Giuseppe Arena (imprenditore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Arena (Messina, 2 giugno 1951) è un imprenditore italiano. È stato presidente e amministratore delegato della società ferroviaria Arenaways.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo aver frequentato Economia e Commercio all'Università di Torino, con specializzazione in Diritto Industriale, lavorò inizialmente per diverse piccole aziende nel territorio torinese, iniziando un incarico presso l'Ufficio brevetti, seguendo il brevetto dei carrelli del futuro Pendolino[1].

Dopo essere entrato nelle Ferrovie dello Stato, ricoprì diverse funzioni, tra cui il capostazione e sviluppò varie iniziative tra cui "Vivere il treno".senza fonte

Agli inizi degli anni novanta decise di intraprendere una propria carriera, creando dei treni turistici con alcuni Trans Europ Express, tra cui il TEE Settebello e il Rheingold ExpressNon risulta nulla del genere: acquisì solo un convoglio VT11 vendendo sul web crocere ferroviarie mai effettuate e altri treni museo (come quello per la mostra torinese Experimenta e per la presentazione dei primi PC Olivetti.senza fonte

Parallelamente collaborò come consulente con Ferrovie dello Stato e le Ferrovie Federali Svizzere per la creazione di una nuova società, la Cisalpino, della quale si occupò della fase di avvio dell'esercizio tanto da ricoprire, per un breve periodo, il ruolo di amministratore delegato e direttore d'esercizio.senza fonte

Dopo aver ceduto le quote delle prime società da lui fondate per i servizi turistici, ebbe un ruolo nella liberalizzazione ferroviaria in Italia, fondando e presiedendo la Rail Italy, per il trasporto ferroviario di passeggeri turistico.Va specificato che fine fece l'azienda, che non incise affatto sulla liberalizzazione[2]

Nel 2003 venne fondata una nuova azienda ferroviaria per i servizi merci, la Strade Ferrate del Mediterraneo (SFM), riprendendo il nome della storica Società per le Strade Ferrate del Mediterraneo. L'anno seguente, Arena vendette il 90% delle proprie quote alle Deutsche Bahn (DB), che assunsero così la maggioranza della società rinominandola Railion Italia. Arena divenne amministratore delegato e di direttore d'esercizio,senza fonte anche dopo il cambio di ragione sociale a favore di Railion Italia. Sotto la sua amministrazione, Railion Italia divenne il primo operatore merci per numero di treni effettuati nell'area del Nord Italia.manca fonte e detta così sembra sia un merito della persona

Nel 2007, a seguito della fusione dell'azienda con ferrovie Nord Milano, Arena lasciò polemicamente la direzione dell'azienda,Fu estromesso dedicandosi alla nascita e allo sviluppo di Arenaways per il settore passeggeri.

Nel periodo 2005 - 2009 Giuseppe Arena si è occupato, in qualità di consulente, alla fase di start-up di altre aziende ferroviarie merci, sempre nell'ottica della liberalizzazione ferroviaria, tra cui GTS, SBB Cargo Italia, Linea, Hupac ed altre.Mancano fonti e inoltre non può essere vero: ad esempio Hupac esisteva già da anni

Attività politicamodifica | modifica sorgente

È stato candidato al Senato come capolista di Fare per Fermare il Declino alle elezioni politiche italiane del 2013, nella circoscrizione Piemonte,[3] senza però essere eletto.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Articolo sul Sole 24 Ore
  2. ^ Certificati di Sicurezza dal 2000 al 2004 in ANSF. URL consultato l'11-04-2010.
  3. ^ "Giannino viaggia in Arenaways" in Lo Spiffero, 19 dicembre 2012. URL consultato il 22-02-2013.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License