Giuseppe Palizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bosco di Fontainebleau, 1886 ca. (Fondazione Cariplo)

Giuseppe Palizzi (Lanciano, 1812Parigi, 1888) è stato un pittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Giunto a Napoli nel 1835, frequenta dall'anno seguente il Reale Istituto di Belle Arti entrando in contatto con i pittori della Scuola di Posillipo.

Alle mostre annuali presenta paesaggi storici ma i difficili rapporti col mondo accademico lo portano a lasciare l’Italia: nel 1844 si stabilisce a Passy, nella regione dell’Île-de-France, ai margini della foresta di Fontainebleau che diventa soggetto privilegiato della sua pittura, maturata verso un attento verismo grazie anche all’influsso degli artisti della scuola di Barbizon.

In contatto epistolare col fratello Filippo, condivide con lui le proprie ricerche artistiche. Espone regolarmente ai Salon parigini e, dopo un soggiorno in Italia nel 1854, rientra in Francia dove la sua pittura di paesaggio, spesso animata da figure di umili lavoratori, riscuote grande successo.

Insignito della Legion d'onore nel 1859 e, in Italia, della croce di Cavaliere dei Santi Maurizio e Lazzaro nel 1862, morirà a Parigi nel 1888.

Giuseppe Palizzi nei museimodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Laura Casone, Giuseppe Palizzi, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA (fonte per la biografia).
  • Giuliano Matteucci, Aria di Parigi nella pittura italiana di del secondo Ottocento, Torino, Umberto Allemandi editore, 1998.
  • Antonio Menna e Vittorio Menna, Giuseppe Palizzi - Celebrazione del bicentenario della nascita (1812-2012), Vasto, Edizioni Cannarsa, 2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License