Giuseppe Compagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Compagno
Giuseppe Compagno.jpg
Giuseppe Compagno con la maglia del Pescara (1993)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2005 - giocatore
Carriera
Giovanili
Palermo Palermo
Atalanta Atalanta
Squadre di club1
1985-1988 Atalanta Atalanta 21 (3)
1988-1989 Piacenza Piacenza 22 (0)
1989 Atalanta Atalanta 4 (0)
1989-1990 Avellino Avellino 20 (1)
1990-1992 Cosenza Cosenza 67 (8)
1992-1995 Pescara Pescara 63 (7)
1995-1999 Palermo Palermo 102 (3)
1999-2000 Ancona Ancona 20 (1)
2000-2001 Reggiana Reggiana 14 (0)
2001-2002 Nissa Nissa  ? (?)
2002-2003 Bianco e Rosso.svg Delianuova 5 (0)
2003-2005 Bianco e Blu.svg Carini  ? (?)
Nazionale
1987 Italia Italia U-20 1 (0)
Carriera da allenatore
2008 600px Granata.png Casteldaccia
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 giugno 2009

Giuseppe Compagno (Palermo, 25 agosto 1967) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Giocava come ala, ed era dotato di dribbling, fantasia e buona tecnica individuale[1][2].

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Cresce nel vivaio di Palermo e Atalanta, e con gli orobici esordisce in Serie A il 2 novembre 1986 in Verona-Atalanta 2-1[3]. Colleziona 8 presenze nella stagione in cui la formazione bergamasca retrocede in Serie B ma arriva in finale di Coppa Italia: Compagno è titolare in entrambe le partite disputate contro il Napoli[3]. Nella stagione successiva è poco impiegato (12 presenze e 3 reti, a cui si aggiunge una presenza in Coppa delle Coppe[3]) e nel novembre 1988, dopo un'ulteriore presenza, passa in prestito al Piacenza[4], in Serie B, come parziale contropartita per il trasferimento di Armando Madonna in nerazzurro[1]. La stagione non è positiva né a livello personale[1] (22 presenze senza reti), né a livello di squadra: gli emiliani si classificano ultimi retrocedendo in Serie C1.

Rientra brevemente a Bergamo, dove gioca altre 4 partite in Serie A prima di essere ceduto definitivamente all'Avellino. Dopo una sola stagione in Irpinia si trasferisce per due campionati al Cosenza, con cui sfiora la promozione nella massima serie nella stagione 1991-1992 sotto la guida di Edy Reja: in quell'annata mette a segno 6 reti in 36 partite. La Serie A arriva comunque con il passaggio al neopromosso Pescara: disputa 22 partite nella prima stagione, culminata con la retrocessione, senza convincere appieno l'allenatore Giovanni Galeone[5], poi è titolare nella stagione successiva, quando mette a segno 7 reti (record personale). Nella stagione 1994-1995, tuttavia, finisce ai margini della squadra disputando appena 5 partite, e nel dicembre 1995 torna in Sicilia, vestendo la maglia del Palermo dei picciotti[6] per quattro stagioni consecutive (due in Serie B e due in Serie C1).

Disputa ancora due stagioni di Serie C1 con le maglie di Ancona e Reggiana, prima di ritornare definitivamente in Sicilia. Gioca nelle serie minori con il Nissa[7], il Delianuova (entrambe in Serie D) e infine con il Carini, in Eccellenza[8].

In carriera ha totalizzato complessivamente 35 presenze in Serie A e 212 presenze e 21 reti in Serie B.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Convocato nella Nazionale Under-20, partecipa al Mondiale Under-20 nel 1987, collezionando una presenza.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Dopo un periodo lontano dal calcio, nel 2008 è assunto dal Casteldaccia, formazione militante nella Promozione siciliana. Nel dicembre dello stesso anno viene esonerato[9].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Meteore in biancorosso: Giuseppe Compagno Storiapiacenza1919.it
  2. ^ Un atalantino al giorno: Giuseppe Compagno, una promessa non mantenuta Atalantini.gecosistemi.com
  3. ^ a b c Compagno e Bianchezi, pillole di Atalanta Tuttoatalanta.com
  4. ^ Rosa 1988-1989 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ Quel pari firmato da Pagano e Sorbello, Il Centro, 10 aprile 2004, pag.14
  6. ^ I Picciotti di Arcoleo la favola di una squadra figlia di una città intera, La Repubblica, 28 luglio 2013, pag.22 - sez. Palermo
  7. ^ Derby dello Stretto il 21 novembre. Beppe Compagno va alla Nissa, La Repubblica, 31 ottobre 2001, pag.12 - sez. Palermo
  8. ^ Carini, colonia rosanero. Barone debutta a 41 anni, La Repubblica, 4 settembre 2005, pag.16 - sez. Palermo
  9. ^ Verbale del contenzioso sull'esonero di Giuseppe Compagno Dirittocalcistico.it

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License