Giuseppe Naudin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Naudin [1]

Giuseppe Naudin [1] (Parma, 10 maggio 1792Parma, 5 dicembre 1872) è stato un pittore italiano.

Era discendente da una famiglia francese trasferitasi a Parma all’epoca dei primi Borbone. Frequentò lo studio di Paolo Toschi, specializzandosi nell’arte della miniatura e dell’acquerello. Collaborò per un certo tempo con il Toschi e con Carlo Raimondi. Divenne noto anche a livello nazionale dopo aver eseguito alcune copie all'acquerello di affreschi del Correggio.

La duchessa Maria Luigia lo nominò pittore di corte e diventò accademico d'onore dell'Accademia di Belle Arti di Parma. Eseguì copie all'acquerello degli affreschi di vari pittori e raffinati quadri delle residenze di campagna di Maria Luigia e degli interni del palazzo ducale di Parma. Sotto la sua guida la duchessa perfezionò la tecnica dell'acquerello.

Diventò famoso in tutta Italia, soprattutto come miniaturista. Gli furono attribuite diverse onorificenze: nel 1872 il re d'Italia lo premiò con una medaglia d'oro e con le insegne mauriziane.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ È un cognome francese, la pronuncia corretta è noden.

Operemodifica | modifica sorgente

La maggior parte delle sue opere sono conservate al Museo Glauco Lombardi di Parma:

  • Il castello di Torrechiara
  • Il giardino privato di Maria Luigia, posto tra la Pilotta e il Palazzo Ducale
  • Sala del trono
  • Sala di ricevimento
  • Sala di soggiorno,
  • Camera da letto di Maria Luigia
  • Costume di contadina parmense
  • Ritratto di dama di Palazzo
  • Ritratto di Chiara Mazzucchini Guidoboni-Cerati
  • Ritratto della contessa Castagnola
  • Monumento a Rodolfo d’Asburgo
  • Camera da letto di Neipperg
  • Ritratto di Albertina di Montenuovo
  • Ritratto di Guglielmo di Montenuovo
  • Sala da studio
  • Ritratto di Alberto Sanvitale
  • La duchessa Maria Luigia in un viale del Casino dei Boschi di Sala Baqganza

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • R. Lasagni, Dizionario biografico dei Parmigiani, ed. PPS, Parma 1999

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Nick Edel








Creative Commons License