulio, Vincenzo e Antonio (Bernardino Campi, pur avendo rapporti di lavoro con i tre fratelli non apparteneva alla medesima famiglia), erano tra i maggiori rappresentanti del manierismo lombardo ai tempi di Carlo Borromeo. Fu anche architetto associato dei progettisti Francesco e Giuseppe Dattaro, sebbene subordinato alle loro scelte progettuali. La sua pittura, generalmente orientata verso l'arte sacra, seguì i precetti della riforma cattolica sull'arte pittorica dettati dal Concilio di Trento.

La sua pittura fu influenzata dalla presenza, in Lombardia, di grandi maestri come Giulio Romano, allievo e collaboratore di Raffaello.

Tra le altre opere rilevanti sono gli affreschi nella chiesa di S.Maria delle Grazie a Soncino.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • G. Bora in I Campi. Cultura artistica cremonese del 500, a cura di M. Gregori, Milano 1985, pp. 127-144
  • M. Tanzi, I Campi, Milano 2005
  • A.Faliva, Francesco e Giuseppe Dattaro, Cremona, 2003 (sul ruolo di architetto di G.Campi)

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 79202879 LCCN: nr98001318








Creative Commons License