Giuseppe Unere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Unere
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1986 - calciatore
2008 - allenatore
Carriera
Giovanili
Torino Torino
Squadre di club1
1965-1966 Torino Torino 0 (0)
1966-1967 Anconitana Anconitana 28 (1)
1967-1968 Catania Catania 24 (1)
1968-1969 Torino Torino 1 (0)
1969-1970 Piacenza Piacenza 26 (2)
1970-1971 Livorno Livorno 31 (2)
1971-1972 Novara Novara 33 (3)
1972-1973 Taranto Taranto 15 (0)
1973-1975 Alessandria Alessandria 30 (1)
1975-1978 Asti Asti  ? (?)
 ???? Flag of None.svg Nolese  ? (?)
 ???? Flag of None.svg Loanesi  ? (?)
1980-1981 600px Blu e Rosso2.png Borgio Verezzi  ? (?)
1985-1986 600px Blu e Rosso2.png Borgio Verezzi  ? (?)
Carriera da allenatore
1982-1983 Savona Savona Giovanili
1984-1987 600px Blu e Rosso2.png Borgio Verezzi
1987-1988 Flag of None.svg Quiliano
2007-2008 Flag of None.svg Pietra Ligure
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Unere (San Damiano d'Asti, 29 giugno 1946giugno 2008) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo terzino sinistro.

È scomparso a giugno 2008 all'età di 62 anni. In sua memoria viene organizzato annualmente un torneo giovanile di calcio ad Asti[1].

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Cresciuto calcisticamente nel vivaio del Torino[2], a partire dal 1966 viene inviato a fare esperienza in prestito prima all'Anconitana in Serie C e quindi in comproprietà al Catania, con cui debutta nel campionato di Serie B 1967-1968 collezionando 24 presenze e un gol[3].

Nel 1968 viene riscattato dai granata[4], con cui scende in campo in un solo incontro del campionato 1968-1969 (pareggio interno col Lanerossi Vicenza del 13 ottobre 1968)[5].

Prosegue quindi la carriera in Serie B, dove disputerà altri cinque campionati (oltre a quello disputato in precedenza a Catania), sempre inviato in prestito dal Torino. Milita per una stagione nel Piacenza[6], per una nel Livorno[7] e per una nel Novara, tutte da titolare. Nel 1972, dopo essere rientrato nuovamente al Torino, viene girato al Taranto[8], dove contribuisce come rincalzo (15 presenze) alla salvezza conquistta in extremis dai pugliesi[9].

Dopo quattro stagioni consecutive in Serie B scende in terza serie con l'Alessandria, con cui centra la promozione nei cadetti nel campionato 1973-1974. Vi rimane fino alla stagione successiva, conclusa con la retrocessione; al termine del campionato viene riscattato dai grigi, ma il nuovo allenatore Giacomo Losi lo mette in lista di trasferimento[10].

In seguito milita nell'Asti, in Serie D[11], dove è tormentato da un infortunio al ginocchio[12], e chiude la carriera come allenatore-giocatore nel Borgio Verezzi, a oltre 40 anni, dopo aver militato in formazioni delle serie minori della Riviera di Ponente[13][14].

In carriera ha totalizzato complessivamente 142 presenze e 8 reti in Serie B.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Cessata l'attività agonistica, ha intrapreso quella di allenatore, guidando le giovanili del Savona[15] e poi formazioni delle serie minori di Liguria e Piemonte[16][17][18].

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Almanacco illustrato del calcio 1973, edizioni Panini, pag.61

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ 2° MEMORIAL "BEPPE UNERE" Albatroscomunicazione.it
  2. ^ Piazza Filadelfia Torovox.org
  3. ^ Catania 1967-1968 clubcalciocatania.it
  4. ^ Il mercato calcistico si avvia alla conclusione: voci e fatti, L'Unità, 24 luglio 1968, pag.9
  5. ^ L'esordio dei calciatori del Torino (1960/61-1969/70) faccedatoro.altervista.org
  6. ^ Rosa 1969-1970 storiapiacenza1919.it
  7. ^ La Juventus regina del mercato, L'Unità, 13 luglio 1970, pag.8
  8. ^ Varese e Como vendono, il Monza compra, L'Unità, 26 giugno 1972, pag.8
  9. ^ Taranto Calcio 1972-1973
  10. ^ Sportflash, L'Unità, 1º agosto 1975, pag.10
  11. ^ L'Asti a Novi, derby di fuoco La Stampa, 4 aprile 1976, pag.4
  12. ^ Asti: musi lunghi ma c'è speranza La Stampa, 18 aprile 1978
  13. ^ Priamar-Mallare già "big match" La Stampa, 12 ottobre 1980, pag.4
  14. ^ Unere: il ruggito del vecchio leone La Stampa, 27 febbraio 1986, pag.20
  15. ^ Presto nuova linfa La Stampa, 4 agosto 1982, pag.15
  16. ^ Unere è già riconfermato dal Borgio La Stampa, 14 maggio 1986, pag.22
  17. ^ Tonoli per un grande Millesimo. Al Cengio il ritorno di Vasconi La Stampa, 9 giugno 1988, pag.4
  18. ^ Campionato stellare con Veloce, Sassello e Carcarese favorite, Il Secolo XIX, 21 settembre 2007, pag.53

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License