Giuseppe Bignami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Bignami (Genova, 25 febbraio 1917Mediterraneo Orientale, 15 giugno 1942) è stato un militare italiano.

Dopo aver frequentato l´Accademia Navale e aver ottenuto il grado di sottotenente del Genio Navale, prestò servizio sull'incrociatore Pola, sulla torpediniera Audace e, dal giugno 1941, sull'incrociatore Trento in qualità di Ufficiale Addetto allo scafo. Nel giugno 1942 l'incrociatore, assieme ad altre unità, abbandonò Taranto per intercettare un convoglio nemico, ma aerosiluranti inglesi lo presero a bersaglio, colpendolo, alle ore 05.00 del 15 giugno. In seguito a ciò si scatenò un vasto incendio nel locale caldaie, durante il quale Bignami coordinò e prese direttamente parte all'opera di spegnimento, operando infaticabilmente, in condizioni d'estremo pericolo, in locali dall'aria surriscaldata ed irrespirabile. L'unità fu riportata in condizioni di parziale efficienza, e il tenente si recò personalmente a verificare lo stato dello scafo presso un deposito di munizioni. Il siluro lanciato dal sommergibile inglese Umbra provocò l'esplosione di detto deposito con conseguente morte del Bignami, che si inabissò insieme al Trento. Gli venne conferita la Medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria, in quanto «...superbo esempio di assoluta dedizione al dovere e di elette virtù militari e professionali.»

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License