Giuseppe Favalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Favalli
Favalli Portsmouth v AC Milan.jpg
Favalli durante il riscaldamento pre-gara della partita di Coppa UEFA Portsmouth-Milan del 27 novembre 2008
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 15 maggio 2010
Carriera
Giovanili
Cremonese Cremonese
Squadre di club1
1987-1992 Cremonese Cremonese 94 (3)
1992-2004 Lazio Lazio 298 (4)
2004-2006 Inter Inter 49 (0)
2006-2010 Milan Milan 80 (2)
Nazionale
1989
1989-1994
1992
1994-2004
Italia Italia U-18
Italia Italia U-21
Italia Italia Olimpica
Italia Italia
9 (1)
24 (2)
6 (0)
8 (0)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Oro Spagna 1992
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 maggio 2010

Giuseppe Favalli (Orzinuovi, 8 gennaio 1972) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

È il calciatore con il maggior numero di presenze in tutte le competizioni ufficiali con la maglia della Lazio: 401.[1]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Cremonesemodifica | modifica sorgente

Cresciuto calcisticamente nelle file della Cremonese, ha esordito in prima squadra il 16 aprile 1989 allo stadio Giovanni Zini contro la Sambenedettese.[2] Il 27 agosto 1989 ha esordito in Serie A in Inter-Cremonese (2-1).[3]

Il 13 gennaio 1991 ha segnato il primo gol in carriera contro il Modena[4] e il 20 ottobre dello stesso anno ha realizzato la prima rete in Serie A contro il Verona.[5]

Nelle prime 4 stagioni da professionista con la maglia della Cremonese, durante le quali la squadra è stata promossa per due anni in Serie A, ha disputato 102 partite di cui 59 in Serie A, 35 in Serie B e 8 in Coppa Italia.

Laziomodifica | modifica sorgente

Nel 1992, a vent'anni, è stato acquistato dalla Lazio per 5 miliardi di lire,[6] formazione nella quale ha militato per dodici annate consecutive, fino alla stagione 2003-2004, arrivando ad essere il primo calciatore per numero di presenze complessive (401) in partite ufficiali con la maglia biancoceleste.[7] Nelle sue ultime due stagioni alla Lazio è stato anche capitano della squadra,[8] ereditando la fascia appartenuta al compagno di reparto Alessandro Nesta, trasferitosi quest'ultimo al Milan nell'estate del 2002.

All'avvicendarsi di allenatori quali Dino Zoff, Zdeněk Zeman, Sven-Göran Eriksson e infine Roberto Mancini, ha sempre saputo guadagnarsi un posto da titolare quasi inamovibile.

Con la maglia della Lazio ha vinto uno scudetto, tre Coppe Italia (contro Milan, Inter e Juventus), due Supercoppe italiane (contro Juventus e Inter), una Coppa delle Coppe (ai danni del Maiorca) e una Supercoppa UEFA (battendo 1-0 il Manchester United).

Intermodifica | modifica sorgente

Nel 2004 si è trasferito a parametro zero all'Inter, firmando un contratto biennale[8] con la squadra guidata dal suo ex compagno di squadra Roberto Mancini, che già lo aveva allenato alla Lazio.

Con i nerazzurri ha vinto due Coppe Italia, entrambe contro la Roma (2-0 e 1-0 la doppia finale del 2004, 1-1 e 3-1 l'anno seguente), conquistando così la Coppa Italia per tre volte consecutive. Dopo la revoca dello scudetto alla Juventus e l'assegnazione a tavolino dello stesso all'Inter, Favalli è diventato nuovamente Campione d'Italia.

Milanmodifica | modifica sorgente

Giuseppe Favalli (a destra) marca Reginaldo durante la partita di campionato Milan-Fiorentina del 6 maggio 2007.

Nel 2006, a 34 anni, è passato a parametro zero al Milan. Arrivato nella parte finale della sua carriera, è stato utilizzato soprattutto come difensore centrale dall'allenatore Carlo Ancelotti e, nella stagione 2009-2010, da Leonardo.

Il 7 aprile 2007 nella partita Milan-Empoli (3-1) ha segnato il primo gol con la maglia del Milan, ripetendosi la settimana dopo allo stadio San Filippo contro il Messina.[9]

Con i rossoneri ha vinto una Champions League contro il Liverpool, la sua seconda Supercoppa UEFA contro il Siviglia e una Coppa del mondo per club contro il Boca Juniors (dopo essere stato inserito nella lista dei convocati all'ultimo momento al posto dell'infortunato Ronaldo),[10] questi ultimi due trofei senza scendere in campo.

Il 15 maggio 2010 ha disputato la sua ultima partita in maglia rossonera in occasione dell'ultima giornata del campionato 2009-2010 nella sfida a San Siro contro la Juventus (3-0) in cui il pubblico gli ha riservato una standing ovation.[11] In totale con la maglia del Milan ha disputato 99 partite ufficiali segnando 2 gol, entrambi in campionato nella stagione 2006-2007.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Dopo aver giocato nella Nazionale italiana Under-18, a partire dal 1989 Favalli è stato convocato nell'Under-21, con la quale ha conquistato gli Europei Under-21 nel 1992, disputando anche la doppia finale contro la Svezia. Sempre nello stesso anno il terzino lombardo ha preso parte alle Olimpiadi di Barcellona, giocando da titolare tutte le 4 partite disputate dalla compagine azzurra.

Convocato dal CT azzurro Arrigo Sacchi, ha esordito in Nazionale maggiore l'8 ottobre 1994 a Tallinn contro l'Estonia (2-0 per l'Italia) in un incontro valevole per le qualificazioni all'Europeo 1996.

L'allora CT della Nazionale Giovanni Trapattoni lo ha inserito nel gruppo azzurro agli Europei 2004, dove è sceso in campo nella seconda partita del girone disputata contro la Svezia (1-1, reti di Cassano e Ibrahimović).

In totale ha collezionato 8 presenze con la Nazionale maggiore italiana di cui 5 in amichevole, una nelle qualificazioni all'Europeo 1996, una nella fase finale Europeo 2004 e una qualificazioni al Mondiale 2006.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 15 maggio 2010.

Stagione Squadra Campionato Coppa Italia Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1988-1989 Italia Cremonese B 2 0 - - - - - - - - - 2 0
1989-1990 A 28 0 CI 2 0 - - - - - - 30 0
1990-1991 B 33 2 CI 4 0 - - - - - - 37 2
1991-1992 A 31 1 CI 2 0 - - - - - - 33 1
Totale Cremonese 94 3 8 0 - - - - 102 3
1992-1993 Italia Lazio A 32 1 CI 4 0 - - - - - - 36 1
1993-1994 A 23 1 CI 0 0 CU 2 0 - - - 25 1
1994-1995 A 22 0 CI 5 0 CU 5 1 - - - 32 1
1995-1996 A 26 1 CI 3 0 CU 3 0 - - - 32 1
1996-1997 A 26 0 CI 3 0 CU 2 0 - - - 31 0
1997-1998 A 24 0 CI 8 0 CU 9 0 - - - 41 0
1998-1999 A 25 0 CI 4 0 CdC 5 0 SI 0 0 34 0
1999-2000 A 18 0 CI 2 0 UCL 5 0 SU 0 0 25 0
2000-2001 A 27 0 CI 3 0 UCL 6 1 SI 1 0 36 1
2001-2002 A 20 0 CI 4 0 UCL 6 0 - - - 30 0
2002-2003 A 26 1 CI 3 0 CU 6 0 - - - 35 1
2003-2004 A 29 0 CI 6 0 UCL 8 0 - - - 43 0
Totale Lazio 298 4 45 0 57 2 1 0 401 6
2004-2005 Italia Inter A 26 0 CI 2 0 UCL 9 0 - - - 37 0
2005-2006 A 23 0 CI 4 0 UCL 3 0 SI 1 0 31 0
Totale Inter 49 0 6 0 12 0 1 0 68 0
2006-2007 Italia Milan A 15 2 CI 3 0 UCL 4 0 - - - 22 2
2007-2008 A 26 0 CI 2 0 UCL 2 0 SU+Cmc 0 0 30 0
2008-2009 A 23 0 CI 1 0 CU 5 0 - - - 29 0
2009-2010 A 16 0 CI 1 0 UCL 1 0 - - - 18 0
Totale Milan 80 2 7 0 12 0 - - 99 2
Totale 521 9 66 0 81 2 2 0 670 11

Cronologia presenze e reti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Statistiche - Record, sslazio.it. URL consultato il 20 maggio 2013.
  2. ^ Giuseppe Favalli - Dettaglio stagione 1988-89, legaserieb.it. URL consultato il 10 novembre 2010.
  3. ^ Giuseppe Favalli - Dettaglio stagione 1989-90, legaseriea.it. URL consultato il 10 novembre 2010.
  4. ^ Giuseppe Favalli - Dettaglio stagione 1990-91, legaserieb.it. URL consultato il 10 novembre 2010.
  5. ^ Giuseppe Favalli - Dettaglio stagione 1991-92, legaseriea.it. URL consultato il 10 novembre 2010.
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 9 (1992-1993), Panini, 2 luglio 2012, p. 10.
  7. ^ Società - Statistiche - Record, sslazio.it. URL consultato il 10 novembre 2010.
  8. ^ a b Mercato: Favalli è dell'Inter, inter.it, 1º giugno 2004. URL consultato il 10 novembre 2010.
  9. ^ Ricky fa 13, Favalli bis!, acmilan.com, 15 aprile 2007. URL consultato il 10 novembre 2010.
  10. ^ Milan, Ronaldo salta il mondiale per club. Ancelotti: "Lo rivedremo dopo la sosta", la Repubblica, 12 dicembre 2007. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  11. ^ Davide Bin, Gol, emozioni e festa...ma non per tutti!, tuttomercatoweb.com, 16 maggio 2010. URL consultato il 16 maggio 2010.
  12. ^ Titolo assegnato d'ufficio dopo le sentenze della giustizia sportiva nell'ambito di Calciopoli.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License