Giuseppe Cacciatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Cacciatore (Salerno, 2 dicembre 1945) è un filosofo italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Laureatosi in Filosofia presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza" nel 1968, ha collaborato nei primi anni settanta in qualità di assistente con Fulvio Tessitore nell’Università di Salerno, dove ha anche avviato la sua carriera accademica. Dal 1981 è Ordinario di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, di cui tra il 1990 e il 1995 è stato anche Presidente del Corso di Laurea. Nel 1995, inoltre, diventa direttore del Centro di Studi Vichiani del CNR di Napoli. Dal 2001 al 2007 è stato direttore del dipartimento di filosofia "Antonio Aliotta" dell'Università federiciana. Ha tenuto numerose conferenze presso le Università di Barcellona, Berlino, (Freie Universität Berlin e Humboldt Universität), Bochum, Brema, Brno, Bruxelles, Düsseldorf, Essen, Graz, Halle, Lipsia, Maracaibo, Monaco di Baviera, Parigi, Potsdam, Valencia, Varsavia, Città del Messico (UNAM e UIC). È vicepresidente del CdA e membro del comitato scientifico dell’Istituto di Studi Latinoamericani (ISLA) di Pagani, del quale è diventato direttore a partire dal 2007. Nel 2007 è stato nominato socio corrispondente dell'Accademia nazionale dei Lincei.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Wilhelm Dilthey e il metodo delle scienze storico-sociali, Istituto di Filosofia dell'Università di Salerno, Salerno, 1972.
  • Scienza e filosofia in Dilthey, Voll. I e II, Napoli, Guida, 1976.
  • Ragione e speranza nel marxismo. L'eredità di Ernst Bloch, Bari, Dedalo, 1979.
  • La sinistra socialista nel dopoguerra, pref. di F. De Martino, Bari, Dedalo, 1979.
  • Vita e forme della scienza storica. Saggi sulla storiografia di Dilthey, Napoli, Morano, 1985.
  • Storicismo problematico e metodo critico, Napoli, Guida, 1993.
  • La lancia di Odino. Teorie e metodi della scienza storica tra Ottocento e Novecento, Milano, Guerini, 1994.
  • La Quercia di Goethe. Note di viaggio dalla Germania, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, 1998.
  • L’etica dello storicismo, Lecce, Milella, 2000.
  • Metaphysik, Poesie und Geschichte. Über die Philosophie von Giambattista Vico, Akademie Verlag, Berlino, 2002.
  • Giordano Bruno e noi. Momenti della sua fortuna tra 700 e 900, Edizioni Marte, Salerno, 2003.
  • Cassirer interprete di Kant e altri saggi, Siciliano Editore, Messina, 2005.
  • Filosofia pratica e filosofia civile nel pensiero di Benedetto Croce, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ), 2005.
  • Antonio Labriola in un altro secolo. Saggi, Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ), 2006.
  • Saperi umani e consulenza filosofica, Meltemi Editore, Roma, 2007.
  • L’infinito nella storia. Saggi su Vico, con una postfazione di V. Vitiello, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 2009.
  • Interculturalità, Tra etica e politica (in coll. con G. D’ANNA), Carocci, Roma, 2010.
  • Interculturalità. Religione e teologia politica (in coll. con R. DIANA), Guida, Napoli, 2010
  • A quattro mani. Saggi di filosofia e storia della filosofia (in coll. con G. CANTILLO), a cura di M. Martirano Edizioni Marte, Salerno, 2010.
  • El búho y el cóndor. Ensayos en torno a la filosofía ispanoamericana, prólogo de Antonio Scocozza, epilogo edición y traducción de Maria Lida Mollo, Editorial Planeta Colombia, 2011.
  • La vocazione dell'arciere. Prospettive critiche sul pensiero di José Ortega y Gasset (in coll. con A. MASCOLO), Bergamo, Moretti&Vitali, 2012.
  • Sulla filosofia spagnola. Saggi e ricerche, Bologna, Il Mulino, 2013.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License